Il campione olimpico statunitense Simone Manuel spinge per il cambiamento dentro e fuori dal pool

Visualizzazioni: 29
0 0
Tempo per leggere:3 Minuto, 53 Secondo

La piscina è da tempo la casa di Simone Manuel. Al di fuori di ciò, la campionessa olimpica si sta spingendo in un nuovo tentativo per aumentare il profilo degli sport femminili.

Si è unita alle altre olimpioniche Sue Bird, Chloe Kim e Alex Morgan per lanciare TOGETHXR, una società di media e commercio rivolta a ragazze e donne. Creerà contenuti per piattaforme di social media come Instagram e TikTok, nonché il proprio canale YouTube. Billie Jean King ha acclamato il suo annuncio questa settimana.

“Non vedo l’ora di condividere tutto ciò che abbiamo in serbo”, ha twittato Manuel. “Non c’è mai stato un posto per donne che esistano in questo modo. Si tratta di maledettamente tempo.”

Fare onde in piscina

Manuel è stato impegnato a dare le sue notizie in acqua. È scoppiata alle Olimpiadi di Rio de Janeiro 2016, diventando la prima donna nera a vincere una medaglia d’oro individuale nel nuoto con la sua vittoria nei 100 metri stile libero, una delle quattro medaglie che ha guadagnato.

Nel 2019, è diventata la prima donna americana a spazzare i 50 e i 100 stili di freestyle ai campionati del mondo.

Punta a difendere il suo 100 titolo gratuito alle Olimpiadi di Tokyo, ritardata di un anno dalla pandemia di coronavirus. Quando Stanford ha chiuso le sue strutture lo scorso marzo, Manuel e la partner di allenamento Katie Ledecky hanno trovato una piscina nel cortile dove allenarsi.

“Se ci pensi, essenzialmente ci alleniamo da cinque anni per le Olimpiadi, quindi ci vuole molto da te e ci vuole molta forza mentale per continuare a spingere in questo periodo”, ha detto Manuel giovedì a un colloquio virtuale. “Stiamo tutti attraversando gli alti e bassi di come allenarci per un anno in più”.

Sebbene l’autocritica Manuel non fosse soddisfatta del suo tempo, ha vinto i 100 giri gratuiti giovedì al raduno TYR Pro Swim nel suo stato natale, il Texas. Ha toccato in 54,62 secondi nella piscina coperta di San Antonio. Abbey Weitzel è seconda a 54.68. Ledecky ha preso il terzo posto in 54.74.

“Ho ottenuto la vittoria, il che è stato bello, ma mi sarebbe piaciuto vedere qualcosa di meglio di quello”, ha detto. “Ho sempre trovato la mia fiducia negli allenamenti e gli allenamenti stanno andando davvero bene”.

Venerdi gareggia nei 200 liberi.

È il primo ritorno di Manuel alla competizione nazionale durante la pandemia. Si consola nel fatto che tutti gli atleti del mondo abbiano attraversato “questo periodo pazzo”.

“Ovviamente, ce ne occupiamo da un anno, ma non è normale”, ha detto. “Mi affido ai miei compagni di squadra e alla mia famiglia e ai miei amici, e cerco di trarre il meglio dalla situazione. A volte, quando superi gli ostacoli, sei tu e solo tu, ma c’è una specie di senso di comunità”.

Manuel ha sfruttato il tempo inaspettato per fare del bene nel nord della California. Lei e un partner aziendale hanno collaborato per fornire 1.000 laptop e WiFi gratuito per tre anni agli studenti delle strutture ricreative di Oakland.

Essendo uno dei pochi atleti neri d’élite nello sport prevalentemente bianco, Manuel si concentra sull’aiutare il nuoto a diventare più inclusivo dal punto di vista razziale.

Su Twitter si è espressa apertamente su tutto, dalla giustizia sociale alla crisi in Texas, che ha comportato gravi fallimenti dei servizi pubblici che hanno lasciato le persone senza elettricità, riscaldamento e acqua corrente. “Noi come paese dobbiamo fare di meglio per prenderci cura di tutti”, ha postato.

Risultati di altri

Sempre giovedì, Ledecky ha vinto facilmente i 400 stile libero in 4 minuti, cinque secondi per la sua seconda vittoria nei quattro giorni di gara. Ha vinto i 1.500 gratuiti di oltre 21 secondi un giorno prima.

Caeleb Dressel è arrivato ottavo nei 200 farfalla e terzo nella finale di consolazione dei 100 stile libero nei suoi unici eventi. Il nuotatore dominante degli uomini americani negli ultimi quattro anni è tornato a casa in Florida per partecipare a un matrimonio. Dressel si è sposato il mese scorso.

La pandemia che ha ritardato di un anno le Olimpiadi di Tokyo non ha fatto alcun favore a Ryan Lochte. Il 12 volte medaglia olimpica si propone di fare la sua quinta partita all’età di 36 anni. Non è riuscito a superare i preliminari, finendo 32 ° nei 100 liberi e 25 ° nei 100 rana.

Blake Pieroni ha vinto i 100 liberi maschili in 49,19 secondi. Nathan Adrian, il campione olimpico 2012 che ha superato con successo il cancro ai testicoli due anni fa, ha vinto la finale di consolazione in 49.53.

#campione #olimpico #statunitense #Simone #Manuel #spinge #cambiamento #dentro #fuori #dal #pool

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *