“I suoi zoccoli sono arrivati ​​a 15 centimetri dai miei occhi”, dice Quebec senior parlando del terrificante incontro con il bue

Visualizzazioni: 20
0 0
Tempo per leggere:3 Minuto, 42 Secondo

Martedì scorso, l’oste Laura Chouinard è partita per la sua corsa pomeridiana con il suo cane, la principessa.

Era una giornata invernale tipicamente frizzante a Saint-Alexis-de-Matapédia, un tranquillo villaggio nella regione del Gaspé del Quebec.

Presto, però, come ha detto Chouinard a CBC Radio’s Quebec AM, quella tranquillità si è trasformata in turbolenza.

Chouinard notò un bue che arrancava lungo una corsia laterale, diretto verso la trafficata strada principale.

“Pensavo che quella bestia potesse essere in pericolo”, ha detto Chouinard. Ha deciso di tornare indietro, lontano dal traffico ad alta velocità.

“Sono cresciuto in un paese agricolo, quindi non ho affatto paura degli animali”.

Vedendo che il bue era ancora senza corna, immaginò che fosse un manzo di due anni che era scappato da un campo vicino.

Ha fatto un baccano per spaventare l’animale, ma non ha cambiato il suo corso. Notando il trambusto, un paio di automobilisti di passaggio si sono avvicinati per aiutare.

Alla fine, dopo una decina di minuti di scatti e clacson, il bue voltò la coda e Chouinard riprese la sua corsa.

Assalito da una bestia

Chouinard aveva percorso appena 15 piedi lungo la strada principale quando il bue tornò a prenderla. E questa volta, i segni erano minacciosi.

“Stava raschiando il terreno con i suoi zoccoli – sembrava arrabbiato”, ha detto Chouinard. Il bue caricò a tutta velocità e la afferrò allo sterno con la sua testa massiccia.

Un braccio destro gonfio è una delle cicatrici di battaglia di Laura Chouinard dal suo incontro con il bue in fuga. (Inserito da Laura Chouinard)

L’impatto l’ha abbattuta, ma la bestia non era stazionata. Tuonò verso di lei.

“I suoi zoccoli sono arrivati ​​a sei pollici dai miei occhi”, ha detto Chouinard.

Presa dalla paura, decise: “Oggi non morirò”.

Rotolando con i pugni

Riunendo il suo ingegno, Chouinard fece il punto della sua situazione. Era circondata da alti banchi di neve e aveva poco spazio di manovra.

Poi, ha ricordato il suo allenamento di karate di 20 anni fa. “È come nuotare, sai. Anche se non lo fai da molto tempo, te lo ricordi velocemente.”

La scena del “crimine”: Rustico Street North, a sinistra, è dove il bue ha attaccato Laura Chouinard. (Inserito da Laura Chouinard)

Le sue mosse di arti marziali hanno aiutato Chouinard a proteggere i suoi organi vitali. “Avevo imparato a difendere la mia pancia e la mia testa. Ho presentato i miei fianchi al bue.”

Il bue continuava a prenderla a pugni. L’ha colpita sei o sette volte.

Chouinard ha detto con calma: “Ho quasi 70 anni, ma sono in ottima forma”. La sua straordinaria agilità l’aiutò a rotolare via dagli zoccoli mortali dell’animale ogni volta che lo abbatteva.

Scosso, ma non frantumato

Attirati dalle urla di Chouinard, alcuni autisti si sono fermati per aiutare. Quando la loro presenza distrasse il bue, si affrettò a mettersi in salvo su un banco di neve.

Nel frattempo, il bue è stato brevemente rallentato da un camion. Ma presto inseguì i passanti, sparpagliandoli nella campagna innevata. Alla fine fu soffocato dal rombo di un trattore incombente che un vicino ha guidato.

Il banco di neve che Laura Chouinard ha scalato per sfuggire al bue. (Inserito da Laura Chouinard)

“Il tutto è durato solo due o tre minuti”, ha detto Chouinard. “Ma sembrava molto più lungo.”

Uno spettatore ha portato a casa un Chouinard scosso e un amico ha chiamato un’ambulanza.

In ospedale, i medici le hanno sottoposto a raggi X tutto il corpo e sono stati sollevati di non trovare ossa rotte. “L’unico motivo per cui non sono stata ferita gravemente è che sono in forma e forte”, ha concluso.

Chouinard è flemmatico riguardo al suo calvario e non sopporta la bestia.

“Era solo essere un animale energico che si gode la sua libertà”, ha detto con una risata. “I bovini scappano continuamente dai campi.”

Anche se lei non lo biasima affatto, il contadino che possiede il bue si è scusato molto e ha deciso di svendere l’animale offensivo.

Contuso dappertutto e in notevole dolore, Chouinard disse coraggiosamente: “Probabilmente ricomincerò a correre la prossima settimana. Stavo correndo quattro o cinque miglia al giorno. Mi sto allenando per una mezza maratona”.

Essendo stata nelle squadre di corsa e sci di fondo della Laval University in gioventù, Chouinard aveva un semplice messaggio per Quebec AM ascoltatori – “mantenetevi in ​​forma”, ha consigliato.

#suoi #zoccoli #sono #arrivati #centimetri #dai #miei #occhi #dice #Quebec #senior #parlando #del #terrificante #incontro #con #bue

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *