Il libro di memorie di Humboldt Broncos, sopravvissuto all’incidente, Kaleb Dahlgren racconta la storia di una vita da hockey interrotta

Visualizzazioni: 12
0 0
Tempo per leggere:4 Minuto, 2 Secondo

Kaleb Dahlgren dice di non avere ancora memoria dell’incidente che gli ha cambiato la vita.

Dahlgren ha giocato l’ala destra per gli Humboldt Broncos nel 2018 ed era sul bus della squadra il 6 aprile 2018, quando si è scontrato con un rimorchio del trattore mentre si stava dirigendo a Nipawin, Sask., Per una partita dei playoff.

Quel giorno sedici persone morirono a quell’incrocio autostradale. Dahlgren era uno dei 13 sopravvissuti. Ha subito una frattura al cranio, una ferita da puntura alla testa, una lesione cerebrale e sei vertebre rotte nel collo e nella schiena.

“Penso che potrei effettivamente ricordare cosa è successo un giorno. Molti medici hanno detto che c’è una possibilità di sicuro, e ancora non ne ho ancora un vero ricordo”, ha detto in un’intervista.

“Spero di saperlo prima o poi. Mi va bene capire cosa è successo e tutto il resto. E se non succede … va bene anche questo. Penso che qualunque cosa accada, accada, e non c’è niente che io possa cambiare al riguardo.”

Dahlgren ora ha 23 anni, vive con i suoi genitori a Saskatoon e studia commercio online alla York University di Toronto.

Ora, oltre ai suoi studi, ha co-scritto un libro di memorie.

Incrocio stradale è la storia della vita di Dahlgren nell’hockey.

La scena dell’incidente dell’autobus Humboldt Broncos del 2018 all’incrocio tra le autostrade 35 e 335 nel Saskatchewan. (Jonathan Hayward / The Canadian Press)

Il pattinaggio è ancora una passione

“Sono salito sul ghiaccio per la prima volta quando avevo due anni e ho preso il mio primo vero pattino di squadra quando avevo quattro anni”, ha detto.

“Mi è piaciuto moltissimo. Mi è piaciuto molto andare sul ghiaccio e sentire le piccole increspature nel ghiaccio, i pattini quando ti fermi, il suono che faceva e persino il vento che mi passava tra i capelli.”

Dahlgren ha incontrato la CBC al SaskTel Center, un’arena di hockey da 13.000 posti nella parte nord della città. Dopo l’intervista, ha allacciato i suoi CCM e ha scaricato un sacchetto di dischi sul ghiaccio lucido.

È diventato subito evidente che parlare di pattinaggio con Dahlgren non è la stessa cosa che stare al centro del ghiaccio mentre viene da dietro la rete a velocità.

È come essere sorpassati da un’auto sportiva, un’auto sportiva con un grande sorriso sulla griglia.

Il libro intreccia il viaggio di Dahlgren attraverso il sistema dell’hockey – ha giocato per almeno 30 squadre nel corso degli anni prima di unirsi ai Broncos – con le sfide della gestione del diabete di tipo 1.

Il libro di memorie segue anche la sua vita dopo l’incidente, dai mesi di riabilitazione, dolore e incertezza, alla sua decisione di studiare a York. Si laureerà quest’anno e ha intenzione di continuare i suoi studi e diventare un chiropratico.

Divisa diversa, stesso sorriso. Kaleb Dahlgren, sopravvissuto al devastante incidente dell’autobus di Humboldt Broncos, sul ghiaccio con gli York Lions a Toronto. (Foto di York University)

Ha anche avuto la possibilità a York di allenarsi con i Lions, la squadra di hockey dell’università. Non ha partecipato alle esercitazioni a pieno contatto, concentrandosi invece sul lavoro sui bordi, lavorando con i portieri o anche solo passando il disco dall’angolo.

“Cerco davvero di fare la mia parte e di essere comunque un bravo ragazzo anche fuori dal ghiaccio”.

Andare avanti onorando gli amici

Il libro di memorie è anche un tributo alle persone che morirono quel giorno. È pieno di aneddoti sul giocare per una squadra di hockey junior in una piccola città e presenta un capitolo in cui offre i suoi ricordi di ciascuna delle vittime.

Dahlgren ha detto che uno dei motivi per scrivere il libro è stato quello di “mettere da parte il mio lato Bronco”.

“Quindi, se qualcuno ha delle domande, potrebbe leggere il libro e poi [I could] andare avanti e continuare a vivere la mia vita al massimo, ma onorarli e ricordarli ogni giorno “.

Gli Humboldt Broncos del 2018, meno di un mese prima dello schianto mortale. (Cortesia Humboldt Broncos.)

Ha incontrato il coautore Dan Robson da quattro a cinque ore alla settimana per un periodo di sei mesi per convincere i dettagli della sua storia e completare il manoscritto. Robson, uno scrittore con Sportsnet, ha scritto autobiografie di nomi di hockey come Pat Quinn e Johnny Bower e ha scritto libri con giocatori come Doug Gilmore.

GUARDA: Kaleb Dahlgren parla di leadership dentro e fuori dal ghiaccio

Una parte del ricavato della vendita del libro andrà a STARS Air Ambulance. Gli elicotteri STARS hanno traghettato alcuni dei feriti nell’incidente quel giorno verso gli ospedali della provincia.

“Salvano vite ogni giorno, e penso che non ci sia niente di più speciale che avere una seconda possibilità di vita”, ha detto Dahlgren.

Incrocio stradale uscirà il 16 marzo.

#libro #memorie #Humboldt #Broncos #sopravvissuto #allincidente #Kaleb #Dahlgren #racconta #storia #una #vita #hockey #interrotta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *