BC assumerà 1.400 lavoratori licenziati dai settori del turismo e dell’ospitalità per aiutare a gestire cliniche di immunizzazione di massa

Visualizzazioni: 18
0 0
Tempo per leggere:3 Minuto, 2 Secondo

La Columbia Britannica sta reclutando 1.400 lavoratori con licenza nei settori dell’ospitalità e del turismo della provincia, duramente colpiti, per aiutare ad avviare cliniche di immunizzazione di massa ad aprile.

Il premier della BC John Horgan ha annunciato mercoledì che la provincia assumerà lavoratori di 14 organizzazioni per svolgere attività non cliniche nei centri di immunizzazione della provincia.

Le compagnie, che hanno subito perdite significative e licenziato lavoratori durante la pandemia, includono Air Canada, WestJet, Vancouver International Airport, Vancouver Canucks e Tourism Whistler.

La dottoressa Penny Ballem, che sta guidando il programma di immunizzazione della provincia, ha detto che i lavoratori si concentreranno sul supporto logistico, inclusa la gestione delle migliaia di persone che dovrebbero passare attraverso le cliniche.

La provincia afferma che farà affidamento anche sulle competenze linguistiche dei lavoratori.

“Siamo estremamente grati di averli fatti avanti e di portare le loro incredibili capacità intorno all’accoglienza delle persone”, ha detto Ballem.

Ballem ha detto che le aziende hanno già iniziato a chiamare e formare centinaia di personale per lavorare nelle cliniche di immunizzazione.

Ha detto di aver sentito da anziani che hanno ricevuto il vaccino e che affermano di essere stati “felicissimi” della loro esperienza.

“Sono stati ricevuti con tanta compassione e tanta cura”, ha detto.

Altri gruppi nel programma includono BC Pavilion Corporation, Ceres Terminals Canada, Croce Rossa canadese, Fraser Valley Bandits, Pacific Destinations Services, Pacific National Exhibition e Vancouver Giants.

Horgan ha detto che i lavoratori saranno pagati dalle aziende, con la provincia che aumenterà alcuni stipendi.

“Aumento inaccettabile” nei casi

Horgan ha anche esortato i colombiani britannici a continuare a seguire gli ordini di sanità pubblica, citando “l’aumento inaccettabile” dei casi nella provincia.

“Dobbiamo continuare a seguire le indicazioni del dottor Henry”, ha detto. “Gli ordini di sanità pubblica non sono lì per essere punitivi. Sono lì per tenerci al sicuro”.

Horgan ha detto che l’ufficiale sanitario provinciale Dr. Bonnie Henry condividerà più dettagli giovedì su come la provincia intende gestire le visite nelle strutture di assistenza a lungo termine, dove la maggior parte del personale e dei residenti è stata vaccinata.

Il premier ha anche detto che mercoledì ha ricevuto da Ottawa assicurazioni che la provincia continuerà a ricevere spedizioni di vaccini.

Segue rapporti che l’Unione europea è considerando le restrizioni all’esportazione per le prossime sei settimane e l’India sta temporaneamente trattenendo le spedizioni del vaccino AstraZeneca-Oxford

“Siamo assicurati dall’ufficio del primo ministro che è a tutto vapore”, ha detto Horgan.

“Continueremo a prendere la nostra direzione da coloro che stanno procurando i vaccini a tutti i canadesi e questo è il governo federale”.

Horgan ha detto che Ballem e Henry sono in contatto regolare con le loro controparti provinciali per garantire che ci sia una fornitura adeguata di vaccini nella provincia.

Ballem ha osservato che la provincia ha istituito più di 150 cliniche e si sente “fiducioso” con il lancio.

La cronologia dei vaccini accelera

Funzionari sanitari annunciato martedì che altre 200.000 persone che hanno gravi condizioni mediche potrebbero prenotare un intervento prima del previsto, a partire da lunedì.

Il ministro della Salute Adrian Dix afferma che sono stati compiuti “enormi progressi” nel programma di vaccinazione basato sull’età, consentendo al governo di spostare in coda coloro che sono maggiormente a rischio per la salute.

Le persone con varie forme di cancro, i riceventi di trapianto, quelli con gravi problemi respiratori, malattie renali e altre condizioni riceveranno una lettera per posta da portare all’appuntamento.

Anche il programma basato sull’età viene accelerato, con i 76 anni in su in grado di prenotare a partire da mezzogiorno di mercoledì.

#assumerà #lavoratori #licenziati #dai #settori #del #turismo #dellospitalità #aiutare #gestire #cliniche #immunizzazione #massa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *