Coronavirus: cosa sta succedendo sabato in Canada e nel mondo

Visualizzazioni: 50
0 0
Tempo per leggere:6 Minuto, 51 Secondo

L’ultimo:

Alcune province stanno accelerando i piani per vaccinare le persone contro il COVID-19, in seguito all’approvazione di un quarto vaccino e all’aumento delle scorte.

Quelli che modificano i loro orari per l’implementazione dei vaccini includono Ontario. Il capo della task force COVID-19 della provincia, il generale in pensione Rick Hillier, ha detto venerdì che spera che tutti coloro che vogliono un vaccino ne ottengano uno entro l’inizio dell’estate.

Ha detto che tutti gli adulti in Ontario potrebbero ricevere la prima dose di un vaccino COVID-19 entro il 20 giugno, ora che le dosi extra sono in viaggio per il Canada.

Venerdì, i funzionari federali hanno annunciato spedizioni accelerate di 3,5 milioni di dosi del colpo COVID-19 da Pfizer-BioNTech, lo stesso giorno Health Canada unha dimostrato il candidato al vaccino di Johnson & Johnson, che non dovrebbe essere spedito prima di aprile.

Il primo ministro Justin Trudeau ha detto che le dosi della Pfizer originariamente destinate ad arrivare in estate sarebbero invece state consegnate durante la primavera. Ha detto che il Canada dovrebbe avere otto milioni di dosi disponibili di diversi tipi di vaccini entro la fine di marzo.

GUARDA | L’Ontario accelera le vaccinazioni con l’aumento dell’offerta di vaccini:

Il generale in pensione Rick Hillier, capo della Vaccine Distribution Task Force dell’Ontario, afferma che l’aggiunta di due vaccini COVID-19 recentemente approvati consentirà alla provincia di “ schiacciare quelle scadenze ” e ottenere una dose di vaccino in ogni Ontarian disponibile che è ammissibile entro il 20 giugno . 1:17

Nel frattempo, Manitoba ha annunciato che tutti gli adulti ammissibili nella provincia potrebbero averlo almeno una dose di un vaccino COVID-19 entro la metà di maggio o la fine di giugno al più tardi.

Nel New Brunswick, l’ufficiale medico capo della salute, la dott.ssa Jennifer Russell, ha detto venerdì che con l’arrivo previsto della prima spedizione della provincia del vaccino AstraZeneca-Oxford a due dosi alla fine di questo mese, il New Brunswick si impegna a fornire una dose di vaccino COVID-19 a ogni New Brunswicker prima della fine di giugno.

Alberta ha anche rivisto le sue stime sui vaccini, con il ministro della Salute Tyler Shandro che giovedì ha detto che la provincia si aspetta “di aver offerto a ogni singolo adulto della provincia almeno una dose di vaccino COVID-19” entro il 30 giugno.

Cosa sta succedendo in Canada

Alle 10:15 ET di sabato, il Canada aveva segnalato 882.756 casi di COVID-19, con 29.978 casi considerati attivi. Un conteggio delle morti di CBC News era di 22.198.

nuova Scozia Il premier Iain Rankin ha definito il via libera federale per il vaccino Johnson & Johnson un “passo avanti positivo” venerdì, poiché i funzionari sanitari si sono preparati per l’apertura della prima delle 10 cliniche di inoculazione della comunità in tutta la provincia la prossima settimana.

Rankin ha confermato che la provincia adotterà un intervallo di 16 settimane tra la prima e la seconda dose, quindi tutti i Nova Scotiani che vogliono essere vaccinati riceveranno un colpo entro la fine di giugno.

GUARDA | Ricercatori canadesi alla ricerca di modi per ridurre i rifiuti di DPI:

In tutto il Canada, ingegneri ricercatori e medici stanno sviluppando sistemi di riciclaggio e spingendo per opzioni più sostenibili per ridurre i rifiuti ospedalieri. Questo perché la pandemia COVID-19 ha causato un aumento dell’uso di dispositivi di protezione individuale, il che ha significato che più plastica finiva nelle discariche. Il governo federale stima che lo scorso anno 63.000 tonnellate di DPI relativi a COVID-19 siano finiti come rifiuti. 2:01

Lo ha riferito la provincia due nuovi casi di COVID-19 venerdì, mentre New Brunswick segnalato quattro nuovi casi. Isola del Principe Edoardo ha segnalato un nuovo caso COVID-19 venerdì.

Funzionari sanitari in Terranova e Labrador ha riportato un nuovo caso di COVID-19 venerdì e lo ha annunciato quattro centri di prova accetteranno appuntamenti per le persone asintomatiche da sottoporre a test.

Ontario, che sabato ha segnalato 990 nuovi casi di COVID-19 e sei decessi aggiuntivi, ha in programma di allentare le restrizioni la prossima settimana a Toronto e nella regione di Peel, revocando un rigoroso ordine di soggiorno imposto all’inizio di quest’anno.

GUARDA | Tre donne trans di colore su come affrontare l’isolamento da pandemia:

Tre donne transgender di colore di Toronto condividono come stanno sopportando il dolore e l’isolamento delle restrizioni sociali pandemiche e come non vedono l’ora che arrivi giorni migliori. 4:05

Le due regioni, insieme a North Bay-Parry Sound, erano le ultime ancora sotto l’ordine, mentre il mese scorso la maggior parte della provincia è tornata al quadro di risposta pandemico codificato dal governo.

Toronto e Peel saranno collocate nella più rigida categoria di “blocco grigio” del quadro a partire da lunedì, come raccomandato dai funzionari della sanità pubblica nelle due aree. North Bay, nel frattempo, sarà collocata nella zona rossa, il secondo livello più restrittivo di misure pandemiche.

Quebec ha segnalato 798 nuovi casi di COVID-19 venerdì e 10 decessi aggiuntivi. I ricoveri erano 617, con 111 pazienti COVID-19 nelle unità di terapia intensiva della provincia, secondo un dashboard provinciale.

Manitoba ha segnalato 54 nuovi casi di COVID-19 venerdì, insieme a un decesso correlato.

Saskatchewan ha segnalato 207 nuovi casi di COVID-19 venerdì, insieme a due decessi correlati.

Alberta segnalato 411 nuovi casi di COVID-19 e due morti correlate venerdì.

British Columbia segnalato 634 nuovi casi di COVID-19 e quattro morti correlate venerdì.

In tutto il nord Nunavut venerdì hanno segnalato quattro nuovi casi di COVID-19, tutti nella frazione di Arviat.


Cosa sta succedendo nel mondo

A partire da sabato mattina, più di 116,1 milioni di casi di COVID-19 erano stati segnalati in tutto il mondo, con più di 65,6 milioni di casi elencati sul sito di monitoraggio della Johns Hopkins University come risolti. Il bilancio globale delle vittime è stato di oltre 2,5 milioni.

L’Arabia Saudita metterà fine alla maggior parte delle restrizioni legate al coronavirus domenica, tra cui la ripresa dei pasti al coperto, la riapertura dei cinema e la ripresa delle attività di intrattenimento e degli eventi, ha detto sabato l’agenzia di stampa statale SPA.

Alcune attività rimarranno vietate, inclusi matrimoni e riunioni aziendali. Gli incontri sociali continueranno ad essere limitati a un massimo di 20 persone, ha detto SPA, citando una fonte del ministero dell’Interno.

In Giappone, sabato circa 70 manifestanti anti-Olimpiadi si sono riuniti e hanno marciato nel centro di Tokyo per chiedere la cancellazione dei Giochi Olimpici di quest’estate.

La marcia di protesta è partita dallo Stadio Nazionale, dove è prevista la cerimonia di apertura dei Giochi, e ha attraversato la trafficata via dello shopping di Omote Sando.

I manifestanti contrari allo svolgimento delle Olimpiadi e delle Paralimpiadi dell’anno in Giappone marciano sabato vicino allo Stadio Nazionale, a Tokyo. (Hideto Sakai / Reuters)

I manifestanti hanno tenuto striscioni e gridato slogan per denunciare le Olimpiadi e le Paralimpiadi.

“Riteniamo che sia troppo sconsiderato tenere le Olimpiadi in questa situazione”, ha detto un manifestante, Yoko Kataoka, citando la situazione COVID-19 non contenuta nel paese.

Le Olimpiadi sono in programma dal 23 luglio all’8 agosto e le Paralimpiadi dal 24 agosto al 5 settembre.

GUARDA | L’OMS afferma che si dovrebbe rinunciare ai brevetti per ottenere più vaccini in più paesi:

Non c’è abbastanza vaccino COVID-19 che arriva nei paesi attraverso il sistema COVAX, afferma l’Organizzazione mondiale della sanità, quindi raccomanda una rinuncia di emergenza ai brevetti medici per aumentare la produzione di vaccini nei paesi in via di sviluppo. 0:53

In Germania, la catena di supermercati Aldi ha iniziato a vendere i kit per il test domestico del coronavirus sabato. Sono disponibili solo direttamente alla cassa del supermercato e sono limitati a una confezione per cliente. Ciascuno contiene cinque test rapidi e costa circa 25 euro ($ 37 Cdn.)

In alcuni casi, davanti a molti negozi di supermercati si sono formate lunghe code e le scorte sono esaurite rapidamente. Anche altre catene di supermercati tedesche, come Lidl, Rewe ed Edeka, prevedono di offrire presto test rapidi.

Finora, sette marche di kit per test da casa hanno ottenuto l’autorizzazione speciale.

#Coronavirus #cosa #sta #succedendo #sabato #Canada #nel #mondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *