Il dottor Seuss sul tuo scaffale? Questi esperti condividono modi per affrontare i preferiti problematici con i tuoi figli

Visualizzazioni: 43
0 0
Tempo per leggere:7 Minuto, 33 Secondo

Notizie di questa settimana che La Dr. Seuss Enterprises interromperà la pubblicazione di sei libri dall’icona illuminata per bambini – titoli che “ritraggono le persone in modi offensivi e sbagliati” – non è una sorpresa per alcuni amanti dei libri, ma sta costringendo molti altri a rivisitare quelli che potrebbero essere stati i preferiti dell’infanzia attraverso un obiettivo nuovo e più moderno.

Potrebbero essere passati decenni dalla lettura di uno di questi titoli, o forse c’è un libro che hai condiviso con un bambino della tua vita più di recente, ma molti stanno riflettendo sul da farsi. Sbarazzarsi dei libri problematici? Saltare solo alcune pagine? Tenerli in giro e provare a spiegare?

È una discussione complessa e stratificata e una che la genitrice di Vancouver Aisha Kiani accoglie con favore, poiché può essere applicata oltre i soli sei titoli del Dr. Seuss nelle notizie di questa settimana.

I libri del Dr. Seuss che non verranno più pubblicati. Tutti e sei verranno ritirati dalla pubblicazione a causa di immagini razziste e insensibili, ha detto martedì la dott.ssa Seuss Enterprises. (CBC)

“Sono felice che possiamo iniziare a parlare dell’obiettivo in cui sono scritte le storie”, hanno detto. “Penso che sia importante da usare [these Seuss books] per spiegare esempi di ciò che non dobbiamo più fare “.

Kiani ha avuto discussioni difficili sulla letteratura con il proprio figlio, ad esempio quando il giovane ha portato a casa quello di Roald Dahl Charlie e la fabbrica di cioccolato dopo “tutti i suoi amici lo adoravano”.

Diffida della nostalgia

“In un certo senso abbiamo approfondito ciò che rappresentano i personaggi, il tempo in cui la storia è stata scritta e il background politico e le convinzioni dell’autore”, ha detto Kiani.

La madre di Vancouver Aisha Kiani ha fondato I Dream Library per evidenziare i titoli di autori queer, trans, neri, indigeni e autori di colore per aiutare le scuole e le famiglie canadesi ad accedere a una maggiore varietà di libri. (CBC)

Charlie e la fabbrica di cioccolato, pubblicato per la prima volta nel 1964, vide Dahl usare offensivo, stereotipi anti-colonialisti neri quando si presentano i lavoratori “Oompa-Loompa” del proprietario della fabbrica Willy Wonka (una caratterizzazione che è stata rivista nelle edizioni successive). Più recentemente, la famiglia di Dahl si è scusato per le osservazioni antisemite il defunto autore ha realizzato durante la sua vita.

Non dovremmo semplicemente soccombere alla nostalgia, che può sfociare nel trasmettere pregiudizi e pregiudizi alla prossima generazione, ha detto Kiani, che ha fondato una risorsa educativa che mette in evidenza i libri di autori e autori di colore queer, trans, neri e indigeni. L’obiettivo di I Dream Library è aiutare le scuole e le famiglie canadesi ad accedere a una maggiore varietà di libri.

“Quello che finisce per accadere è una sorta di pregiudizio subconscio di generazione in generazione che viene tramandato, in cui non siamo consapevoli degli stereotipi presenti nella struttura della storia, nelle dinamiche, nei personaggi e nel modo in cui ci parliamo nei libri … . Pregiudizi che stiamo quindi insegnando ai nostri figli solo per la natura di condividere le cose che amiamo “, hanno detto.

“Dobbiamo sentirci entusiasti di offrire soluzioni per creare un mondo più gentile e non aggrapparci a queste reliquie del passato per amore della nostalgia”.

Ricorda che i bambini “raccolgono molte cose”

Quanto siano impressionabili i bambini e i giovani è un’altra cosa da tenere a mente: sebbene possano avere gli occhi da falco nel discernere certi dettagli, stanno ancora formando le idee sul mondo che li circonda, dice l’autrice e insegnante di libri per bambini Nadia L. Hohn .

L’autrice canadese Nadia Hohn ha affermato di sostenere la decisione di interrompere la pubblicazione di sei libri del Dr. Seuss. “Ci sono molti classici che sono appena fuori passo con in questo momento e sono stati problematici per molto tempo”, ha detto. (Libri Groundwood)

“I bambini raccolgono molti messaggi … Capiscono molte cose, stereotipi e ruoli, e sono molto consapevoli”, ha osservato lo scrittore di Etobicoke, Ontario, che ricorda di aver vissuto il razzismo fin da giovane come asilo nido.

“[This is] il tempo per essere consapevoli di come i messaggi arrivano a loro. E se hanno visto un gruppo in particolare ritratto in una luce molto negativa, potrebbero iniziare a formarsi idee su quel gruppo “.

I libri che includono rappresentazioni che rafforzano gli stereotipi negativi possono essere dannosi per alcuni studenti e interiorizzati e portati avanti da altri molto tempo dopo, ha osservato Hohn. Per questo motivo, tiene in considerazione i libri che porta in classe.

“Voglio assicurarmi che tutti gli studenti si sentano affermati, e non si sentano abbattuti, e si sentano rappresentati, e non devono nascondersi e sentirsi come se dovessero essere imbarazzati per quello che sono”.

Incoraggia il pensiero critico

Incontrare contenuti offensivi durante la lettura con tuo figlio potrebbe costringere un genitore a fare una pausa, ma semplicemente girare o nascondere la pagina non è la risposta, afferma l’educatore di Toronto D. Tyler Robinson.

“Quando salti quel lavoro, non riesci a portare una conversazione importante a quel giovane che ti guarda come il principale educatore della loro vita”, ha detto.

“Quello che imparano e ciò che interiorizzano nel tempo è che, invece di fare il duro lavoro di essere critici sulle nozioni razziste, sui pregiudizi che esistono nella cultura popolare … è normale che il dottor Seuss faccia un libro per bambini ed è normale per lui avere rappresentazioni razziste di culture non bianche “.

GUARDA | D.Tyler Robinson sulla costruzione di una mentalità inclusiva con il suo bambino:

D. Tyler Robinson, co-creatore di un corso di liceo sulla decostruzione del razzismo anti-nero, su come sta ponendo le basi a casa con il suo bambino e sottolineando che “tutti sono normali”. Non è solo che il bianco sia normale. 2:36

Per aiutare a spostare la società in un posto migliore, dobbiamo approfondire discussioni stimolanti e impegnarci nell’educazione delle giovani generazioni, ha affermato Robinson, che ha guidato lo sviluppo di un nuovo corso contro il razzismo per i liceali.

“Ciò significa che se hai bisogno di fare un po ‘di compiti a casa e devi entrare in contatto con le persone e avere conversazioni, o devi fare qualche ricerca e … istruirti in modo da poter educare meglio i tuoi figli, allora quello è ciò che è richiesto. ”

Robinson incoraggia anche a spingere bambini e adolescenti a pensare in modo critico a ciò che vedono. All’età più giovane, potrebbe iniziare con la lettura di un libro insieme, chiedendo a un bambino cosa ne pensa di determinati aspetti e ascoltando il suo processo di pensiero.

Con il Grade 12s frequentando il suo corso contro il razzismo, lui ei suoi colleghi stanno organizzando conversazioni e insegnando agli studenti ad ascoltare veramente prima di rispondere a ciò che dicono i compagni di classe – “convincendoli a concentrarsi sulle differenze sostanziali tra le loro opinioni invece di entrare in attacchi ad hominem”.

Proprio come la lettura e la scrittura iniziano con l’alfabeto prima di apprendere gradualmente una comunicazione sempre più sofisticata, è necessario un approccio graduale per insegnare agli studenti il ​​pensiero antirazzista e “sviluppare la loro capacità di avere conversazioni che implicano conflitti”, ha detto. .

Rivisita con contesto

L’autore per bambini Hohn ha osservato che libri come i sei titoli del Dr. Seuss possono essere utili per gli studenti più grandi, gli insegnanti in formazione o gli studiosi di letteratura per bambini perché “dobbiamo anche evitare la possibilità [of] spazzandoli sotto il tappeto come se non esistessero. Tutte queste cose sono esistite e dobbiamo assicurarci che non tornino più “.

GUARDA | Lo studioso di Seuss Philip Nel sull’essere pronto per discorsi scomodi sulla razza:

Philip Nel, professore della Kansas State University, parla dell’attento contesto necessario e della volontà di appoggiarsi a discussioni difficili quando esplora il Dr. Seuss e la razza. 1:55

Un contesto appropriato ed essere completamente preparati a conversazioni scomode sono entrambi necessari per riesaminare adeguatamente Seuss, la cui opera include libri con messaggi positivi sul trattamento equo delle persone e immagini razziste, afferma il professore di inglese della Kansas State University Philip Nel, autore di Il gatto con il cappello era nero? Il razzismo nascosto della letteratura per bambini e la necessità di libri diversi.

“[Seuss] da un lato sta scrivendo queste parabole che intendono promuovere l’uguaglianza e la tolleranza, ma sta anche incorporando nei suoi libri altre immagini che fanno il contrario “, ha detto lo studioso di letteratura per ragazzi.” Se sei cresciuto in una cultura razzista, è nella tua testa e rimane lì a meno che tu non voglia davvero sradicarlo. “

Nel vede speranza nel più ampio cambiamento culturale delle persone che sono più disposte a porsi domande difficili per ampliare la loro comprensione.

“Alcuni di noi sono più disposti a fare domande …” E se il libro che amavo da bambino potesse essere dannoso per i bambini oggi? Cosa dovrei fare? Dovrei continuare a leggere quel libro, insegnare quel libro o come dovrei insegnarlo? Cosa dovrei dire al riguardo? ” E penso che sia uno sviluppo positivo “.



#dottor #Seuss #sul #tuo #scaffale #Questi #esperti #condividono #modi #affrontare #preferiti #problematici #con #tuoi #figli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *