Gli spettatori della staffetta della torcia olimpica devono indossare maschere, distanza sociale

Visualizzazioni: 4
0 0
Tempo per leggere:1 Minuto, 58 Secondo

Gli organizzatori delle Olimpiadi di Tokyo martedì hanno invitato gli spettatori lungo la strada alla staffetta della torcia a indossare maschere e praticare l’allontanamento sociale per aiutare a prevenire la diffusione del coronavirus.

Hanno anche affermato che il personale della staffetta della torcia deve essere negativo al test per il coronavirus prima di essere inviato da Tokyo.

La staffetta della torcia di 121 giorni inizierà il 25 marzo presso il centro di addestramento J-Village di Fukushima, lanciando l’accumulo verso l’inizio dei Giochi del 23 luglio, posticipato dal 2020 a causa del coronavirus.

“Le persone stanno bene a guardare dal lato della strada, ma quando lo fanno vorremmo che si esercitassero a distanziarsi ed evitare la folla”, ha detto in una conferenza stampa il CEO di Tokyo 2020 Toshiro Muto.

“Vogliamo garantire una staffetta della torcia sicura non solo per i corridori, ma per le persone nelle comunità locali che sono così gentili da ospitarla”, ha detto.

Gli organizzatori hanno il compito senza precedenti di pianificare il più grande evento multisport al mondo durante una pandemia. Devono prendere decisioni difficili sull’opportunità di consentire ai fan stranieri e sul numero di spettatori in generale di entrare nei luoghi.

La cerimonia del “Grand Start” e la prima sezione della staffetta della torcia del primo giorno non saranno aperte al pubblico poiché gli organizzatori riducono il numero di partecipanti e semplificano il programma.

L’atleta rifiuta l’invito a essere staffetta

Sottolineando le complicazioni della pianificazione dei Giochi di quest’anno, la calciatrice giapponese Nahomi Kawasumi ha dichiarato che non prenderà parte alla staffetta della torcia dopo aver deciso di ritirarsi dall’evento lo scorso anno a causa della pandemia.

Kawasumi, che gioca per lo Sky Blue FC nel calcio professionistico femminile degli Stati Uniti, aveva detto poco prima che i Giochi fossero rinviati l’anno scorso che si sarebbe ritirata a causa del timore di poter contrarre il virus o infettare altri.

“Ancora una volta, mi rifiuterò di essere un corridore della staffetta della torcia”, ha twittato Kawasumi lunedì.

“Ho preso questa decisione perché il problema delle malattie infettive non è stato ancora risolto e vivo negli Stati Uniti”, che ha il maggior numero di casi e decessi di coronavirus al mondo.

Le Olimpiadi si terranno dal 23 luglio all’8 agosto e le Paralimpiadi dal 24 agosto al 5 settembre.

#Gli #spettatori #della #staffetta #della #torcia #olimpica #devono #indossare #maschere #distanza #sociale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *