Coronavirus: cosa sta succedendo giovedì in Canada e nel mondo

Visualizzazioni: 5
0 0
Tempo per leggere:11 Minuto, 17 Secondo

L’ultimo:

Il medico di punta dell’Alberta sta esortando le persone a seguire sia il “dettaglio che lo spirito” delle misure di salute pubblica mentre la provincia si occupa della diffusione nella comunità di una variante di preoccupazione segnalata per la prima volta nel Regno Unito

Un sito di monitoraggio gestito da funzionari federali ha mostrato che a partire da mercoledì sera, Alberta aveva 1.078 casi segnalati della variante B117 – dietro solo l’Ontario, che aveva 1134 casi segnalati della variante.

“La variante B117 si sta diffondendo in molti contesti diversi e in molti contesti diversi”, ha detto il dottor Deena Hinshaw in un briefing mercoledì. “E stiamo assistendo a tassi di attacco più elevati rispetto a quelli che normalmente si verificano in ambienti in cui le persone sono esposte”.

Hinshaw ha affermato che finora i casi che la provincia ha visto della variante P1 (collegata al Brasile) e della variante B1351 (segnalata per la prima volta in Sud Africa) sono stati pochi e legati ai viaggi.

La variante B117, tuttavia, è stata stabilita nella comunità.

“Mentre continuiamo a lavorare sodo per rallentarne la diffusione, si sta diffondendo in tutte le zone della nostra provincia”.

Hinshaw ha detto che mentre gli sforzi di vaccinazione sono in aumento, la provincia non è ancora al punto in cui la copertura vaccinale è sufficiente per “prevenire gravi esiti”.

“Per i prossimi due mesi, comprese le vacanze di primavera, dobbiamo solo resistere e proteggere le nostre comunità con le nostre scelte”.

Hinshaw ha evidenziato alcuni progressi nelle vaccinazioni, indicando il piano della provincia di offrire le prime dosi a tutti gli adulti che ne desiderano una entro la fine di giugno.

L’Alberta non è l’unica provincia preoccupata per la diffusione di varianti di preoccupazione. A partire da mercoledì sera, la Public Health Agency del Canada aveva segnalato più di 4.200 casi delle varianti, tra cui:

  • 3.946 della variante B117.
  • 240 della variante B1351.
  • 71 della variante P1.

L’Ontario ha visto il più alto numero totale di casi di varianti di interesse di qualsiasi provincia, con 1.134 casi della variante B117, 47 della variante B1351 e 34 della variante P1.

In Saskatchewan, c’è una preoccupazione crescente varianti di preoccupazione in Regina, che ha visto più dell’80% dei casi varianti della provincia.

La dottoressa Theresa Tam, Chief Public Health Officer, ha dichiarato su Twitter che con l’aumento delle varianti di casi, “mantenere le misure di salute pubblica e le precauzioni individuali è fondamentale per ridurre i tassi di infezione ed evitare una rapida riaccelerazione dell’epidemia e dei suoi gravi esiti”.

-Da CBC News e The Canadian Press, ultimo aggiornamento alle 9:15 ET


Cosa sta succedendo in tutto il Canada

GUARDA | All’interno della corsa per ottenere i vaccini COVID-19 ai canadesi:

David Cochrane della CBC si addentra nei processi di consegna e distribuzione del vaccino, nonché nelle sfide per mantenere la promessa di almeno un colpo per ogni canadese che lo desidera entro il 1 ° luglio. 4:08

Alle 10:05 ET di giovedì, il Canada aveva segnalato 920.797 casi di COVID-19, con 31.902 casi considerati attivi. Un conteggio delle morti di CBC News era di 22.569.

Ontario giovedì ha riportato 1.553 nuovi casi di COVID-19 e 15 decessi aggiuntivi. Secondo la provincia, c’erano 730 pazienti COVID-19 in ospedale, di cui 304 in terapia intensiva.

Il premier Doug Ford dovrebbe fornire un aggiornamento sul piano vaccinale della provincia nel corso della giornata.

I migliori medici nei due principali punti caldi del COVID-19 dell’Ontario, nel frattempo, si stanno preparando per il clima più mite. La dottoressa Eileen de Villa e la dottoressa Lawrence Loh hanno detto che stanno cercando di alleviare alcune delle restrizioni sulle attività all’aperto a Toronto e Peel.

Entrambi gli ufficiali medici vogliono mantenere le loro comunità nella più rigida categoria di “isolamento grigio” del quadro pandemico con codice colore dell’Ontario, ma con modifiche che consentirebbero di mangiare all’aperto e di fare fitness.

Mercoledì nel Canada atlantico sono stati segnalati tre casi di COVID-19: due in nuova Scozia e uno in New Brunswick. Non sono stati segnalati nuovi casi Isola del Principe Edoardo o Terranova e Labrador.

Nel Quebec, i funzionari sanitari hanno segnalato 703 nuovi casi di COVID-19 mercoledì e altri 13 decessi attribuiti al nuovo coronavirus. I funzionari sanitari hanno anche segnalato un aumento del numero di pazienti in terapia intensiva, 16 rispetto al giorno precedente, per un totale di 107. I ricoveri totali sono scesi di uno, a 532.

Nelle province della prateria, Manitoba ha riportato 96 nuovi casi di COVID-19 mercoledì e nessun decesso aggiuntivo.

Il governo di Manitoba si è anche mosso per ridurre l’età minima per i vaccini COVID-19 di due anni – a 53 anni e oltre per le persone delle Prime Nazioni e a 73 anni per gli altri. Questi numeri non includono i gruppi di età più giovani con condizioni di salute sottostanti che sono già ammissibili alla vaccinazione.

Nel Saskatchewan, i funzionari sanitari hanno segnalato 87 nuovi casi e un ulteriore decesso mercoledì. L’Autorità Sanitaria del Saskatchewan ha esortato le persone a essere vigili di fronte a varianti di casi preoccupanti, in particolare nell’area di Regina.

In tutto il nord Nunavut ora conterà 12 casi aggiuntivi di COVID-19, inclusi tre decessi, nel conteggio totale dei casi del territorio. I nuovi numeri provengono dai residenti del Nunavut che hanno contratto il COVID-19 o sono morti a causa del virus mentre si trovavano in Manitoba.

Il dottor Michael Patterson, Chief Public Health Officer di Nunavut, ha affermato che non è stato chiaro dall’inizio della pandemia che giurisdizione sotto cui cadrebbero questi numeri. I casi e i decessi si sono verificati tra dicembre 2020 e gennaio 2021. Patterson ha affermato che l’attribuzione dei casi di COVID-19 acquisiti al di fuori del territorio continuerà a verificarsi caso per caso.

Non sono stati segnalati nuovi casi Yukon o il Territori del Nordovest di mercoledì.

Nel British Columbia, funzionari sanitari hanno segnalato 498 nuovi casi di COVID-19 e quattro decessi aggiuntivi. Una dichiarazione congiunta dell’ufficiale sanitario provinciale Dr. Bonnie Henry e del ministro della Salute Adrian Dix ha affermato che mercoledì non sono disponibili dati sui casi varianti a causa di un problema di sequenziamento di laboratorio.

-Da The Canadian Press e CBC News, ultimo aggiornamento alle 10:05 ET


Cosa sta succedendo nel mondo

A partire da giovedì mattina presto, più di 121,2 milioni di casi di COVID-19 erano stati segnalati in tutto il mondo, secondo uno strumento di monitoraggio gestito dalla Johns Hopkins University. Il bilancio globale delle vittime è stato di oltre 2,6 milioni.

Nel Africa, il capo dei Centri africani per il controllo e la prevenzione delle malattie afferma che la sospensione del vaccino AstraZeneca COVID-19 in alcune nazioni dell’Unione europea danneggia gli sforzi per costruire la fiducia del pubblico e la fiducia nei vaccini nel continente di 1,3 miliardi di persone.

Giovedì John Nkengasong ha dichiarato in un briefing che, nonostante gli “sfortunati eventi” in Europa, le nazioni africane dovrebbero continuare a lanciare il vaccino AstraZeneca, l’unico vaccino attualmente disponibile in molti paesi che hanno avuto accesso a lotti di esso attraverso l’iniziativa COVAX.

Un’infermiera prepara una dose del vaccino AstraZeneca-Oxford COVID-19 presso l’ospedale di riferimento Mulago a Kampala, il primo giorno di una campagna di vaccinazione la scorsa settimana. (Badru Katumba / AFP / Getty Images)

Nkengasong ha detto che un recente incontro convocato dal suo gruppo ha concluso che le decisioni relative ai vaccini in Africa non dovrebbero essere “basate su qualcosa di soggettivo”. Ha detto invece che ci dovrebbe essere un monitoraggio continuo e la segnalazione di eventuali eventi avversi a seguito delle vaccinazioni.

Almeno 22 delle 54 nazioni africane hanno ricevuto più di 14 milioni di dosi del vaccino AstraZeneca a partire dal 13 marzo, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità.

L’Agenzia europea per i medicinali, che dovrebbe aggiornare i suoi risultati giovedì più tardi, ha detto che “non ci sono indicazioni” che l’iniezione di AstraZeneca sia responsabile di pericolosi coaguli di sangue in alcuni soggetti. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha anche affermato che i benefici del vaccino superano i rischi e ne raccomanda l’uso continuato. Altre nazioni europee stanno procedendo con le vaccinazioni nonostante le preoccupazioni per la sicurezza in paesi come la Germania.

Nel Europa, L’Italia ha inaugurato giovedì un monumento vivente ai suoi morti COVID-19 in occasione dell’anniversario di uno dei momenti più inquietanti della pandemia: quando il bilancio delle vittime di Bergamo ha raggiunto tali altezze che un convoglio dell’esercito ha dovuto trasportare bare fuori a causa dei suoi cimiteri e crematori erano pieni.

Il premier Mario Draghi ha visitato giovedì la città del nord per commemorare una giornata nazionale di lutto per le vittime del coronavirus in Italia. Le bandiere sventolavano a mezz’asta in tutto il paese e le autorità pubbliche osservavano un minuto di silenzio.

Draghi ha deposto una corona di fiori al cimitero di Bergamo e ha inaugurato una foresta chiamata in onore delle oltre 100mila vittime in Italia, primo Paese d’Occidente colpito dall’epidemia.

“Questo legno non contiene solo il ricordo delle tante vittime”, ha detto Draghi. “Questo posto è un simbolo del dolore di un’intera nazione.”

L’anniversario è arrivato mentre gran parte dell’Italia, compresa Bergamo, è sotto un nuovo blocco, con scuole e ristoranti chiusi, in mezzo a una nuova ondata di infezioni. E arriva mentre l’arresto della campagna di vaccinazione in Italia è ulteriormente rallentato a causa della sospensione dei colpi di AstraZeneca in attesa di revisione.

Un operatore sanitario prepara una dose del vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 durante le visite domiciliari per effettuare le vaccinazioni a Roma mercoledì. (Yara Nardi / Reuters)

La Francia è pronta ad annunciare giovedì nuove restrizioni sul coronavirus, incluso un potenziale blocco nella regione di Parigi e nel nord del paese, poiché il numero di pazienti COVID-19 nelle unità di terapia intensiva aumenta.

“Prenderemo le decisioni che dobbiamo prendere”, ha detto mercoledì il presidente francese Emmanuel Macron durante una visita all’ospedale di Poissy e Saint-Germain-en-Laye, a ovest di Parigi. Ha detto che le misure saranno “pragmatiche, proporzionate e mirate”.

Il primo ministro Jean Castex dovrebbe dettagliare giovedì le nuove restrizioni. Il virus si sta rapidamente diffondendo nella regione parigina, dove il tasso di infezione ha raggiunto oltre 420 ogni 100.000 abitanti e le unità di terapia intensiva sono chiuse alla saturazione. Il tasso di infezione a livello nazionale della Francia è di circa 250 su 100.000.

Nel Asia-Pacifico giovedì, India e Pakistan hanno segnalato un grande balzo delle nuove infezioni da coronavirus, spinto da una recrudescenza dei casi nei loro stati più ricchi.

Nel tentativo di frenare la diffusione del COVID-19, lo stato del Punjab in India ha esteso il coprifuoco notturno in nove distretti e il governo della città di Nuova Delhi ha annunciato un aumento delle vaccinazioni a 125.000 dosi al giorno dalle circa 40.000 attuali, hanno detto i funzionari.

Le autorità locali nello stato indiano di Odisha hanno chiesto dosi di vaccino aggiuntive e nel Gujarat, lo stato di origine del primo ministro Narendra Modi, le autorità hanno ordinato la chiusura di scuole e college in otto divisioni amministrative fino al 10 aprile. Funzionari in India hanno principalmente accusato l’aumento delle infezioni. sull’affollamento e sulla riluttanza a indossare maschere. Il Pakistan afferma che anche la variante del coronavirus trovata per la prima volta in Gran Bretagna potrebbe essere un fattore.

Lo stato del Maharashtra, sede della capitale commerciale dell’India, Mumbai, ha segnalato 23.179 dei 35.871 nuovi casi nel paese nelle ultime 24 ore e la rapida diffusione nelle aree industriali ha aumentato i rischi di interruzione della produzione delle aziende.

I casi totali in India si sono attestati a 11,47 milioni, il più alto dopo Stati Uniti e Brasile. I decessi sono aumentati da 172 a 159.216, secondo i dati del ministero della salute giovedì.

La prima ondata indiana ha raggiunto il picco a settembre di quasi 100.000 casi al giorno, con infezioni giornaliere che sono scese a poco più di 9.000 all’inizio del mese scorso.

In Pakistan, 3.495 persone sono risultate positive nelle ultime 24 ore, le infezioni più quotidiane dall’inizio di dicembre. I casi totali hanno superato 615.000. I decessi sono aumentati da 61 a 13.717. La maggior parte dei nuovi casi proveniva dalla provincia più grande e ricca del Pakistan, il Punjab.

Il ministro pakistano Asad Umar ha detto che i letti degli ospedali si stanno riempiendo velocemente e ha avvertito di limiti più severi se le regole non fossero seguite.

“Il nuovo ceppo (trovato per la prima volta in Gran Bretagna) si diffonde più velocemente ed è più mortale”, ha detto su Twitter.

Nel Americhe, I legislatori dell’opposizione paraguaiana hanno perso la richiesta di mettere sotto accusa il presidente Mario Abdo per la gestione della pandemia da parte del governo.

Gli Stati Uniti stanno investendo $ 12,25 miliardi per aumentare i test COVID-19 per aiutare le scuole a riaprire in modo sicuro e promuovere l’equità dei test tra le popolazioni ad alto rischio e sotto servite.

-Da Associated Press e Reuters, ultimo aggiornamento alle 9:10 ET



#Coronavirus #cosa #sta #succedendo #giovedì #Canada #nel #mondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *