Alberta MLA è stato monitorato da 5 diversi agenti di polizia, mostrano i documenti

Visualizzazioni: 16
0 0
Tempo per leggere:10 Minuto, 56 Secondo

Negli ultimi quattro anni, Shannon Phillips, MLA di Lethbridge NDP, ha sospettato che alcuni membri delle forze di polizia della città la stessero monitorando.

Una cache di documenti rilasciati di recente mostra che aveva ragione.

Nel 2017, quando Phillips era il ministro dell’ambiente dell’Alberta, gli agenti di polizia di Lethbridge le hanno scattato delle fotografie di nascosto in un ristorante e le hanno pubblicate in modo anonimo su Internet. Ma Phillips credeva che ci fossero ulteriori prove che lei fosse osservata.

Quindi, nell’agosto 2020, ha presentato una richiesta sotto il Legge sulla libertà di informazione e protezione della privacy (noto come FOIP) su se stessa e la polizia di Lethbridge.

Il risultato, che ha ricevuto alla fine dello scorso anno, è stato di 9.308 pagine su un compact disc. Quasi tutto è oscurato in tutto o in parte, ma le diverse centinaia di pagine non modificate pubblicate e visualizzate esclusivamente da CBC News contengono rivelazioni sorprendenti.

GUARDA | Alberta MLA Shannon Phillips silenziosamente monitorato dalla polizia locale:

Dopo essersi trasferito per proteggere alcuni sentieri provinciali dagli ATV, l’ex ministro dell’ambiente dell’Alberta Shannon Phillips pensava che qualcuno la stesse seguendo. Quello che non sapeva era che si trattava di membri della polizia di Lethbridge. 8:20

Nel corso di 11 mesi nel 2018, il nome di Phillips è stato cercato otto volte da cinque diversi agenti di polizia, uno dei quali ora è in pensione, nonché da un dipendente civile.

Sebbene i documenti rivelino che la polizia ha avuto accesso a file contenenti informazioni personali su Phillips, non è stato fornito alcuno scopo investigativo per nessuna di queste ricerche. Ciò è in netto contrasto con le ricerche effettuate con uno scopo legittimo, ad esempio quando l’auto di Phillips è stata rubata nel giugno 2017.

Le ricerche rivelate nella richiesta FOIP erano “una spedizione di pesca, per motivi di ficcanaso o per voler fare pettegolezzi”, ha detto Phillips in una recente intervista a CBC News. “Non vi è alcun motivo associato alla ricerca in quei record.”

La richiesta FOIP ha anche rivelato che un denunciante ha detto alla polizia che credeva che Phillips fosse destinato a essere drogato in un bar di Lethbridge nel 2016 – un’accusa che la polizia non ha mai condiviso con Phillips.

Quando sono stati contattati da CBC News, nessuno degli individui identificati nell’audit di ricerca né il servizio di polizia di Lethbridge ha fornito informazioni, chiarimenti o commenti per questa storia.

Un controllo di ogni volta che il nome di Phillips è stato cercato nel database del servizio di polizia di Lethbridge, noto come Niche, solleva serie questioni etiche e legali, ha affermato Emily Laidlaw, esperta legale di sicurezza informatica e professore associato presso l’Università di Calgary.

Se le ricerche del nome di Phillips non fossero autorizzate per affari di polizia, potrebbero violare sia la legislazione sulla privacy che il codice penale, ha detto Laidlaw.

Questo non è diverso dall’hacking. È solo che non hanno bisogno di entrare in un sistema per avere accesso ai dati “, ha detto Laidlaw.” In realtà li hanno a disposizione e dovrebbero esercitare l’autocontrollo “.

Polizia e civili cercano file Phillips nel database

Mentre CBC News stava ricercando e conducendo interviste per questa storia, Il Serious Incident Response Team di Alberta (ASIRT) ha annunciato che avrebbe indagato su tutte le ricerche condotte nel 2018 che Phillips ha identificato nella sua denuncia.

I record indicano che:

  • Il 9 gennaio 2018, il nome di Phillips è stato cercato dal dipendente civile Alyson Dunsmore ed è stato consultato un file della polizia.
  • Il 9 febbraio 2018, Cst. Ross Bond ha cercato tre volte il nome di Phillips e ha aperto due fascicoli della polizia con il nome di Phillips.
  • Il 5 marzo 2018, Cst. Joel Odorski ha cercato il nome di Phillips e ha aperto una cartella della polizia.
  • Lo stesso giorno, il vice capo Scott Woods e il sergente. Peter Christos ha anche cercato il nome di Phillips e ha aperto i fascicoli della polizia.
  • Il 29 novembre 2018, Cst. Derek Riddell ha cercato il nome di Phillips e ha aperto una “voce di persona”, il che significa che non ha avuto accesso a una specifica cartella della polizia.

Sia Woods che Christos sono associati alla Professional Standards Unit, ma la polizia di Lethbridge non confermerà se c’era un’indagine attiva che richiedesse loro di accedere ai registri di Phillips. Non esiste uno scopo investigativo o professionale standard elencato nei documenti.

Il capo della polizia di Lethbridge Shahin Mehdizadeh, visto in una foto di file, ha detto a CBC News che sarebbe “ altamente improprio per te riportare conclusioni su chi ha o non ha condotto una ricerca nel database [on Phillips] senza scopo investigativo fino a quando l’indagine non avrà svolto correttamente il suo corso. “ (Tristan Le Rudulier / CBC)

Quando l’ASIRT annunciò pubblicamente la sua indagine, il capo della LPS Shahin Mehdizadeh scrisse a CBC News che “sembrerebbe improprio per uno qualsiasi dei membri dello staff … commentare pubblicamente … mentre un’indagine è in corso”.

Nella dichiarazione, Mehdizadeh ha fatto eccezione per CBC News contattando le persone citate nei documenti per commenti o chiarimenti, caratterizzandole come “accuse” contro di loro.

“Sarebbe inoltre altamente improprio per te riportare conclusioni su chi ha o non ha condotto una ricerca nel database senza scopo investigativo fino a quando il [ASIRT] l’indagine ha fatto il suo corso “, ha avvertito Mehdizadeh.

CBC News è tenuta, legalmente e giornalisticamente, a chiedere commenti alle persone nominate e al servizio di polizia di Lethbridge.

“Che cosa è successo con le informazioni?”

Michael Bates, l’avvocato di Phillips, si chiedeva fino a che punto potessero essersi spinte le informazioni ottenute nelle ricerche. “Se lo fossero [done] per un motivo personale, un motivo non imposto dalla legge, cosa è successo con le informazioni? Dove è stato diffuso? Come si è abituato? “

Bates ha detto che spera che l’indagine ASIRT tenga traccia di ciò che è stato fatto esattamente con le informazioni personali di Phillips. “Questi sono pezzi davvero chiave, importanti per cercare di arrivare fino in fondo”.

Le ricerche del nome di Phillips non sono gli unici dettagli esplosivi rivelati dai documenti. Mentre esaminava i documenti, Phillips è stato agghiacciato da una denuncia del marzo 2016 presentata alla polizia da una persona il cui nome è stato oscurato.

La persona ha detto alla polizia che sei giorni prima credeva di essere stata “drogata mentre beveva all’Owl Bar”, un riferimento a un famoso pub di Lethbridge.

I file FOIP ricevuti da Phillips includono un’accusa del 2016 secondo cui era l’obiettivo previsto di una droga al famoso bar di Lethbridge The Owl. (Dave Rae / CBC News)

Dopo aver bevuto un bicchierino di whisky irlandese, la presunta vittima ha detto alla polizia di “non ricordare nulla”. La denuncia pesantemente redatta afferma che qualcuno, il cui nome è anche oscurato, “pensava che lo scatto fosse destinato [Shannon] Phillips. “

Phillips ha detto che non tiene un calendario degli eventi sociali, ma alcuni dei membri del suo staff erano nel suo distretto alla data del presunto reato e ha detto che è possibile che avrebbero potuto visitare il pub quella sera per “un hamburger e un birra.”

Secondo il rapporto, l’agente ha posto domande sulle “varie versioni” dell’incidente e ha chiarito una ripartizione cronologica della notte in questione prima di notare che il denunciante “non desiderava che fossero intraprese ulteriori azioni di polizia”.

Non è chiaro se l’incidente sia mai stato indagato oltre la denuncia iniziale.

Phillips ha detto che non le è stato detto nulla sulla presunta droga. Nonostante fosse elencata come denunciante nel rapporto della polizia, ha appreso delle accuse sconvolgenti solo mentre esaminava i documenti rilasciati a lei dal FOIP.

“Quindi questo era marzo del 2016 che questo evidentemente è accaduto”, ha detto Phillips. “Sono elencato come testimone nel rapporto della polizia e lo scopro l’8 dicembre 2020?”

Anni di email, abusi online

Anche il suo avvocato ha delle domande – vale a dire, perché la polizia non avrebbe avvertito qualcuno, in particolare un ministro del governo dell’epoca, di una tale potenziale minaccia.

“Quali decisioni sono state prese sul motivo per cui non sarebbero state informazioni che sarebbero state condivise con una persona nominata come target previsto?” Ha detto Michael Bates.

Phillips, che ora è il critico finanziario dell’opposizione in Alberta, è stato regolarmente sottoposto al tipo di corrispondenza vile e misogina che è comune a molte donne in politica. L’atmosfera era abbastanza minacciosa che la provincia ha fornito le sue guardie del corpo del servizio di protezione ravvicinata ad un certo punto del suo primo mandato.

L’assistente del collegio elettorale di Phillips, Lisa Lambert, ha agito da cuscinetto tra il suo capo e l’odio che riceveva tramite e-mail e social media, che continua ancora oggi.

“Dicevamo che se non fossimo stati chiamati a [misogynistic slur] alle nove del mattino, non eravamo ancora al lavoro “, ha detto Lambert.” Era costante. “

Lambert conservava archivi dei peggiori esempi, inclusi alcuni relativi a un piano del 2017 proposto da Phillips per eliminare gradualmente l’uso dei veicoli fuoristrada (OHV) su sentieri designati nel Castle Provincial Park, a ovest di Lethbridge, che ha attirato le proteste degli appassionati di fuoristrada.

Molte delle persone che scrivono e-mail o post sui social media non si sono nemmeno preoccupate di nascondere i loro nomi. Quando lo hanno fatto, Lambert ha fatto tutto il possibile per scoprire la vera identità della persona.

Incidente fotografico del 2017

Nel 2017, le foto di Phillips scattate in un ristorante dove ha incontrato alcuni amici e ambientalisti sono state condivise da un account Facebook anonimo.

Questa è una delle foto scattate a Phillips, in sciarpa gialla, e ad alcuni amici in una tavola calda nel 2017. È stata pubblicata su una pagina Facebook anonima, dove una didascalia chiamava l’allora ministro dell’ambiente “l’ipocrita preferito di tutti”. La pagina Facebook è stata successivamente rivelata appartenere a un agente di polizia di Lethbridge. La pagina non esiste più. (Inserito da Shannon Phillips)

Il racconto apparteneva a qualcuno chiamato Mike Corps, e riportava erroneamente che il gruppo al tavolo di Phillips aveva parlato di chiudere altri sentieri in Alberta per la reintroduzione dei bisonti.

Lambert ha detto che quando ha fatto sapere a Phillips, secondo quanto riferito, Phillips le ha detto, “”Be ‘, l’unica persona che avrebbe potuto prenderlo era un ufficiale in uniforme.’ “Phillips disse a Lambert che il tavolo della tavola calda che avrebbe avuto quell’angolazione della telecamera era occupato da agenti in servizio del servizio di polizia di Lethbridge.

Attraverso ulteriori indagini online, Lambert ha scoperto che LPS Const. Keon Woronuk era dietro il post di Facebook, che identificava Phillips come “l’ipocrita preferito di tutti”.

Un’indagine del servizio di polizia di Medicine Hat sull’incidente di spionaggio e una successiva udienza disciplinare nel luglio 2020 ha stabilito che sia Carrier che Woronuk erano entusiasti del fuoristrada che si opponevano al governo NDP e ai suoi piani per Castle Park.

Woronuk era arrivato al ristorante dopo che il suo collega Sgt. Jason Carrier aveva scattato le prime foto e Carrier le ha condivise tramite testo.

“È spaventoso farsi fotografare di nascosto e poi mentire completamente sul contenuto di una riunione”, ha detto Phillips.

Secondo le indagini, Woronuk si è spinto oltre le foto e i post. Ha seguito due degli ospiti di quell’incontro – gli ambientalisti Harvey Locke e Marie-Eve Marchand – nel loro veicolo per cinque isolati prima di perderli al semaforo rosso. Ha anche eseguito una ricerca sulla loro targa.

La disciplina degli ufficiali fece appello

Entrambi gli ufficiali sono stati disciplinati e degradati di grado per la loro cattiva condotta.

GUARDA | Shannon Phillips chiede un’indagine indipendente dopo che gli agenti di polizia di Lethbridge sono stati retrocessi:

L’ex ministro del gabinetto del NDP dell’Alberta e attuale MLA per Lethbridge-West afferma che un’indagine esterna aiuterebbe a ripristinare la fiducia nella polizia di Lethbridge dopo aver appreso che due agenti hanno condotto la sorveglianza su di lei senza autorizzazione. 1:41

Ma il mese scorso, il Law Enforcement Review Board ha definito il loro processo disciplinare “contaminato, imperfetto e grossolanamente inadeguato”, mentre concedeva a Phillips il diritto di appello alla disciplina. Quell’appello avverrà probabilmente a settembre.

Quasi quattro anni dopo, Lambert è ancora sbalordita da ciò che ha scoperto da quel post anonimo sui social media nel 2017.

“Ero così disgustato dal pensiero di cui qualcuno fosse là fuori a scattare fotografie [Phillips], in uniforme della polizia, con il potere dello Stato “, ha detto Lambert.

Harvey Locke e Marie-Eve Marchand sono stati seguiti dalla polizia e hanno subito perquisizioni sulla targa dopo un brunch del 2017 con Phillips. (Inviato)

Phillips sa che le nuove indagini che ha avviato potrebbero portare alla luce dettagli ancora più sconvolgenti. Ma ha detto che c’è un principio in gioco.

“Questi ragazzi ancora non capiscono che c’è un confine tra i tuoi sentimenti personali e il modo in cui svolgi il tuo lavoro come funzionario delle forze dell’ordine”, ha detto.

“Se non riesci a trovarlo in te stesso per perseguire [police] doveri in un modo che lasci da parte i tuoi sentimenti e le tue piccole bizze politiche, non meriti la pistola e il distintivo e la divisa “.

#Alberta #MLA #stato #monitorato #diversi #agenti #polizia #mostrano #documenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *