BC consente temporaneamente servizi interni limitati per le prossime festività religiose

Visualizzazioni: 14
0 0
Tempo per leggere:2 Minuto, 50 Secondo

La Columbia Britannica consentirà un numero limitato di servizi religiosi al chiuso durante le prossime sei settimane come parte di una variazione una tantum per accogliere le prossime festività religiose, ha detto giovedì l’ufficiale sanitario provinciale.

Le riunioni religiose al chiuso saranno consentite tra il 28 marzo e il 13 maggio. Attualmente, le funzioni religiose possono svolgersi solo all’aperto.

I leader religiosi possono scegliere quattro giorni nell’arco di sei settimane per tenere i servizi. La partecipazione sarà limitata a 50 persone o al 10% di capacità, a seconda di quale sia il valore inferiore. Non ci saranno limiti di tempo per i servizi e l’ufficiale sanitario provinciale Dr. Bonnie Henry dice che sta lavorando con i leader religiosi sui dettagli.

La decisione è stata presa in consultazione con uno “spettro diversificato” di comunità spirituali e di fede in BC, ha detto Henry.

“Questo rappresenta un primo passo nella graduale riapertura della fede al chiuso e delle riunioni di gruppi spirituali nella Columbia Britannica”.

GUARDA: L’ufficiale sanitario provinciale spiega l’apertura con l’aumento dei casi COVID

La dottoressa Bonnie Henry dice che questa è una delle domande che le vengono poste più spesso. 1:06

Ha detto che il periodo di tempo è stato scelto in considerazione di diverse festività imminenti nelle comunità di fede, tra cui Pasqua, Pasqua ebraica, Ramadan e Vaisakhi.

Henry ha detto che spera che questa varianza una tantum possa essere estesa, ma ciò dipende dai dati epidemiologici in BC nelle prossime settimane.

“Il tempo lo dirà”, ha detto. “Se le condizioni ci richiedono di rivedere questo, lo faremo di nuovo in consultazione”.

‘Aspettando e chiedendosi’

I casi attivi di COVID-19 sono al loro livello più alto in BC dal 9 gennaio, a circa 5.570 a partire da mercoledì.

Henry, insieme al ministro della Salute Adrian Dix, ha annunciato all’inizio di questa settimana che un ordine di sanità pubblica che vieta raduni ed eventi è stato modificato per consentire riunioni religiose all’aperto, purché siano in atto piani di sicurezza COVID-19.

Il Rev. Anne Privett, un sacerdote della chiesa anglicana di Sant’Andrea a Kelowna, dice che si sta preparando ad aggiungere componenti esterni di persona ai suoi servizi per il fine settimana di Pasqua.

“Stavamo aspettando e chiedendoci se qualcosa potesse cambiare in tempo per Pasqua”, ha detto Privett a CBC Lo spuntar del giorno a sud.

“È stato un sollievo ricevere l’avviso della variazione, anche solo così possiamo almeno conoscere la disposizione del terreno per il futuro e pianificare di conseguenza”.

I servizi online continueranno a essere offerti, perché alcuni membri della chiesa, compresi quelli che sono anziani, si sentono più a loro agio a stare lontani per il momento, ha aggiunto.

La chiesa si trova nel mezzo di una zona di costruzione, ha detto Privett, ma un cimitero dietro la chiesa verrà utilizzato per il servizio all’aperto.

Giovedì, Henry ha detto che i leader religiosi e i funzionari sanitari condividono l’obiettivo comune di mantenere le persone al sicuro.

Ha detto di non provare piacere a limitare le pratiche di una comunità religiosa. Chiede a coloro che partecipano ai servizi di attenersi alle norme sanitarie e di collaborare con i leader religiosi.

“Vogliamo che questo sia un successo”, ha detto Henry.

“Ho rispetto, fede e fiducia nelle nostre comunità di fede che continueremo a lavorare insieme per assicurarci di poterlo fare in sicurezza nei prossimi mesi”.

#consente #temporaneamente #servizi #interni #limitati #prossime #festività #religiose

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *