Choose To Challenge: problemi e ragioni per sperare nello sport femminile nel clima di oggi

Visualizzazioni: 28
0 0
Tempo per leggere:2 Minuto, 43 Secondo

La pilota canadese di bob Cynthia Appiah ritiene che sia ora che le questioni riguardanti gli sport femminili vadano oltre la semplice conversazione.

Appiah, che ha preso parte alla tavola rotonda di Choose to Challenge ospitata da Andi Petrillo di CBC Sports lunedì nell’ambito della Giornata internazionale della donna, vorrebbe vedere più trazione quando si tratta di portare le donne in ruoli di leadership.

“Posso solo parlare al mio sport, ma non ci sono molte donne sedute al tavolo a prendere decisioni”, ha detto il nativo di Etobicoke, Ontario. Ha aggiunto che alcune di queste decisioni “hanno un impatto negativo sulle donne che sono attualmente nello sport”.

Per Appiah, parte della soluzione è avere voci più rappresentative al tavolo. “Che si tratti di coaching, fisioterapia, amministrazione – ci sono così tanti ruoli che potrebbero includere le donne e lo renderanno un sistema più completo”, ha detto.

Appiah è stato affiancato alla giuria dalla giocatrice canadese di pallanuoto Krystina Alogbo, dall’ex capo allenatore di Hamilton Honey Badgers e direttore generale Chantal Vallée e dal parlamentare liberale e dall’ex kayaker dello sprint Adam van Koeverden.

Rappresentanza, copertura e investimenti sono stati i principali argomenti di discussione, nonché il loro impatto su questioni come il tasso di abbandono scolastico per donne e ragazze nello sport.

VETRO FRANTUMATO | CBC Sports riflette sulla Giornata internazionale della donna:

Anastasia Bucsis di CBC Sports vuole sapere quando la società affronterà le ingiustizie affrontate dalle donne ogni giorno. 2:05

Vallée, che ora è l’allenatore della squadra di basket femminile dell’Università di Windsor, ha affermato che anche i media hanno un ruolo importante da svolgere in questo.

“Tutto ciò in cui cresciamo crediamo, pensiamo, agiamo, facciamo, emuliamo, proviene dalla TV, proviene da modelli di ruolo, proviene da persone che vediamo là fuori. Penso che il ruolo dei media sia così fondamentale per cambiare la narrativa, ha detto Vallée, originaria di Montreal.

“Se [the] i media continuano a mostrare solo il 3-6% delle donne in TV o scrivono circa il 3-6% delle donne nello sport sulla stampa o sui social media, non cambierà.

“Se le persone vedono il valore delle donne in TV, saranno disposte a pagare per la sponsorizzazione perché ci saranno spettatori che cambieranno l’intera narrativa”.

Van Koeverden ha affermato che affrontare la questione dell’elevato tasso di abbandono scolastico è fondamentale. “Penso che sia davvero molto importante identificare le cause profonde di questi abbandoni e capire perché questo è”, ha detto.

Nonostante i problemi di vecchia data, i membri del panel vedono speranza. “Penso che le persone abbiano impiegato più tempo per ascoltare e iniziare ad aprirsi”, ha detto Alogbo, che si è recentemente ritirato dalla squadra nazionale di pallanuoto dopo 15 anni di carriera. “Stiamo notando, ma penso che le persone stiano agendo di più su questo.”

Alogbo, che continua a giocare professionalmente con CSS Verona in Italia mentre è anche allenatore, ha detto che la pandemia COVID-19 ha reso le cose più difficili. Fortunatamente, ha detto, gli sponsor sono stati di supporto.

“Stanno cercando di essere lì per ogni mio atleta”, ha detto.

“Quindi spero che questo continui e che iniziamo qui a Verona e alla fine diventiamo grandi, altrimenti la gente copierà quello che stiamo facendo”.

#Choose #Challenge #problemi #ragioni #sperare #nello #sport #femminile #nel #clima #oggi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *