Biden raddoppia l’obiettivo di vaccinazione negli Stati Uniti a 200 milioni di dosi nei primi 100 giorni

Visualizzazioni: 16
0 0
Tempo per leggere:5 Minuto, 27 Secondo

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha aperto la sua prima conferenza stampa ufficiale giovedì con un cenno del capo al miglioramento del quadro sulla lotta al coronavirus, raddoppiando il suo obiettivo originale promettendo che la nazione somministrerà 200 milioni di dosi di vaccini COVID-19 entro la fine dei suoi primi 100 giorni in ufficio.

L’amministrazione aveva raggiunto l’obiettivo iniziale di Biden di 100 milioni di dosi all’inizio di questo mese – anche prima del suo 60 ° giorno in carica – mentre il presidente spingeva per sconfiggere una pandemia che ha ucciso più di 545.000 americani e devastato l’economia della nazione.

Ma mentre Biden aveva tenuto a freno la sua prima conferenza stampa in modo da poterla utilizzare per celebrare i progressi contro la pandemia e il passaggio di un gigantesco pacchetto di soccorso COVID-19, era certo di essere pressato durante la sessione di domande e risposte su tutti i tipi di altre sfide che sono emerse lungo la strada.

Un paio di sparatorie di massa, crescenti tensioni internazionali, primi segni di divisioni all’interno del partito e un numero crescente di migranti che attraversano il confine meridionale stanno tutti affrontando un’ala occidentale nota per la sua disciplina del messaggio.

Biden era stato il primo amministratore delegato in quattro decenni a raggiungere questo punto nel suo mandato senza tenere una conferenza stampa formale,

Il ritmo delle vaccinazioni potrebbe aumentare ulteriormente

Sebbene apparentemente ambizioso, l’obiettivo del vaccino di Biden equivale a una continuazione del ritmo attuale delle vaccinazioni fino alla fine del prossimo mese. Gli Stati Uniti hanno ora una media di circa 2,5 milioni di dosi al giorno. È possibile un tasso ancora maggiore.

Nel corso del prossimo mese, due dei colli di bottiglia per far vaccinare gli americani saranno eliminati poiché la fornitura di vaccini negli Stati Uniti è sulla buona strada per aumentare e gli stati revocano i requisiti di ammissibilità per ottenere i colpi.

La scena sembrava molto diversa da quella che gli americani sono abituati a vedere per le conferenze stampa presidenziali formali.

I giornalisti praticano le distanze sociali mentre Biden tiene la sua prima conferenza stampa ufficiale nella Sala Est della Casa Bianca giovedì. (Leah Millis / Reuters)

Il presidente era ancora dietro un podio su uno sfondo di bandiere. Ma a causa della pandemia, solo 30 sedie socialmente distanziate per giornalisti erano sparse nell’ampia sala. La presenza limitata della Casa Bianca a causa del COVID-19 e gli assistenti disinfetteranno i microfoni prima che vengano inviati ai giornalisti chiamati da Biden.

“È un’opportunità per lui di parlare al popolo americano, ovviamente direttamente attraverso la copertura, direttamente attraverso tutti voi”, ha detto martedì ai giornalisti a bordo dell’Air Force One l’addetto stampa della Casa Bianca Jen Psaki.

“E quindi penso che stia pensando a cosa vuole dire, cosa vuole trasmettere, dove può fornire aggiornamenti e, sai, non vede l’ora di avere l’opportunità di impegnarsi con una stampa libera”.

Sebbene Biden sia stato al passo con i suoi predecessori nel rispondere alle domande della stampa in altri formati, tende a rispondere solo a una o due richieste informali alla volta, di solito in un ambiente frettoloso alla fine di un evento o di fronte a un ronzio elicottero.

Pressione per tenere una conferenza stampa

La pressione su Biden era aumentata per tenere una sessione formale, che consente ai giornalisti di avere un lungo avanti e indietro con il presidente sulle questioni del giorno. I critici conservatori di Biden hanno sottolineato il ritardo nel suggerire che Biden fosse protetto dal suo staff.

Gli assistenti di West Wing hanno respinto le domande su una conferenza stampa come un’ossessione di Washington, indicando gli alti tassi di approvazione di Biden mentre suggeriscono che il pubblico in generale non è preoccupato per l’evento. Lo stesso presidente, quando mercoledì gli è stato chiesto se fosse pronto per la conferenza stampa, ha scherzato: “Quale conferenza stampa?”

Dietro le quinte, però, gli assistenti hanno preso l’evento abbastanza seriamente da tenere una finta sessione con il presidente all’inizio di questa settimana. E c’è una certa preoccupazione che Biden, un’autoproclamata “macchina gaffe”, possa lanciare messaggi e generare una serie di cicli di notizie poco lusinghiere.

“La conferenza stampa ha uno scopo importante: offre alla stampa un’opportunità estesa per ritenere un leader responsabile delle decisioni”, ha detto Kathleen Hall Jamieson, studiosa presidenziale e professore di comunicazione presso l’Università della Pennsylvania.

“Una domanda che faccio: cosa imparerà il pubblico in questa sede che non potrebbe imparare altrove? E perché è importante? La risposta: il presidente parla per la nazione”.

Molteplici sfide

Ci si aspettava che Biden indicasse un’impennata nella distribuzione di vaccini, incoraggiando segnali nell’economia e i benefici che gli americani riceveranno dal pacchetto di stimolo radicale.

Ma abbondano le sfide.

La sua apparizione arriva appena un giorno dopo aver nominato il vicepresidente degli Stati Uniti Kamala Harris per guidare la risposta del governo alla situazione al confine tra Stati Uniti e Messico, dove l’amministrazione deve affrontare una crescente sfida umanitaria e politica che minaccia di oscurare l’agenda legislativa di Biden.

In meno di una settimana, due sparatorie di massa hanno scosso la nazione e sono aumentate le pressioni sulla Casa Bianca per sostenere misure di armi più severe. La Casa Bianca ha lottato per smorzare uno sforzo nazionale da parte delle legislature repubblicane per inasprire le leggi elettorali. Una coppia di senatori democratici ha minacciato brevemente di ritardare la conferma degli incaricati di Biden a causa della mancanza di rappresentanza asiatica americana nel governo. E sia la Corea del Nord che la Russia hanno scatenato azioni provocatorie per testare un nuovo comandante in capo.

Rimanere sul messaggio

In netto contrasto con la precedente amministrazione, la Casa Bianca di Biden ha esercitato un’estrema disciplina sui messaggi, autorizzando il personale a parlare ma facendolo con cautela.

Il nuovo team della Casa Bianca ha gestito con attenzione le apparizioni del presidente, il che serve agli scopi di Biden ma nega ai media l’opportunità di spingerlo direttamente su importanti questioni politiche e di impegnarsi in quel tipo di avanti e indietro che può estrarre informazioni oltre i punti di discussione curati .

Dichiarando fermamente la sua fede nella libertà di stampa, Biden ha rimproverato la retorica incendiaria del suo predecessore nei confronti dei media, compresi i riferimenti di Donald Trump ai giornalisti come “il nemico del popolo”.

Biden ha ripristinato la conferenza stampa quotidiana, che si era estinta sotto Trump, aprendo una finestra sul funzionamento della Casa Bianca. E si è seduto per un’intervista nazionale con ABC News la scorsa settimana.

#Biden #raddoppia #lobiettivo #vaccinazione #negli #Stati #Uniti #milioni #dosi #nei #primi #giorni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *