Coronavirus: cosa sta succedendo lunedì in Canada e nel mondo

Visualizzazioni: 16
0 0
Tempo per leggere:9 Minuto, 36 Secondo

L’ultimo:

Quasi quattro milioni di dosi del più recente vaccino contro il coronavirus disponibile per le persone negli Stati Uniti verranno consegnate agli stati per le iniezioni a partire da martedì.

La Casa Bianca ha detto che l’intera scorta del vaccino monodose Johnson & Johnson appena approvato uscirà immediatamente. J&J fornirà circa 16 milioni di dosi in più entro la fine di marzo e 100 milioni in totale entro la fine di giugno, ma la distribuzione verrebbe ritardata.

Sebbene la nuova iniezione sia più facile da somministrare e richieda solo una dose, l’amministrazione non modifica i suoi piani di distribuzione.

La Casa Bianca sta incoraggiando gli americani a prendere la prima dose a loro disposizione, indipendentemente dal produttore.

I consulenti dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno votato a stragrande maggioranza domenica per raccomandare il vaccino agli adulti dai 18 anni in su. Si aggiunge ai vaccini di Pfizer e Moderna autorizzati a dicembre.

Health Canada sta attualmente esaminando il vaccino J&J, ha detto il capo consulente medico del dipartimento durante il fine settimana.

“È davvero difficile prevedere esattamente quando potremmo prendere una decisione finale perché dipende davvero da quei dati. Ma stiamo guardando … le prossime due settimane”, ha detto la dottoressa Supriya Sharma in un’intervista su Rosemary Barton dal vivo.

Il vaccino a due dosi di L’Università di Oxford e AstraZeneca sono state approvate per l’uso in Canada alla fine della scorsa settimana, portando a tre il numero di vaccini disponibili nel paese.

-Da Associated Press e CBC News, ultimo aggiornamento alle 7:25 ET


Cosa sta succedendo in tutto il Canada

A partire dal lunedì mattina presto, il Canada aveva segnalato 866.508 casi di COVID-19, con 30.731 casi considerati attivi. Un conteggio delle morti di CBC News era di 21.994.

Alla fine della scorsa settimana, aveva riferito la Public Health Agency del Canada 1.010 casi di varianti preoccupanti, Compreso:

  • 964 casi della variante B117 segnalati per la prima volta nel Regno Unito
  • 44 della variante B1351 segnalata per la prima volta in Sud Africa.
  • 2 della variante P1, identificata per la prima volta nei viaggiatori provenienti dal Brasile.

Nel Canada Atlantico, Isola del Principe Edoardo si è trasferito per chiudere le scuole e vietare le riunioni per 72 ore mentre i funzionari sanitari cercano di fermare la crescita di due gruppi di casi.

“Preferiremmo andare più forte e più forte ora che aspettare un’epidemia come abbiamo visto in altre province che potrebbe metterci in un lungo periodo di isolamento per settimane o addirittura mesi”, ha detto il premier Dennis King domenica in tarda serata.

I funzionari sanitari del PEI domenica hanno segnalato cinque nuovi casi di COVID-19, portando il numero di casi attivi sull’isola a 18.

Nel Terranova e Labrador, hanno riferito i funzionari sanitari sette nuovi casi di COVID-19 la domenica. La provincia, che aveva 10 persone in ospedale con COVID-19, ha segnalato 262 casi attivi.

nuova Scozia segnalato tre nuovi casi di COVID-19 la domenica. C’erano nessun nuovo caso riportato in New Brunswick domenica, ma la provincia ha segnalato la sua 27esima morte attribuita al virus.

Nel Quebec, domenica, i funzionari sanitari hanno segnalato 737 nuovi casi di COVID-19 e nove decessi aggiuntivi. I ricoveri erano 601, con 117 pazienti COVID-19 in unità di terapia intensiva in tutta la provincia.

Ontario, nel frattempo, ha riferito 1.062 nuovi casi di COVID-19 domenica e altri 20 morti. I ricoveri in provincia sono stati 627, con 289 persone in terapia intensiva con COVID-19.

GUARDA | La testimonianza del ministro rivela la mancanza di un piano pandemico per l’assistenza a lungo termine in Ontario:

La testimonianza del ministro delle cure a lungo termine dell’Ontario Merrilee Fullerton a una commissione provinciale sulla crisi del COVID-19 ha rivelato una mancanza di pianificazione e risposte ritardate, ma Fullerton ha attribuito la colpa alla trasmissione della comunità. 1:54

Con il numero di casi in aumento in alcune regioni e in mezzo alla crescente preoccupazione per le varianti di preoccupazione, due regioni: Thunder Bay e Simcoe Muskoka – sono stati rimandati in blocco a partire da lunedì.

Ma altre sette regioni lunedì stavano allentando alcune restrizioni di salute pubblica a causa del calo dei numeri COVID. Includono la regione del Niagara, Chatham-Kent, Middlesex-London, Southwestern, Haldimand-Norfolk, Huron Perth e Gray Bruce.

Nelle province della prateria, Manitoba segnalato 50 nuovi casi di COVID-19 domenica e altri due morti. Nel Saskatchewan, hanno riferito i funzionari sanitari 141 nuovi casi di COVID-19 e nessuna nuova morte, intanto Alberta segnalato 301 nuovi casi di COVID-19 e tre decessi aggiuntivi.

Funzionari sanitari in British Columbia non fornire dati aggiornati durante il fine settimana.

In tutto il Nord, è stato segnalato un nuovo caso di COVID-19 Nunavut domenica portando a 18 il numero dei casi attivi nel territorio. Yukon e il Territori del Nordovest riportare dati aggiornati dal lunedì al venerdì, quindi non sono stati disponibili aggiornamenti sui numeri dei casi durante il fine settimana.

-Da The Canadian Press e CBC News, ultimo aggiornamento alle 7:15 ET


Cosa sta succedendo nel mondo

Le persone fanno la fila per registrarsi per essere inoculate con il vaccino contro il coronavirus presso l’ospedale MS Ramaiah di Bangalore lunedì, poiché l’India ha aperto i colpi a chiunque abbia più di 60 anni, così come chiunque abbia più di 45 anni con alcune gravi malattie. (Manjunath Kiran / AFP / Getty Images)

A partire dal lunedì mattina presto, più di 114,1 milioni di casi di COVID-19 erano stati segnalati in tutto il mondo, con 64,4 milioni di casi elencati come recuperati su un sito di monitoraggio globale gestito dalla Johns Hopkins University. Il bilancio globale delle vittime è stato di oltre 2,5 milioni.

Nel Regione Asia-Pacifico, le Filippine hanno lanciato lunedì una campagna di vaccinazioni, ma devono affrontare problemi di approvvigionamento e resistenza pubblica, che spera di alleviare inoculando alti funzionari.

I funzionari di governo, insieme agli operatori sanitari e al personale militare e di polizia, sono stati tra i primi a essere vaccinati in sei ospedali dopo che domenica sono state ricevute 600.000 dosi donate dalla Cina.

Le Filippine hanno segnalato più di 576.000 infezioni, tra cui 12.318 decessi, il secondo totale più alto nel sud-est asiatico dopo l’Indonesia.

A parte il vaccino donato dalla Cina da Sinovac Biotech Ltd., il governo ha ordinato separatamente 25 milioni di dosi dalla società cinese, ma non è stata fissata una data per le consegne. Il segretario alla sanità Francisco Duque III ha detto che la consegna di 525.600 dosi iniziali del vaccino di AstraZeneca, inizialmente programmata per lunedì, sarebbe stata ritardata di una settimana a causa di problemi di fornitura.

Un operatore sanitario riceve un’iniezione di vaccino CoronaVac di Sinovac Biotech durante il primo giorno di vaccinazione contro il coronavirus presso il Lung Center of the Philippines Hospital lunedì a Quezon City, Metro Manila. (Ezra Acayan / Getty Images)

Il governo ha negoziato per garantire almeno 148 milioni di dosi da aziende occidentali e asiatiche per vaccinare gratuitamente circa 70 milioni di filippini in una massiccia campagna finanziata da prestiti esteri e nazionali.

Nel Americhe, La capitale del Brasile è entrata in un blocco di due settimane, unendosi a diversi stati nell’adozione di misure per ridurre la diffusione del COVID-19 mentre i letti di terapia intensiva iniziano a riempirsi in alcune importanti città.

Almeno otto stati brasiliani hanno adottato il coprifuoco la scorsa settimana a causa dell’aumento dei casi e dei decessi per COVID-19. Giovedì è stato il giorno più mortale del Brasile dall’inizio della pandemia, con 1.541 morti confermate dal virus. Finora sono morte complessivamente più di 254.000 persone.

Il governatore di Brasilia Ibaneis Rocha ha decretato la chiusura totale di bar, ristoranti, centri commerciali e scuole fino al 15 marzo e ha vietato raduni di persone. La vendita di bevande alcoliche è stata vietata dopo le 20:00. Secondo il ministero della sanità locale, domenica nel distretto federale, l’85% dei letti degli ospedali erano occupati.

Il presidente Jair Bolsonaro ha nuovamente criticato tali misure, dicendo sul suo account Twitter: “La gente vuole lavorare”. Venerdì ha minacciato di interrompere l’assistenza federale in caso di pandemia di emergenza agli stati che ricorrono a blocchi.

Nel Europa, i funzionari sanitari in Gran Bretagna hanno identificato sei casi della variante P1, incluso uno in una persona che non è stata rintracciata. I voli diretti dal Brasile al Regno Unito sono stati interrotti, ma i casi appena identificati sono stati collegati a persone arrivate nel Regno Unito dal Brasile attraverso altre città europee all’inizio di febbraio.

Gli arrivi sono avvenuti giorni prima che il Regno Unito imponesse una quarantena alberghiera di 10 giorni alle persone che arrivavano da paesi ad alto rischio, incluso il Brasile.

Il primo ministro britannico Boris Johnson si unisce a una classe di ricevimento durante la lezione di pittura durante una visita alla scuola elementare di St Mary’s CE lunedì a Stoke-on-Trent, in Inghilterra. Le scuole primarie e secondarie di tutta l’Inghilterra riapriranno completamente a partire dall’8 marzo. (Christopher Furlong / WPA / Getty Images)

Tre dei casi della variante sono in Scozia e due nel sud-ovest dell’Inghilterra. La sesta persona non è stata identificata perché non ha compilato correttamente un modulo con i propri dati di contatto. Public Health England ha detto che stava lavorando per trovare la persona e sta conducendo test di massa locali per vedere se la variante si è diffusa nella comunità.

Nel Medio Oriente, L’Iran ha superato le 60.000 morti conosciute legate al coronavirus, l’ultima triste pietra miliare per il paese più colpito del Medio Oriente. Il ministero della Salute ha riportato domenica 93 nuovi decessi per COVID-19 e oltre 8.000 nuove infezioni, spingendo il numero totale di infezioni a oltre 1,63 milioni.

Dopo più di un anno di pandemia, le morti per COVID-19 sono recentemente diminuite in Iran con l’introduzione delle restrizioni ai movimenti nella capitale, inclusi divieti di viaggio interurbani, mandati di maschere e chiusure di scuole.

Domenica il governo ha vietato ai viaggiatori in arrivo da un elenco di 32 paesi, tra cui la Gran Bretagna e altri stati in Africa e America Latina, a causa dei timori di nuove varianti di virus. Nel corso dell’anno, l’Iran ha lottato con picchi che a volte hanno travolto il suo sistema sanitario poiché le autorità hanno resistito a un blocco totale per salvare un’economia paralizzata dalle sanzioni statunitensi.

La campagna di vaccinazione dell’Iran è recentemente iniziata, con il vaccino Sputnik V russo somministrato questo mese agli operatori sanitari. Altre 250.000 dosi della società farmaceutica cinese Sinopharm sono arrivate in Iran durante il fine settimana.

Il Sudafrica è rimasto il paese più colpito in Africa, con oltre 1,5 milioni di casi segnalati di COVID-19 e quasi 50.000 decessi. Con un minor numero di nuovi casi segnalati, il Sudafrica sta allentando alcune restrizioni, ma il presidente Cyril Ramaphosa ha esortato le persone a mantenere misure come l’allontanamento fisico.

-Da Associated Press, Reuters e CBC News, ultimo aggiornamento alle 7 am ET



#Coronavirus #cosa #sta #succedendo #lunedì #Canada #nel #mondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *