Il cottage con connessione a banda larga di Bell CEO a Lac-Sainte-Marie, Que., Alimenta l’invidia della larghezza di banda

Visualizzazioni: 9
0 0
Tempo per leggere:8 Minuto, 53 Secondo

Nel comune di Lac-Sainte-Marie, Que., A circa un’ora di macchina a nord di Ottawa, uno dei modi più semplici per irritare i residenti è chiedere loro delle loro connessioni Internet.

Che si tratti di servizi wireless, provider satellitari o linee in rame, la risposta normale è che lavorare fuori casa, far frequentare ai bambini lezioni online o guardare film è un compito frustrante e talvolta impossibile.

Ad aumentare la frustrazione c’è il fatto che una piccola parte del comune vive in un altro mondo, parlando digitalmente, dopo essere stato collegato a Bell Fibe negli ultimi mesi. Ciò che rende le cose ancora peggiori, secondo alcuni, è il fatto che il CEO di Bell Mirko Bibic possiede uno dei cottage lungo la parte meridionale del lago Pemichangan, che ora ha accesso a banda larga.

Mentre la regione è ufficialmente una delle più povere del Quebec, alcuni dei cottage lungo Pemichangan valgono oltre $ 1 milione, con molti proprietari che hanno residenze primarie in Ontario o negli Stati Uniti.

Circa 100 famiglie su Pemichangan, la maggior parte dei cottage e delle case sul lato meridionale del lago, hanno accesso ad alta velocità attraverso Bell Fibe – un servizio attualmente non disponibile per le centinaia di altre residenze nel comune di Lac-Sainte-Marie e in l’area circostante. E uno reso ancora più importante dalla pandemia COVID-19 e dagli ordini di blocco.

Chantal Lamarche, prefetto dell’ente regionale chiamato MRC de la Vallée-de-la-Gatineau, ha detto che tutte le residenze nella zona devono essere “trattate allo stesso modo”.

“I proprietari di residenze che vivono qui tutto l’anno dovrebbero ricevere lo stesso livello di servizio di coloro che possiedono un cottage da un milione di dollari”, ha detto. “Tutti meritano un trattamento equo”.

Bibic ascolta durante un’udienza della CRTC a Gatineau, Que., Il 19 febbraio 2020. (Justin Tang / Stampa canadese)

Il CEO non ha avuto alcun ruolo, dice Bell

Il progetto per espandere Fibe in quella porzione di cottage country è stato sviluppato da Bell e approvato per il finanziamento del governo dai governi federale e del Quebec all’inizio del 2018.

Il portavoce di Bell Charles Gosselin ha detto a Radio-Canada che Bibic non ha avuto alcun ruolo nello sviluppo del progetto o nell’ottenere finanziamenti governativi. Ha detto che la società prevede di espandere la propria rete in base a fattori quali la densità della popolazione, la qualità delle infrastrutture esistenti e la crescita a lungo termine.

“Posso garantire che il nostro lancio non è in alcun modo influenzato dalla presenza o dall’assenza di nessuno. Bell è un’azienda seria che decide sui propri investimenti in base a fattori di redditività e redditività”, ha affermato Gosselin, direttore delle relazioni con il governo della società.

“La presenza di Mirko Bibic nella regione di Outaouais non ha nulla a che fare con il nostro progetto nel lago Pemichangan o [elsewhere]. Nessun collegamento. “

Il lago Pemichangan si trova appena ad est dell’autostrada 105, a circa un’ora di macchina a nord di Ottawa-Gatineau. (Jérôme Bergeron / Radio-Canada)

Bell sta già lavorando a una serie di altri progetti nell’area, tra cui la fornitura di accesso ad alta velocità attraverso un sistema wireless a centinaia di residenze a Lac-Sainte-Marie, ha detto Gosselin.

“La rete ha raggiunto [Bibic’s residence] nel gennaio 2020, quindi non era il primo ad avere accesso a Internet ad alta velocità nella zona o nell’Outaouais, e non sarà l’ultimo “, ha aggiunto.

Bibic e sua moglie hanno acquistato un terreno nella zona nel 2004 quando era vicepresidente senior per le questioni normative alla Bell. È stato nominato Chief Operating Officer della società nel 2018 ed è diventato CEO nel gennaio 2020. È stato anche quando il suo cottage è stato collegato a Fibe.

I governi del Canada e del Quebec hanno fornito sussidi per costruire la “spina dorsale” del progetto, portando la fibra ottica al lago Pemichangan, mentre Bell ha pagato i costi delle singole connessioni dei suoi nuovi clienti.

Il costo del progetto Pemichangan non è noto pubblicamente, ma faceva parte di un pacchetto di 3,8 milioni di dollari in progetti per collegare sette comunità, per i quali i governi federale e provinciale hanno pagato un totale di 2,6 milioni di dollari.

Il digital divide del Canada

L’arrivo di Bell Fibe lungo il bordo meridionale del lago Pemichangan ha creato un’enclave di scambi di dati cablati e ad alta velocità all’interno di un’ampia fascia di cottage a nord di Ottawa-Gatineau, nota per l’accesso irregolare o inesistente.

Da un lato di questo divario digitale, ci sono coloro che godono dei vantaggi dell’alta velocità per il lavoro, gli affari, le comunicazioni e scopi ricreativi.

Alan Smith, che possiede un cottage su Pemichangan, si è detto estremamente soddisfatto di Bell Fibe, che ha sostituito il suo precedente accesso a Internet tramite un provider satellitare.

“Era molto costoso avere ricevimenti di scarsa qualità. [It’s] così semplice “, ha detto.” Ora, a un prezzo inferiore, abbiamo una ricezione di alta qualità. “

Dall’altra parte del digital divide ci sono coloro che stanno conducendo una battaglia per ottenere l’accesso ad alta velocità, o che devono vedersela con un servizio che può essere lento, imprevedibile o in balia delle condizioni meteorologiche.

Non essendo riusciti a convincere Bell a portare la sua rete nella parte settentrionale del lago Pemichangan, alcuni proprietari stanno cercando di ottenere una connessione alla rete satellitare Starlink, che è attualmente in fase di sviluppo dal miliardario americano Elon Musk.

“È ora che portiamo l’alta velocità al lago!” ha scritto Cameron Jackson sulla pagina Facebook del gruppo.

Il progetto di Bell di estendere la sua rete Fibe ad alcuni cottage sul lago Pemichangan è stato approvato per il finanziamento federale e provinciale all’inizio del 2018. (Ryan Remiorz / Canadian Press)

Pauline Sauvé, residente di lunga data a Lac-Sainte-Marie, ha detto che le linee ad alta velocità che entrano nella parte meridionale del lago Pemichangan sembrano un caso di “trattamento preferenziale”.

“Penso che non sia giusto”, ha detto. “Persone che lavorano da casa [and] ragazzi con compiti scolastici da fare – è difficile per loro “.

Nella zona per prendersi cura di sua madre, Rachelle Gauvreau ha detto che sta lottando mentre si occupa di un servizio Internet lento e cerca di fare il suo lavoro a distanza. Una delle sue soluzioni è lavorare a tarda sera, quando ci sono meno persone online che intasano il sistema.

“Ho portato il lavoro con me ed è un problema”, ha detto. “Internet non funziona bene qui.”

Bell comprende i crescenti livelli di impazienza, ha detto Gosselin, osservando che la società fa parte di un ampio sforzo che coinvolge altri fornitori e vari livelli di governo per collegare la minoranza di famiglie non collegate nel paese.

“Stiamo arrivando alle ultime comunità che non sono ancora collegate”, ha detto il portavoce. “Ovviamente, ora siamo in aree meno densamente popolate e dove offrire il servizio è più complesso”.

Il premier del Quebec François Legault, che sta cercando di mantenere la promessa elettorale di offrire un servizio a banda larga in tutta la provincia, ha chiesto a Bell di connettere nuovi clienti più rapidamente. (Jacques Boissinot / Stampa canadese)

Costruzione della pressione politica

Secondo i dati federali, la qualità del servizio Internet intorno al cottage di Bibic è in netto contrasto con il resto della regione, dove i residenti nei comuni vicini come Lac-Sainte-Marie e Kazabuzua non hanno tutti accesso al servizio ad alta velocità.

“È ovviamente frustrante”, ha detto Gary Lachapelle, il sindaco di Lac-Sainte-Marie. “Siamo nel 2021, dovremmo avere Internet. Le persone nelle città ce l’hanno, perché non dovrebbero averlo anche le persone nelle aree rurali?”

Caryl Green, il sindaco di Chelsea, appena a nord di Gatineau, ha detto che spesso c’è una mancanza di logica nello sviluppo delle reti ad alta velocità. Alcuni residenti hanno accesso mentre i loro vicini immediati non possono essere collegati.

“Si sentono abbandonati dalle grandi aziende”, ha detto.

Green ha affermato che i governi e le aziende dovrebbero dare la priorità ai collegamenti con le residenze primarie e le imprese, soprattutto ora.

“È lì che le persone lavorano da casa, dove scolarizzano i figli e dove cercano di acquistare online e di sostenere le imprese locali”, ha detto Green. “Quindi penso che se le residenze secondarie, i cottage si stanno allacciando … dobbiamo chiedere che queste grandi aziende rispondano alle tasche di bisogno che vediamo nel nostro comune”.

‘Siamo nel 2021, dovremmo avere Internet. Le persone nelle città ce l’hanno, perché non dovrebbero averlo anche le persone nelle aree rurali? ‘ ha chiesto il sindaco del Chelsea Caryl Green. (CBC)

Né i governi del Canada né del Quebec limitano l’uso dei sussidi per collegare a Internet residenze secondarie o cottage.

L’accesso a Internet ad alta velocità è una questione politica sempre più scottante in tutto il Canada, con crescenti pressioni sui governi per espandere il servizio in parti remote del paese. La pandemia COVID-19 e una serie di ordini casalinghi hanno evidenziato il fatto che l’alta velocità è diventata un servizio essenziale per la maggior parte delle famiglie e delle aziende.

Alla fine di gennaio, il premier del Quebec François Legault ha chiesto direttamente a Bell di mettere in contatto nuovi clienti più rapidamente o di fornire l’accesso ai suoi pali telefonici ad altri fornitori come Videotron. Legault sta cercando di mantenere la promessa elettorale di offrire servizi a banda larga in tutta la provincia.

“C’erano 340.000 case da connettere, ce ne sono ancora 280.000 da connettere a Internet ad alta velocità. Abbiamo ancora due estati per fare tutto questo”, ha detto Legault in una conferenza stampa.

Lo scorso novembre, il governo federale ha lanciato un fondo di 1,75 miliardi di dollari per espandere i servizi a banda larga in tutto il paese, che si aggiungeva a un programma da 585 milioni di dollari lanciato nel 2016 per connettere 975 comunità entro il 2023. Complessivamente, Ottawa stima che almeno un altro 1,2 milioni di famiglie hanno ancora bisogno di una connessione a banda larga.

Il deputato liberale Will Amos, che ha annunciato il finanziamento federale per il progetto Pemichangan nel 2018, ha affermato di non essere a conoscenza del fatto che Bibic fosse uno dei proprietari di immobili che avrebbe dovuto ricevere una connessione a banda larga.

Ha detto che il governo sta lavorando per connettere quasi tutti i canadesi entro il 2026.

“Ogni canadese merita Internet ad alta velocità”, ha detto Amos. “Una copertura completa e al 100% richiederà miliardi di dollari di investimenti, ma è denaro ben speso perché collegherà tutti i canadesi ed è quello che le persone si aspettano”.

#cottage #con #connessione #banda #larga #Bell #CEO #LacSainteMarie #Alimenta #linvidia #della #larghezza #banda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *