Il lato umano della guarigione: come vedere i propri cari aiuta i pazienti COVID-19

Visualizzazioni: 11
0 0
Tempo per leggere:6 Minuto, 54 Secondo

Tom e Virginia Stevens sono sposati da 66 anni e hanno vissuto insieme in una struttura di residenza assistita a Nashville, nel Tennessee, quando hanno ricevuto il COVID-19 la scorsa estate e hanno dovuto essere trasferiti al Vanderbilt University Medical Center.

La coppia è stata divisa e messa in stanze separate.

“Penso che li abbia traumatizzati”, ha detto il loro figlio, Greg Stevens. “In questa fase vivono l’uno per l’altro, quindi aggiungendo al non-sentirsi bene e allo stress dei COVID, li hanno separati”.

Tom Stevens, 89 anni, è diventato disorientato.

“Hanno trovato mio padre che vagava per i corridoi e stava cercando mia madre”, ha detto Greg.

Il team di assistenza ha deciso di riunire la coppia nella stessa stanza, nell’unità COVID-19, per le due settimane di trattamento, che il figlio attribuisce alla guarigione.

Virginia Stevens, 88 anni, era euforica per il trasferimento.

“Quando finalmente ci siamo ritrovati insieme in ospedale, abbiamo semplicemente gridato ‘Alleluia!'”, Ha detto dalla casa di suo figlio, dove ora vivono tutti dopo essere stati dimessi dall’ospedale.

Virginia, a destra, e Tom Stevens a casa del figlio Greg, dove vivono da quando si sono ripresi da COVID-19 al Vanderbilt University Medical Center. (Ian Maravalli)

La storia di Stevens, che è stata descritta in un saggio di Vanderbilt ICU Il dottor Wes Ely sulla rivista medica The Lancet, è più di un aneddoto commovente in un anno di isolamento pandemico.

Illustra una scoperta di un file studi recenti di oltre 2.000 pazienti COVID-19, pubblicato anche il mese scorso su The Lancet, che ha esaminato il delirio, che può essere “altamente prevalente e prolungato nei pazienti critici con COVID-19”. Mentre l’uso di determinati farmaci era collegato a un rischio maggiore di delirio, le visite familiari, reali o virtuali, lo abbassavano.

“Sappiamo che il lato umano della guarigione è reale”, ha detto Ely, coautore dello studio e co-direttore del Critical Illness, Brain Dysfunction, and Survivorship Center a Vanderbilt e sta scrivendo un libro sulla riorganizzazione del processo di recupero con l’accento sul riunire le famiglie per aiutare.

“Il cervello delle persone è chiaro quando una persona cara è intorno a loro e si ancorano. Quindi, è come rimuovere la privazione sensoriale. Questa è scienza oltre che scienze umane”.

Il dottor Wes Ely, nella sua casa di Nashville, è un medico in terapia intensiva presso la Vanderbilt University e co-direttore del Centro per malattie critiche, disfunzioni cerebrali e sopravvivenza (CIBS). Sta scrivendo un libro sulla riorganizzazione della terapia intensiva e sul processo di recupero dopo una malattia critica. (Ian Maravalli)

A Toronto, il medico del Sunnybrook Health Sciences Center Donald Redelmeier sostiene l’idea che il legame familiare mentre i pazienti COVID-19 sono in terapia intensiva ha un grande valore.

“Il delirio è sempre peggio quando c’è separazione dalla famiglia. È palesemente ovvio”, ha detto.

“Non tutte le coppie sposate dovrebbero essere riunite, però”, ha detto Redelmeier, aggiungendo che dipende dalla relazione della coppia e che i casi dovrebbero essere giudicati individualmente.

Visite limitate durante la pandemia

Nonostante questi benefici, le visite ospedaliere sono state strettamente ridotte durante la pandemia COVID-19 come misura di controllo delle infezioni, sebbene una con il suo critici.

I sostenitori l’hanno fatto ha segnalato il ruolo cruciale delle famiglie nella cura dei pazienti e gli operatori sanitari hanno condiviso la difficoltà di tenendo in mano un iPad così una persona cara potrebbe dire addio.

“Generalmente la famiglia non è ammessa [into COVID-19 ICU areas] in Canada. Ci sono restrizioni istituzionali che sono diventate molto più intense con l’epidemia di COVID “, ha detto Redelmeier.

Ely riconosce la necessità di controllare le infezioni, ma afferma che ci sono altre opzioni, oltre all’isolamento.

“Dobbiamo riaprire questi ospedali ai nostri cari”, ha detto.

“Il messaggio è … quel DPI [personal protective equipment] funziona, e che le persone hanno bisogno di altre persone e medici e infermieri non sono un sostituto dei propri cari “.

Confuso e nebbioso

Per Sharon e Fred Reyes, a Nashville, ci vollero più di cinque settimane prima che potessero persino guardarsi l’un l’altro attraverso una parete di vetro nell’ICU di Vanderbilt. Fred ha contratto il COVID-19 nel maggio 2020 e l’ospedale non ha permesso le visite dei familiari in quel momento.

“È stato estremamente difficile essere separati dalla persona amata durante il più grande combattimento della loro vita”, ha detto Sharon. Suo marito è stato vicino alla morte tre volte nei suoi 80 giorni in ospedale, ha detto.

Sharon e Fred Reyes sono seduti fuori dalla loro casa in un sobborgo di Nashville. Fred è stato ricoverato in ospedale per 84 giorni dopo aver contratto il COVID-19 nel maggio 2020. Sharon non è stato autorizzato a visitare per le prime sei settimane della sua degenza in ospedale. (Ian Maravalli)

Fred descrive i suoi giorni in terapia intensiva come confusi e nebbiosi.

“Ricordo tante volte che la chiamavo, volevo solo che fosse lì”, ha detto di sua moglie.

“Così tanti giorni non ho avuto una conoscenza approfondita di quello che stava succedendo”, ha detto. “Avevo bisogno della mia amata.”

Quando gli viene chiesto se ricorda quella prima volta che ha visto Sharon attraverso il vetro dell’ICU, Fred si strozza e non riesce a trattenere le lacrime.

“E ‘stato piuttosto emozionante”, ha detto. “E anche se all’inizio era attraverso il vetro, sai, eravamo lì a comunicare. Siamo stati in grado di comunicare qualcosa che era difficile. E poi ci siamo trasferiti in una terapia intensiva medica e sono stato in grado di stare con lei di più. E le cose hanno funzionato cambiare drasticamente “.

GUARDA | Fred Reyes ricorda di aver visto sua moglie per la prima volta durante il trattamento con COVID-19:

Fred Reyes, residente a Nashville, parla di come ci si sente a vedere sua moglie, Sharon, dopo aver trascorso più di cinque settimane in terapia intensiva al Vanderbilt University Medical Center la scorsa estate. 2:05

Spera in un cambiamento

Kathy Henderson di Mufreesboro, Tennessee, spera che con la morte collettiva di COVID-19 negli Stati Uniti sia finita mezzo milione, qualcosa potrebbe cambiare in meglio nel modo in cui i pazienti vengono assistiti per quanto riguarda i legami familiari.

“Voglio dire che un milione di persone lo leggono Lancetta articolo sulla mia piccola me nel Tennessee “, ha detto del saggio di Ely, che conteneva la storia dei suoi genitori, Mary e Philip Hill, insieme a Tom e Virginia Stevens.

Kathy Henderson nella sua casa di Murfreesboro, Tennessee, ha perso entrambi i genitori a causa di COVID-19 nel settembre 2020. Ha lottato per portare sua madre nello stesso ospedale di suo padre, in modo che potessero stare insieme. (Ian Maravalli)

I suoi genitori hanno contratto il COVID-19 lo scorso settembre. Mary è stata mandata all’ospedale locale, ma Philip è stato trasferito a Vanderbilt perché aveva problemi cardiaci sottostanti.

Henderson ha avuto una dura battaglia cercando di convincere entrambi gli ospedali che sua madre avrebbe dovuto essere trasferita per stare con suo padre.

“Sapevo che se fosse accaduto il peggio sarebbe stato orribile averli due in ospedali separati, nemmeno per poter dire addio”, ha detto dei suoi genitori che vivevano e lavoravano insieme ed erano stati sposati per 61 anni. anni.

“Anche se potessi far passare la barella di mamma vicino alla finestra di mio padre, sarebbe meglio di niente.”

Mary e Philip Hill si sono riuniti per un tenero momento in terapia intensiva mentre entrambi erano in cura per COVID-19 presso il Vanderbilt University Medical Center l’anno scorso. Sono morti entro sei ore l’uno dall’altro. (Lauren Birmingham)

Ha avuto successo. I suoi genitori sono finiti per essere curati in stanze adiacenti in terapia intensiva e gli è stato concesso un momento insieme nella stessa stanza, nei loro letti, mentre Henderson li ha raggiunti a distanza su Zoom.

Mary Hill si strofinò la mano del marito e disse: “Sono qui Phil Hill, sono qui”, ha ricordato Henderson.

Due giorni dopo morirono entrambi a sei ore l’uno dall’altro.

GUARDA | I vantaggi di riunire le famiglie durante il trattamento COVID-19:

Le restrizioni COVID-19 stanno tenendo molti pazienti separati dai propri cari in ospedale, ma medici, pazienti e famiglie stanno parlando dei vantaggi di riunire fisicamente le famiglie durante il trattamento. 3:32

#lato #umano #della #guarigione #vedere #propri #cari #aiuta #pazienti #COVID19

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *