Estorsore dell’Alberta che ha chiesto 1 milione di dollari riconosciuto colpevole di omicidio di primo grado

Visualizzazioni: 27
0 0
Tempo per leggere:2 Minuto, 35 Secondo

Un uomo di Medicine Hat, Alta., È stato ritenuto colpevole di omicidio di primo grado ed estorsione in un caso bizzarro che coinvolgeva una richiesta di 1 milione di dollari, una minaccia di omicidio e una vittima che è stata trovata morta 24 ore dopo.

Nelle ultime tre settimane, i giurati della città a circa 300 chilometri a sud-est di Calgary hanno ascoltato le prove nel processo di Robert Hoefman, con deliberazioni che iniziano mercoledì poco dopo mezzogiorno.

Una condanna per omicidio di primo grado arriva con una condanna a vita senza possibilità di libertà condizionale per 25 anni. Successivamente si terrà un’udienza di condanna.

Il 10 ottobre 2017, un uomo d’affari di Medicine Hat ha ricevuto una lettera che chiedeva 1 milione di dollari con la minaccia che se non avesse pagato, qualcuno sarebbe stato ucciso.

Un giorno dopo, il corpo di James Satre fu scoperto in un vicolo di Medicine Hat. Era stato accoltellato a morte.

‘Ti mostreremo’

I pubblici ministeri hanno sostenuto che l’omicidio era una tattica intimidatoria di Hoefman per spaventare la vittima dell’estorsione e indurla a rinunciare ai soldi.

L’identità della vittima dell’estorsione è protetta da un divieto di pubblicazione.

La prima di una serie di lettere minacciose è arrivata all’attività della vittima dell’estorsione il martedì dopo il lunedì del Ringraziamento, 2017.

“Il giorno 2, vi mostreremo esattamente cosa possiamo fare”, ha detto.

“Il solo sentire che un individuo è stato brutalmente assassinato alla radio dovrebbe essere sufficiente”, diceva in parte la lettera.

L’autore della lettera ha scritto che stavano osservando l’uomo e sua moglie da settimane.

Lettera inviata all’agenzia di stampa

L’uomo ha testimoniato di aver chiamato immediatamente la polizia e allertato il suo staff e la sua famiglia.

Nei giorni successivi, sono state ricevute più lettere, inclusa una inviata a un’agenzia di stampa di Medicine Hat che rivendicava la responsabilità della morte di Satre e incolpava la vittima dell’estorsione e la polizia per non aver seguito esattamente le richieste.

I pubblici ministeri hanno presentato prove ai giurati, incluso un mandato di perquisizione eseguito a casa di Hoefman, dove la polizia ha sequestrato un laptop, chiavette USB e un distruggidocumenti.

Sull’elettronica, la polizia ha trovato copie di lettere simili a quelle inviate alla vittima dell’estorsione.

Il DNA di Hoefman è stato infine trovato sulle lettere di estorsione e sulla scena del delitto.

Gli avvocati della difesa Ian McKay e Heather Ferg hanno suggerito che l’ex socio in affari della vittima dell’estorsione fosse responsabile dei crimini.

Inizialmente, anche il destinatario della lettera credeva che il suo ex partner fosse dietro l’estorsione.

L’ex partner doveva centinaia di migliaia di dollari al destinatario della lettera ei due furono coinvolti in procedimenti giudiziari al punto che era stato emesso un atto di esecuzione in seguito all’arbitrato e un curatore fallimentare nominato attraverso i tribunali.


Meghan Grant è la giornalista giudiziaria e criminale della CBC Calgary. Se hai un’idea o un suggerimento per una buona storia, puoi contattarla all’indirizzo [email protected] o su Twitter all’indirizzo @CBCMeg. Puoi leggere altre sue storie recenti qui:

#Estorsore #dellAlberta #che #chiesto #milione #dollari #riconosciuto #colpevole #omicidio #primo #grado

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *