I nastri rivelano che Trump non ha mai detto ai funzionari della Georgia di “trovare la frode”, ma li ha spinti a indagare

Visualizzazioni: 18
0 0
Tempo per leggere:4 Minuto, 11 Secondo

CBC News ha pubblicato per la prima volta questo rapporto dell’Associated Press il 9 gennaio 2021. È stato aggiornato dall’AP il 15 marzo 2021, per correggere che l’Associated Press, sulla base delle informazioni fornite da una fonte, ha erroneamente riferito che Trump ha sollecitato l’investigatore a “trova la frode” e ha detto che avrebbe reso l’investigatore un eroe nazionale. Una registrazione della chiamata resa pubblica due mesi dopo ha rivelato che Trump non ha detto neanche l’uno e l’altro e invece ha detto che se l’investigatore avesse esaminato la contea di Fulton, l’investigatore avrebbe “trovato cose incredibili”. Trump ha anche detto all’investigatore: “Quando uscirà la risposta giusta, sarai elogiato”.

La storia originale è Qui. La storia corretta del 9 gennaio segue di seguito.


Mentre i funzionari elettorali in Georgia stavano verificando le firme su buste elettorali assenti in una contea della metropolitana di Atlanta alla fine del 2020, il presidente Donald Trump ha sollecitato un investigatore principale per esaminare una contea diversa, dicendo che l’investigatore avrebbe “trovato cose che saranno incredibili”.

Trump ha anche detto all’investigatore: “Quando uscirà la risposta giusta, sarai elogiato”.

La telefonata di dicembre, descritta da una persona a lei familiare che ha parlato a condizione di anonimato per descrivere la delicata natura della discussione, è l’ennesimo anello della catena della straordinaria campagna di pressione condotta da Trump sui funzionari statali mentre ha cercato di ribaltare i risultati delle elezioni di novembre, che ha perso contro il democratico Joe Biden.

I funzionari elettorali e gli osservatori esaminano le schede elettorali ambigue durante il conteggio delle elezioni presidenziali della Georgia presso una struttura elettorale della contea di Richmond ad Augusta, in Georgia, il 30 novembre 2020 (Michael Holahan / The Augusta Chronicle tramite The Associated Press)

3 chiamate in attesa nell’arco di un mese

È una delle almeno tre telefonate, tenutesi nel corso di un mese tra l’inizio di dicembre e l’inizio di gennaio, in cui Trump ha cercato aiuto da funzionari georgiani di alto livello per sovvertire le elezioni, solo per essere respinto ogni volta. Trump ha perso contro Biden in Georgia per 11.779 voti.

La chiamata all’investigatore ha preceduto la chiamata del 2 gennaio di Trump al segretario di Stato della Georgia Brad Raffensperger in cui ha chiesto ai funzionari elettorali di “trovare” voti sufficienti per ribaltare la vittoria di Biden nello stato. È accaduto mentre i funzionari elettorali stavano conducendo un controllo delle firme sulle buste delle schede elettorali assenti nella contea di Cobb. Trump ha spinto l’investigatore a indagare nella contea di Fulton, una roccaforte democratica che contiene la maggior parte di Atlanta.

L’audit, che ha esaminato più di 15.000 firme, non ha rilevato casi di frode. Il Georgia Bureau of Investigation ha contribuito a condurre l’audit delle firme.

Trump ei suoi alleati hanno fatto per mesi false affermazioni sul processo di verifica della firma della Georgia per le votazioni per assente e sui risultati delle elezioni di novembre. Tra le altre cose, hanno richiesto una verifica delle corrispondenze delle firme.

Un lavoratore esegue la scansione delle schede elettorali mentre il processo di riconteggio presidenziale inizia il 24 novembre 2020, nella contea di DeKalb, in Georgia. (Ben Gray / The Associated Press)

La Casa Bianca non ha avuto commenti immediati. La telefonata è stata segnalata per la prima volta sabato dal Washington Post, che ha affermato di trattenere il nome dell’investigatore, che non ha risposto alle richieste di commento, a causa del rischio di minacce e molestie dirette ai funzionari elettorali.

Vari funzionari elettorali in tutto il paese e l’ex procuratore generale di Trump, William Barr, hanno affermato che non ci sono state frodi diffuse nelle elezioni. Raffensperger e altri funzionari in Georgia hanno ripetutamente contestato le false affermazioni di Trump sulle elezioni e hanno affermato che sono state condotte liberamente e in modo equo.

Giovedì il Congresso ha certificato la vittoria del college elettorale di Biden, poche ore dopo che una violenta folla di rivoltosi pro-Trump ha preso d’assalto il Campidoglio.

Durante un’altra chiamata all’inizio di dicembre, Trump ha sollecitato il governatore della Georgia Brian Kemp a ordinare una sessione speciale della legislatura statale per sovvertire la vittoria di Biden. Kemp ha rifiutato.

Trump si è ripetutamente scagliato contro Raffensperger e Kemp, entrambi colleghi repubblicani, e altri che vedeva ostacolare il suo modo di ribaltare la sua perdita elettorale.

Nella telefonata della scorsa settimana con Raffensperger, Trump ha esortato il segretario di stato a modificare i risultati certificati.

“Tutto quello che voglio fare è questo. Voglio solo trovare 11.780 voti, che è uno in più di quello che abbiamo”, ha detto Trump. “Perché abbiamo vinto lo stato.”

Raffensperger ha detto in risposta: “Presidente Trump, abbiamo avuto diverse cause legali e abbiamo dovuto rispondere in tribunale alle cause e alle controversie. Non siamo d’accordo che tu abbia vinto”.

Esperti legali hanno affermato che la chiamata ha sollevato domande su possibili violazioni della legge elettorale da parte di Trump e diversi democratici nello stato hanno chiesto l’apertura di un’indagine.

#nastri #rivelano #che #Trump #mai #detto #funzionari #della #Georgia #trovare #frode #spinti #indagare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *