Il capo della task force sui vaccini dell’Ontario è pronto a partire con il lancio del sistema di prenotazione dei vaccini della provincia

Visualizzazioni: 8
0 0
Tempo per leggere:7 Minuto, 27 Secondo

Il capo della task force sui vaccini dell’Ontario lascerà il suo lavoro nelle prossime settimane, ha detto lunedì il premier Doug Ford.

La notizia del generale in pensione Rick Hillier arriva con l’Ontario che riporta 1.268 casi aggiuntivi di COVID-19 e il sistema di prenotazione dei vaccini della provincia che viene lanciato sia per telefono che online per gli over 80.

Durante la conferenza stampa della provincia di lunedì, Ford ha detto che Hillier sarà in giro solo “per un paio di settimane in più”, poiché il suo Ordine in Consiglio sta per scadere.

“Ho cercato di convincerlo a rinnovarlo, ma come ha detto, ‘Doug, ho fatto il lavoro per cui sono venuto, e abbiamo sistemato tutto'”, ha detto Ford, che ha indicato di essere d’accordo con quel sentimento.

In una dichiarazione rilasciata lunedì pomeriggio, la portavoce di Ford Ivana Yelich ha detto che il contratto di Hillier scadrà il 31 marzo.

“Il generale era incaricato di supervisionare lo sviluppo del piano di lancio del vaccino dell’Ontario e delle relative infrastrutture”, ha detto. “Il piano e le infrastrutture sono ora in atto e la provincia sta somministrando sempre più vaccini ogni giorno”.

Migliaia di persone hanno effettuato l’accesso al sistema di prenotazione del vaccino COVID-19 dell’Ontario in pochi minuti lunedì mattina, con molte segnalazioni di lunghi tempi di attesa e messaggi di errore.

L’infermiera di Toronto Stephanie Prosper ha detto questa mattina a CBC News che è stata in grado di accedere al sistema e compilare le informazioni richieste entro le 8:05 – appena cinque minuti dopo che il sito web del governo e una linea telefonica di accompagnamento sono ufficialmente entrati in funzione.

Aveva cercato di prenotare online appuntamenti per il vaccino per sua zia, suo zio e il loro vicino, che sono tutti anziani che vivono a Niagara.

A quel punto, c’erano già 10.000 persone davanti a lei in coda, con il suo tempo di attesa stimato in “più di un’ora”.

Prosper, che lavora in un centro di valutazione COVID-19, ha affermato di essere preoccupata per le persone che navigano nel sito che non sono esperti di tecnologia.

“Molti degli anziani non hanno realmente computer, alcuni di loro non hanno membri della famiglia che li aiutino”, ha detto Metro Morning lunedì mattina ospite Ismaila Alfa.

Ford ha detto lunedì che era un po ‘nervoso quando il nuovo sistema è stato lanciato, ma che finora è soddisfatto di ciò che ha visto.

“Stavo solo pregando tutta la notte che questa cosa non andasse in crash”, ha detto Ford, mentre prometteva di “appianare” eventuali problemi.

GUARDA | Premier affronta i problemi con le prenotazioni delle vaccinazioni:

Il premier dell’Ontario Doug Ford ha promesso di affrontare una serie di ritardi segnalati nel nuovo sistema di prenotazione del vaccino COVID-19 dopo aver pubblicizzato il suo successo per aver prenotato centinaia di persone ogni ora. 0:48

Segnalazioni di messaggi di errore

Alcuni che hanno utilizzato il sito hanno condiviso i loro successi sui social media, mentre altri si sono lamentati di aver tentato di prenotare appuntamenti online, solo per ricevere un messaggio di errore che li informava che “il modulo è stato manomesso”.

Sue Gowans, residente a Toronto che spera di prenotare un appuntamento per un parente anziano, ha detto di aver ricevuto il messaggio di errore.

Ha quindi chiamato la linea telefonica del portale, dove è stata trasferita al sistema di prenotazione dell’Unità di Sanità Pubblica di Niagara. Dopo aver aspettato che qualcuno venisse a prendere, le è stato detto che non potevano prenotare un appuntamento per lei.

“Questo è diventato ridicolo”, ha scritto Gowans in un messaggio alla CBC Toronto.

In una dichiarazione rilasciata lunedì pomeriggio, la portavoce del ministero della Salute Alexandra Hilkene ha affermato che il messaggio di errore che le persone avevano ricevuto durante il tentativo di prenotazione online è stato risolto.

Ha detto che alle 15:00 erano stati prenotati più di 92.000 appuntamenti per la prima e la seconda dose.

Prova a prenotare un appuntamento solo se sei idoneo, avverte la provincia

Ford ha detto domenica che è fondamentale che solo i residenti idonei utilizzino il sistema. Per ora, quel gruppo è composto solo da quelli di 80 anni e più.

Mentre molte delle 34 unità di sanità pubblica dell’Ontario hanno già stabilito i propri sistemi per la prenotazione degli appuntamenti per le vaccinazioni, il portale provinciale ora migliorerà o sostituirà completamente tali configurazioni in molte aree.

Oltre a consentire a chi cerca il vaccino di prenotare i propri colpi, il portale fornisce anche istruzioni su come programmare gli appuntamenti in base ai protocolli in atto in ogni specifica unità sanitaria.

La provincia ha detto che le persone idonee a farsi vaccinare possono prenotare online Qui, mentre chi desidera programmare per telefono può chiamare il numero 1-888-999-6488.

Il primo e il secondo appuntamento per la vaccinazione saranno concordati contemporaneamente, ha detto il governo, osservando che alle persone verrà chiesto di fornire i dettagli della tessera sanitaria provinciale, la data di nascita, il codice postale e l’indirizzo e-mail o il numero di telefono.

Ford ha detto che il sistema di prenotazione sarà aperto ad altri gruppi di età ad aprile come parte della prossima fase del lancio del vaccino in Ontario.

“Tutti avranno la possibilità di farsi vaccinare, ma stiamo dando la priorità ai nostri più vulnerabili”, ha detto.

Vaccini in lancio a un quarto della capacità dell’Ontario: Ford

Il lancio del portale provinciale segna l’ultimo passo nella campagna di immunizzazione di massa dell’Ontario, che negli ultimi giorni ha introdotto nuovi elementi rivolti a persone di età compresa tra 60 e 64 anni.

Un progetto pilota permettendo alle farmacie di somministrare colpi lanciati la scorsa settimana nelle unità sanitarie di Toronto, Windsor-Essex e Kingston, Frontenac e Lennox e Addington.

Anche i medici di famiglia di altre sei unità di sanità pubblica – Toronto, Peel, Hamilton, Guelph, Peterborough e Simcoe-Muskoka – hanno iniziato a fornire vaccini a pazienti idonei nella stessa fascia di età a partire da sabato.

Entrambi i progetti pilota vedranno i residenti ammissibili ricevere iniezioni del vaccino AstraZeneca-Oxford.

L’Ontario ha le risorse per somministrare 4,8 milioni di vaccini al mese, ha detto Ford, ma il lancio è a circa un quarto di quella capacità a causa della fornitura limitata. Ha detto che la provincia ha bisogno di più vaccini.

“L’infrastruttura è a posto e posso dirvi che siamo pronti”, ha detto.

Secondo il ministero, ieri le unità sanitarie di tutto l’Ontario hanno somministrato 33.198 vaccini. Un totale di 287.283 persone in Ontario hanno ora ricevuto entrambi i colpi di un vaccino.

9 giorni consecutivi di oltre 1.000 nuovi casi

Questo è il nono giorno consecutivo che l’Ontario ha segnalato più di 1.000 nuovi casi di COVID-19. La media di sette giorni è ora di 1.350.

I nuovi casi di lunedì includono 366 a Toronto, 220 nella regione di Peel e 147 nella regione di York.

L’Ontario Hospital Association ha detto in una dichiarazione lunedì che la provincia è ora nel mezzo di una terza ondata di virus, citando i dati del Science Advisory Table dell’Ontario.

L’ufficiale medico provinciale della sanità, il dottor David Williams, ha detto in una conferenza stampa lunedì che l’Ontario potrebbe essere in “una leggera ondulazione”, o un’onda più piccola, ma la provincia sta monitorando la situazione.

“Puoi sempre dire quando ci sei dentro dopo che è finita”, ha detto.

La provincia ha anche affermato che lunedì COVID-19 è stato collegato a nove decessi aggiuntivi.

I funzionari dicono che 699 persone sono in cura in ospedale per COVID-19, un aumento di 98 rispetto a domenica.

Dei pazienti attualmente ricoverati, 298 sono in unità di terapia intensiva. Tuttavia, i dati forniti da Critical Care Services Ontario, che fornisce uno sguardo più aggiornato ai dati di terapia intensiva, mostrano che ora ci sono 349 persone in terapia intensiva.

Altre unità di sanità pubblica che hanno registrato aumenti a due cifre dei casi sono state:

  • Hamilton: 71
  • Thunder Bay: 61
  • Ottawa: 57
  • Regione di Durham: 53
  • Regione di Halton: 47
  • Simcoe Muskoka: 33
  • Sudbury: 33
  • Niagara: 27
  • Distretto di Leeds, Grenville e Lanark: 19
  • Regione di Waterloo: 18
  • Contea di Brant: 17
  • Lambton: 14
  • Ontario orientale: 13
  • Windsor-Essex: 10

I laboratori hanno inoltre confermato altri 70 casi legati alla variante identificata per la prima volta nel Regno Unito, portando il totale finora a 1.106.

La rete di laboratori dell’Ontario ha completato 33.875 campioni di test dall’ultimo aggiornamento e ha registrato un tasso di positività del test del 3,8%.

Anche l’Ontario ha segnalato lunedì altri 110 casi legati alla scuola. Di questi, 91 erano tra studenti, 15 erano tra il personale e quattro erano segnalati tra individui non identificati dalla provincia.



#capo #della #task #force #sui #vaccini #dellOntario #pronto #partire #con #lancio #del #sistema #prenotazione #dei #vaccini #della #provincia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *