I canadesi asiatici vedono difetti nella strategia federale contro il razzismo

Visualizzazioni: 1
0 0
Tempo per leggere:6 Minuto, 39 Secondo

I sostenitori dei canadesi asiatici chiedono miglioramenti alla strategia antirazzista del governo federale per far fronte a un’ondata di razzismo anti-asiatico.

Avvy Go, direttore esecutivo della clinica legale cinese e del sud-est asiatico a Toronto, ha affermato che la strategia non è riuscita a menzionare specificamente il razzismo anti-asiatico nel suo documento politico fondamentale. Il documento cita come obiettivi chiave il razzismo anti-nero e anti-indigeno, l’antisemitismo e l’islamofobia.

“È un grave difetto nell’attuale strategia”, ha detto Go a CBC News.

“Ci auguriamo che il governo modifichi la strategia e, cosa più importante, sviluppi azioni concrete per affrontare il razzismo di tutte le forme”.

L’appello arriva in mezzo a un aumento segnalato di crimini d’odio anti-asiatici in tutto il paese e all’estero durante la pandemia.

Secondo a rapporto pubblicato a marzo dal Consiglio nazionale canadese cinese, più di 1.150 casi di razzismo anti-asiatico sono stati segnalati attraverso due siti Web – COVIDRacism.ca ed elimin8hate.org – tra il 10 marzo 2020 e il 28 febbraio 2021. La disinformazione e le convinzioni razziste legate al fatto che il nuovo coronavirus è emerso per la prima volta in Cina sono dietro l’ondata di attacchi, hanno scritto gli autori.

A Vancouver, il dipartimento di polizia ha riferito che i crimini d’odio anti-asiatici sono aumentati da soli 12 casi nel 2019 a 98 nel 2020, con un aumento del 717%.

E i dati da Statistics Canada pubblicato a luglio 2020 suggeriscono che i canadesi con origini asiatiche avevano maggiori probabilità di segnalare un aumento delle molestie razziali o etniche durante la pandemia rispetto al resto della popolazione. Il maggiore aumento è stato osservato tra le persone di origine cinese, coreana e del sud-est asiatico.

Avvy Go, direttore della clinica legale cinese e del sud-est asiatico, afferma che la strategia anti-razzismo del governo federale dovrebbe essere aggiornata per includere il razzismo anti-asiatico. (Keith Whelan / CBC)

Go, una cittadina canadese nata a Hong Kong, ha detto che lei stessa ha avuto diverse esperienze spaventose.

“In un particolare incidente, mentre stavo tornando a casa, qualcuno mi ha sputato addosso”, ha detto.

“Quasi ogni singolo cinese canadese che conosco ha vissuto qualcosa, qualche incidente durante lo scorso anno, sia che si tratti di persone che urlano contro di loro, che dicono loro di tornare in Cina o che gli viene negato il servizio …

“Il razzismo anti-asiatico è in una fase di crisi in questo momento”.

Combattere il razzismo sistemico nel governo e nelle comunità

La strategia federale anti-razzismo, introdotta nel 2019, impegna il governo a “costruire una base per il cambiamento rimuovendo le barriere e promuovendo un paese in cui ogni persona sia in grado di partecipare pienamente e avere pari opportunità di successo”.

La strategia richiede un “approccio dell’intero governo” per affrontare il razzismo sistemico nelle politiche e nei programmi federali, per responsabilizzare le comunità e per sensibilizzare e educare il pubblico.

Il governo ha stanziato $ 45 milioni in tre anni per attuare la strategia: $ 4,5 milioni per un segretariato anti-razzismo all’interno del servizio pubblico, $ 30 milioni per progetti basati sulla comunità, $ 6 milioni a Statistics Canada per raccogliere dati migliori e $ 5 milioni per combattere la disinformazione online e incitamento all’odio.

Nella dichiarazione economica autunnale del suo governo, il ministro delle finanze Chrystia Freeland ha impegnato altri 50 milioni di dollari in iniziative contro il razzismo in due anni.

In una dichiarazione, un portavoce del Department of Canadian Heritage ha detto che 85 progetti comunitari per un valore di 15 milioni di dollari sono già stati finanziati nell’ambito della strategia.

Parte di quel denaro è andato a iniziative legate al razzismo anti-asiatico, tra cui una per contrastare la disinformazione COVID-19 che colpisce le comunità linguistiche cinese e vietnamita di Vancouver e una che esamina la presenza di odio online sulle piattaforme dei media in lingua cinese in Canada.

“Mentre [the anti-racism strategy] si impegna già a combattere il razzismo e la discriminazione in tutte le sue forme, riconosciamo che il razzismo anti-asiatico deve essere specificamente indicato nella strategia “, ha scritto in una e-mail la portavoce del dipartimento Amélie Mathieu.

Mathieu ha elencato una serie di altre misure che il governo ha adottato per combattere il razzismo anti-asiatico, inclusa la consultazione con i canadesi asiatici per garantire che le loro esigenze informassero la risposta del governo a COVID-19.

Ha detto che il governo sta anche lavorando per diversificare il servizio pubblico, aprire opportunità economiche per le comunità razzializzate e fare un lavoro migliore nella raccolta di dati basati sulla razza.

Ma i critici sostengono che, a due anni dall’inizio della strategia, i progressi sono stati lenti.

Sono necessari finanziamenti permanenti, dicono i sostenitori

Shalini Konanur, direttore esecutivo della South Asian Legal Clinic of Ontario, ha affermato che l’attenzione deve andare oltre il finanziamento di progetti comunitari per un esame completo di come le politiche ei programmi governativi mettano le persone razzializzate in una posizione di svantaggio.

Ha detto che il segretariato anti-razzismo non ha le risorse di cui ha bisogno per fare quel lavoro.

“Molte delle cose che devono essere risolte sono problemi sistemici all’interno del governo [such as] barriere nel sostegno al reddito, nella legislazione sull’immigrazione e sul lavoro “, ha detto Konanur.

“Così com’è, [the secretariat is] limitato nel lavoro che possono svolgere “.

Konanur ha affermato che il segretariato contro il razzismo dovrebbe essere finanziato a un livello simile a quello di Women and Gender Equality Canada, un dipartimento federale a pieno titolo con un budget annuale medio di 134 milioni di dollari tra il 2018 e il 2022.

“Se il Canada ora prende sul serio l’antirazzismo … il budget ha davvero bisogno di fornire ampie risorse per rendere quel segretariato completamente funzionale e in grado di attraversare il governo e guardare i diversi modi in cui il razzismo sistemico crea barriere”, ha detto Konanur.

I sostenitori chiedono un piano d’azione nazionale

Go e Konanur fanno parte di una coalizione di gruppi che hanno presentato un piano all’ufficio di Freeland in vista del prossimo bilancio federale.

La loro proposta chiede al governo di: aumentare i fondi per la segreteria antirazzista e renderli permanenti; sviluppare un piano d’azione nazionale completo per guidare il suo lavoro; sviluppare un mandato più forte per la raccolta di dati basati sulla razza; e approvare una legislazione che consacrerebbe nella legge il segretariato antirazzista e altri programmi antirazzisti in modo che non possano essere eliminati da un futuro governo con priorità diverse.

La deputata dell’NDP Jenny Kwan ha anche spinto il governo federale a intraprendere un’azione più forte contro il razzismo anti-asiatico.

Il mese scorso Kwan ha interrogato il primo ministro Justin Trudeau sulla questione alla Camera dei Comuni. Trudeau ha risposto dicendo che l’aumento dell’odio anti-asiatico e del razzismo è “orribile” e “inaccettabile” e ha ribadito l’impegno del governo a combatterlo.

La deputata dell’NDP Jenny Kwan esorta il governo federale a fare di più per affrontare il recente aumento del razzismo anti-asiatico in Canada. (Justin Tang / Stampa canadese)

“Il primo ministro è spesso pronto a condannare queste azioni, ma abbiamo bisogno di più di questo, più delle parole per affrontare questo problema”, ha detto Kwan. “Dovremmo tutti condannare queste azioni e poi dare seguito [with] azione per garantire che affrontiamo questi problemi in modo olistico “.

L’NDP ha ricevuto il consenso unanime dei parlamentari alla Camera dei Comuni per approvare due mozioni alla fine di marzo: una che invitava il governo a includere il razzismo anti-asiatico nella strategia anti-razzismo e un’altra che richiedeva un’azione sui crimini d’odio in Canada.

Kwan ha detto che ogni dipartimento di polizia in Canada dovrebbe avere un’unità per i crimini ispirati dall’odio composta da ufficiali con una formazione adeguata – qualcosa che ha detto attualmente non è il caso. Ha anche invitato il governo a rivedere le sue politiche attuali e passate con l’obiettivo di modificare quelle che mettono in svantaggio le persone razzializzate.

#canadesi #asiatici #vedono #difetti #nella #strategia #federale #contro #razzismo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *