Coronavirus: cosa sta succedendo in Canada e nel mondo martedì

Visualizzazioni: 3
0 0
Tempo per leggere:6 Minuto, 37 Secondo

L’ultimo:

Il ministro della Sanità del Quebec esprime preoccupazione per alcune parti del sistema sanitario della provincia, affermando che mentre Montreal ha finora evitato di tornare al blocco, la regione è ancora “sotto pressione”.

“La situazione nei nostri ospedali è preoccupante”, ha scritto lunedì su Twitter il ministro della Salute Christian Dubé. “La capacità degli ospedali in terapia intensiva è fragile”.

Quebec ha ampliato il suo blocco a diversi comuni aggiuntivi lunedì, mentre i funzionari sanitari hanno segnalato 1.252 nuovi casi di COVID-19 e quattro decessi aggiuntivi. I ricoveri in provincia erano 503 con 123 pazienti COVID-19 in terapia intensiva, secondo un dashboard provinciale.

Il premier François Legault dovrebbe tenere una conferenza stampa martedì sera, ma non è stato subito chiaro cosa avrebbe annunciato.

Il Quebec non è l’unica provincia che tiene sotto stretto controllo la capacità del sistema sanitario: il capo dell’Ontario Hospital Association ha chiamato il situazione negli ospedali di quella provincia “estremamente, estremamente grave” e il Saskatchewan lunedì ha registrato il numero più alto mai registrato di pazienti correlati a COVID-19 nelle unità di terapia intensiva.

A partire da lunedì, c’erano 195 persone in ospedale con malattia correlata a COVID-19 in Saskatchewan, di cui 47 in terapia intensiva. La maggior parte dei pazienti che necessitano di cure intensive si trovava a Regina, dove sono in atto misure di sanità pubblica più severe nel tentativo di rallentare la diffusione del virus. La provincia ha segnalato 219 nuovi casi di COVID-19 e un decesso aggiuntivo lunedì.

Ontario lunedì ha riportato 2.938 nuovi casi di COVID-19 e 10 decessi aggiuntivi. Secondo un aggiornamento pubblicato su un dashboard provinciale, 942 persone sono state ricoverate in ospedale, di cui 494 in terapia intensiva “a causa di malattie legate al COVID”.

Le tendenze in Ontario hanno spinto i massimi funzionari sanitari in tre principali aree urbane a chiedere alla provincia di imporre restrizioni più severe oltre il “blocco” di 28 giorni ordinato giovedì scorso. Gli ufficiali medici principali della sanità di Toronto, la vicina regione di Peel e Ottawa hanno scritto al miglior medico dell’Ontario per chiedergli di imporre un “ordine di soggiorno a casa” per prevenire morti e tensioni irreparabili sul sistema sanitario.

GUARDA | ‘I conteggi dei casi sono orribili’: I migliori medici invocano l’ordine di stare a casa nei punti caldi dell’Ontario:

Gli ufficiali sanitari di tre regioni dell’Ontario stanno implorando il governo di attuare un ordine di soggiorno a casa poiché il conteggio dei casi raggiunge livelli “orribili”. 3:38

-Da CBC News e The Canadian Press, ultimo aggiornamento alle 7 am ET


Cosa sta succedendo altrove in Canada

A partire da martedì mattina presto, il Canada aveva segnalato 1.013.520 casi confermati di COVID-19, con 57.814 considerati attivi. Un conteggio dei decessi di CBC News era di 23.118.

Nel Canada Atlantico, New Brunswick segnalato 10 nuovi casi di COVID-19, mentre nuova Scozia segnalato tre nuovi casi. Non sono stati segnalati nuovi casi Terranova e Labrador o Isola del Principe Edoardo.

Nelle province della prateria, Manitoba segnalato 135 nuovi casi e due nuovi decessi.

Nel frattempo a Alberta, il medico più importante della provincia ha affermato che è probabile che il numero di casi confermati di una variante COVID-19 collegati a un grande datore di lavoro aumenti.

Finora, tre delle 26 infezioni collegate a siti di lavoro nelle zone centrali e settentrionali dell’Alberta sono state confermate come la variante brasiliana, ma la dottoressa Deena Hinshaw ha affermato che è probabile che aumenti con l’arrivo di più risultati. Ha detto che c’è stata anche un’epidemia di cinque. casi – uno collegato alla variante brasiliana – in un posto di lavoro separato nell’area di Calgary.

Alberta ha riferito 887 nuovi casi di COVID-19 e altri quattro decessi lunedì. I ricoveri in provincia sono stati 312, con 76 persone in terapia intensiva.

In tutto il Nord non sono stati segnalati nuovi casi Nunavut o Yukon di lunedi. Funzionari sanitari in Territori del Nordovest ha segnalato un caso lunedì a Yellowknife. La persona è residente nei Territori del Nordovest e l’infezione è “correlata a viaggi internazionali”, una dichiarazione del ufficio del funzionario capo della sanità pubblica ha detto lunedì. “Le indagini e il tracciamento dei contatti non identificano alcun rischio per il pubblico in questo momento”.

In British Columbia, i funzionari sanitari hanno segnalato 999 casi domenica e 890 casi lunedì. La provincia ha detto che 23 persone sono morte per complicazioni legate al virus da giovedì. Il ministro della Salute Adrian Dix ha detto lunedì che c’è una quantità “significativa” di P1 nella provincia e si aspetta che le varianti di preoccupazione alla fine sostituiranno i ceppi COVID-19 meno trasmissivi.

“Quello che sappiamo è che le varietà più trasmissive, le varianti di COVID-19, alla fine prenderanno il sopravvento”, ha detto. “L’abbiamo visto in altre giurisdizioni e ci aspettiamo di vederlo qui”.

Delle 318 persone in ospedale, 60 sono legate a varianti di preoccupazione, ha detto.

-Da The Canadian Press e CBC News, ultimo aggiornamento alle 7 am ET


Cosa sta succedendo nel mondo

I capitani del Canale di Suez ricevono una dose di un vaccino contro il COVID-19 a Ismailia, in Egitto. (Mohamed Abd El Ghany / Reuters)

Secondo uno strumento di monitoraggio dei casi gestito dalla Johns Hopkins University, con sede negli Stati Uniti, sono stati segnalati più di 131,8 milioni di casi di COVID-19 in tutto il mondo. Il bilancio globale delle vittime è stato di oltre 2,8 milioni.

Nel Asia-Pacifico regione, molti leader di stato indiano hanno chiesto al primo ministro Narendra Modi di aprire le vaccinazioni alla maggior parte delle centinaia di milioni di adulti del paese, a seguito di una seconda ondata di infezioni che ha eclissato la prima ondata.

Martedì l’Australia ha dichiarato di non aver ancora ricevuto più di tre milioni di dosi del vaccino AstraZeneca COVID-19 precedentemente promesso tra i freni delle esportazioni dell’Unione europea, lasciando un grave buco nella sua precoce campagna di inoculazione a livello nazionale.

Nel AmericheLa Colombia consentirà l’importazione privata di vaccini COVID-19, ha detto lunedì il ministero della salute, ma i vaccini devono essere gratuiti per coloro che vengono inoculati.

Il segretario di Stato Antony Blinken ha nominato un ex diplomatico e capo degli aiuti umanitari come inviato speciale per il vaccino contro il coronavirus e gli sforzi di prevenzione degli Stati Uniti. Gayle Smith sarà incaricato di supervisionare i programmi statunitensi per prevenire, rilevare e rispondere ai focolai di malattie, tra cui COVID-19, all’estero.

GUARDA | I timori della quarta ondata di COVID-19 crescono negli Stati Uniti:

I timori di una quarta ondata di COVID-19 sono in aumento negli Stati Uniti dopo che sei milioni di persone hanno viaggiato durante il fine settimana di Pasqua e l’età media dei nuovi casi diminuisce a causa di varianti preoccupanti. 2:03

In Africa, la Banca Mondiale stima che l’Africa avrebbe bisogno di circa 12 miliardi di dollari USA per i vaccini COVID-19 e la loro distribuzione per raggiungere livelli sufficienti di copertura vaccinale per interrompere la trasmissione del virus, secondo un nuovo documento della banca e del FMI.

In Europa, L’Ungheria inizierà un graduale allentamento delle restrizioni entro pochi giorni, poiché prevede di vaccinare il 25% della sua popolazione di 10 milioni di abitanti entro martedì o all’inizio di mercoledì.

Nel Medio Oriente, Pfizer ha detto lunedì che stava lavorando a un nuovo accordo per fornire vaccini COVID-19 a Israele dopo la conclusione di un accordo di fornitura iniziale stipulato alla fine del 2020.

-Da Associated Press e Reuters, ultimo aggiornamento alle 7:00 ET



#Coronavirus #cosa #sta #succedendo #Canada #nel #mondo #martedì

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *