Il canadese Riech gareggia praticamente da solo sulla strada per il record mondiale di 1.500 metri

Visualizzazioni: 11
0 0
Tempo per leggere:3 Minuto, 57 Secondo

Nate Riech alzò un pugno e lanciò un forte “Sì!” quando ha tagliato il traguardo sabato. La sua voce sicuramente risuonava come un altoparlante a tutto volume nello stadio quasi vuoto.

Riech ha infranto il suo record mondiale nei 1.500 metri, ma una folla di sole 50 persone – inclusi i cinque atleti combinati nella sua gara – più funzionari, allenatori e corridori in altri eventi sono stati ammessi nello stadio Victoria, BC, a causa di COVID- 19 protocolli di salute e sicurezza.

A Riech non importava.

“Alla fine della giornata correre è così tanto per me come la meditazione, quindi non mi accorgo molto intorno a me”, ha detto.

La ventiseienne stella del mezzofondo paralimpico ha corso tre minuti e 52,56 secondi, per radersi di ben quattro secondi dal suo precedente record mondiale stabilito nel 2019.

“Questo è sicuramente il più entusiasta di un record di sempre, di sicuro”, ha detto Riech. “Mi stavo divertendo così tanto.

“La mia reazione [at the finish line] era un po ‘esagerato, ma ero decisamente molto eccitato “, ha aggiunto con una risata.” Negli ultimi due anni non sono riuscito a scendere sotto i 3:55. È stato fantastico correre una gara di cui pensavo di essere capace “.

Riech e Liam Stanley hanno gareggiato insieme, ma sono in classifiche paralimpiche diverse, quindi sono state praticamente due gare separate in una. Stanley aveva il suo ritmo, mentre Riech ne aveva due. Avevano programmato di percorrere Riech per 1.000 metri, ma lui ha chiesto loro di farsi da parte con 200 metri di anticipo “, e sono decollato.

“Di solito mi sento malissimo a 800 metri, ma per qualche motivo mi sono sentito benissimo”.

Riech farà il suo debutto alle Paralimpiadi quest’estate a Tokyo. Il corridore alto sei piedi e tre ha perso un po ‘di mobilità sul lato destro del suo corpo quando è stato colpito alla testa da una pallina da golf all’età di 10 anni. Ha continuato a correre sulla pista NCAA – contro concorrenti normodotati – per la Furman University e South Alabama.

È stato subito una star nella pista paralimpica, infrangendo due record mondiali nel suo debutto internazionale alle Paralimpiadi nel 2018.

Correrà solo i 1.500 metri a Tokyo, poiché il Comitato Paralimpico Internazionale ha eliminato gli 800 e i 5.000 per la sua classifica. Spera di fare sia i 400 che i 1.500 ai Giochi del 2024.

Linea di sangue atletica

Il debutto alle Paralimpiadi di Riech sarà diverso in quanto probabilmente pochi o nessun fan sarà autorizzato in mezzo alla pandemia globale. Ma la possibilità di correre a Tokyo ha un significato speciale per Riech.

“Billy Mills è stato il primo nativo americano a vincere i 10.000 metri olimpici [at the 1964 Tokyo Olympics] e sono anche nativo americano “, ha detto Riech.

Il padre di Riech, Todd, è cresciuto nella riserva Flathead-Kootenai nel Montana, ed è stato l’unico nativo americano della squadra statunitense – ha lanciato il giavellotto – alle Olimpiadi di Atlanta del 1996. Riech ha incontrato Mills quando era giovane e ha detto che il corridore Lakota Sioux che ha sconvolto il campo per vincere i Giochi del ’64 era un grande sostenitore di suo padre.

“Quindi è davvero fantastico che i miei primi Giochi siano a Tokyo, c’è un significato speciale”, ha detto Riech.

Riech è nato in Arizona, ma è idoneo a competere per il Canada poiché sua madre Ardin Tucker è nata nel paese. Ha gareggiato per il Canada nel salto con l’asta.

Lui ei suoi genitori non sono gli unici atleti della famiglia. Il suo patrigno Ben Tucker era un lanciatore dei San Francisco Giants, suo nonno Jim Harrison giocava nella NHL per Toronto, Boston, Edmonton e Chicago, sua nonna Liz Harrison andava a cavallo per il Canada e suo zio Trevor Harrison giocava a rugby per la squadra nazionale canadese .

Alternativa a causa di restrizioni

Gli atleti canadesi normalmente viaggerebbero all’estero in cerca di un clima caldo in questo momento della stagione, ma con viaggi limitati a causa delle restrizioni di confine, Victoria e il Lower Mainland di Vancouver ospitano i “Giochi invernali”, una serie di gare su pista per aiutare il canadese gli atleti hanno raggiunto i loro punteggi nelle qualificazioni olimpiche e paralimpiche.

Stanley ha corso un 4: 08.31 leader mondiale nei 1.500 nella sua classificazione Para.

Lucia Stafford ha mancato lo standard olimpico di 1.500 donne di due secondi, ottenendo un record personale di 4: 06.86.

La medaglia d’argento mondiale Melissa Bishop-Nriagu ha corso 4: 09.36. Sebbene Bishop-Nriagu sia una specialista degli 800 metri, i suoi tempi in altri eventi contano per preziosi punti nella classifica mondiale, una seconda via per qualificarsi per Tokyo.

#canadese #Riech #gareggia #praticamente #solo #sulla #strada #record #mondiale #metri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *