Il canadese Michael Kovrig, accusato dalla Cina di spionaggio, viene processato a Pechino

Visualizzazioni: 5
0 0
Tempo per leggere:3 Minuto, 41 Secondo

Il processo contro Michael Kovrig, il secondo dei due canadesi detenuti in Cina da più di due anni, è in corso a Pechino in un’aula di tribunale a porte chiuse, ha detto lunedì un alto diplomatico canadese.

La Cina ha arrestato Kovrig, un ex diplomatico, e il collega canadese Michael Spavor nel dicembre 2018, subito dopo che la polizia canadese aveva arrestato Meng Wanzhou, l’ufficiale finanziario capo della società tecnologica cinese Huawei, su mandato degli Stati Uniti.

Pechino insiste sul fatto che le detenzioni non sono collegate all’arresto di Meng, che rimane agli arresti domiciliari a Vancouver mentre combatte l’estradizione negli Stati Uniti.

Global Affairs Canada ha confermato domenica che i funzionari canadesi non avranno il permesso di partecipare.

“Abbiamo richiesto ripetutamente l’accesso all’udienza di Michael Kovrig, ma l’accesso è stato negato” per motivi di sicurezza nazionale, ha detto lunedì a Pechino Jim Nickel, incaricato d’affari presso l’Ambasciata del Canada in Cina.

“Ora vediamo che il processo giudiziario in sé non è trasparente. Siamo molto turbati da questo”.

Il processo a Kovrig, raffigurato in questo file immagine tratto da un video del 28 marzo 2018, è in corso in Cina, secondo Nickel. (File foto / The Associated Press)

In una dimostrazione di solidarietà, 28 diplomatici di 26 paesi, tra cui Stati Uniti, Regno Unito, Germania, Australia, Paesi Bassi e Repubblica Ceca, si sono presentati lunedì davanti al Tribunale intermedio n. 2 di Pechino, caratterizzato da una forte presenza di polizia. .

“[U.S.] Presidente [Joe] Biden e [Secretary of State Antony] Blinken ha detto che nel trattare i casi di Michael Kovrig e Michael Spavor, gli Stati Uniti tratteranno questi due individui come se fossero cittadini americani “, ha detto ai giornalisti William Klein, incaricato d’affari dell’ambasciata degli Stati Uniti in Cina. stava accanto a Nickel.

Un agente di polizia fa un gesto vicino a Jim Nickel, incaricato d’affari presso l’ambasciata canadese in Cina, e William Klein, incaricato d’affari dell’ambasciata statunitense a Pechino, davanti al Tribunale intermedio n. 2 di Pechino. (Carlos Garcia Rawlins / Reuters)

“Siamo qui per mostrare solidarietà. La detenzione arbitraria non è la strada giusta”, ha detto a Reuters un altro diplomatico, rifiutando di essere nominato perché non era autorizzato a parlare a verbale del processo ai canadesi.

Più di 50 paesi hanno firmato a febbraio una dichiarazione per condannare la detenzione arbitraria di cittadini stranieri per scopi politici.

Alcuni diplomatici si sono tolti le maschere mentre posavano per una foto di gruppo fuori dal tribunale, ognuno dei quali gridava quale paese rappresentavano per aiutare i giornalisti a identificarli.

Verdetto in arrivo nel processo Spavor

Venerdì, Spavor, un uomo d’affari, è stato sottoposto a un processo a porte chiuse in un tribunale nella città nord-orientale di Dandong. La corte ha detto che fisserà una data successiva per un verdetto.

I diplomatici canadesi e altri non sono stati autorizzati a partecipare al processo Spavor per quelli che la Cina ha detto essere motivi di sicurezza nazionale, una mancanza di trasparenza che il primo ministro canadese Justin Trudeau ha definito “del tutto inaccettabile”.

Gli osservatori hanno affermato che le probabili condanne dei due uomini potrebbero in definitiva facilitare un accordo diplomatico in base al quale vengono rilasciati e rimandati in Canada. I tribunali cinesi hanno un tasso di condanne superiore al 99%.

Gli agenti di polizia sono davanti a un tribunale di Pechino dove Kovrig è sotto processo. (Carlos Garcia Rawlins / Reuters)

Domenica scorsa, Vina Nadjibulla, la moglie di Kovrig, ha elogiato i recenti commenti pubblici di Trudeau, Biden e Blinken a sostegno dei “due Michael”, come sono diventati noti in tutto il mondo.

Ma Nadjibulla ha detto in un’intervista su CBC Rosemary Barton dal vivo quello vuole vedere quelle parole tradotte in azioni che garantiscano il loro rilascio il prima possibile.

“La solidarietà, il sostegno e le parole sono buone, e dobbiamo continuare a dire queste cose”, ha detto Nadjibulla alla conduttrice Rosemary Barton.

“Ma cosa farà davvero la differenza per Michael [Kovrig] e per Michael Spavor ora sono azioni e sforzi diplomatici concertati da parte di tutti e tre i governi per trovare una strada da percorrere “.

GUARDA | La moglie di Michael Kovrig chiede la fine della detenzione prima del processo:

La moglie del canadese Michael Kovrig, che doveva essere processato lunedì in Cina per presunto spionaggio, chiede una soluzione diplomatica per porre fine alla detenzione del marito e del suo collega canadese Michael Spavor. 2:01

#canadese #Michael #Kovrig #accusato #dalla #Cina #spionaggio #viene #processato #Pechino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *