Il principale regolatore dei servizi pubblici in Texas si dimette per blackout durante la tempesta invernale

Visualizzazioni: 9
0 0
Tempo per leggere:3 Minuto, 0 Secondo

Il principale regolatore dei servizi pubblici del Texas ha rassegnato le dimissioni lunedì a causa delle crescenti ricadute dei blackout innescate da una tempesta invernale insolitamente pesante e diffusa che ha lasciato milioni nello stato senza elettricità e acqua per giorni.

DeAnn Walker, presidente della Public Utility Commission, è il funzionario di più alto grado a dimettersi all’indomani di una delle più grandi interruzioni di corrente nella storia degli Stati Uniti.

Il governatore Greg Abbott ha nominato Walker nella commissione nel 2017, ed è una dei due commissari che lavoravano nel suo ufficio. È anche un ex avvocato ed dirigente presso CenterPoint Energy, uno dei più grandi rivenditori di elettricità del Texas.

Abbott, un repubblicano, ha accusato le interruzioni di corrente sul gestore della rete dello stato, l’Electric Reliability Council del Texas, comunemente noto come ERCOT. Ma la commissione di tre membri nominata da Abbott ha l’autorità di supervisione su ERCOT.

Una donna avvolta in una coperta attraversa la strada vicino al centro di Dallas il 16 febbraio. Più di 40 morti in Texas – e il doppio del pedaggio in tutta la regione – sono stati attribuiti alla tempesta e ai conseguenti blackout. (LM Otero / The Associated Press)

La risposta del regolatore alla tempesta è stata criticata

Walker ha lottato in due lunghe apparizioni prima che i pannelli legislativi indagassero sui guasti della rete elettrica dello stato, la risposta della commissione e la mancanza di comunicazione con il pubblico durante la tempesta in arrivo.

Inizialmente ha detto che la sua agenzia ha poco controllo su ERCOT, ma in seguito ha affermato di avere il controllo totale. I legislatori hanno messo in dubbio la sua conoscenza dell’autorità della sua agenzia e della decisione di ridurre o riassegnare il personale incaricato di vigilare sulle società di servizi.

È stata anche criticata per la mancanza di comunicazione sull’avvicinarsi della tempesta catastrofica. Walker ha testimoniato di aver parlato con l’ufficio di Abbott, così come con il personale del tenente governatore Dan Patrick e altri diversi giorni prima che la tempesta colpisse per avvertirli del tempo e del suo potenziale impatto sulla distribuzione di energia nello stato.

Il Texas è stato colpito da nevicate storiche e temperature a una cifra per giorni a partire dal 14 febbraio. Più di 40 morti in Texas – e il doppio di quel tributo in tutta la regione – sono stati attribuiti alla tempesta e ai conseguenti blackout.

GUARDA | Nei giorni successivi alle interruzioni di corrente in Texas, i politici hanno contrattato su chi fosse la colpa:

Milioni di texani stanno lottando per restare al caldo mentre le interruzioni di corrente continuano in tutto lo stato, mentre i politici stanno cercando di dare la colpa al fallimento sistemico. 3:35

La più antica cooperativa di potere dello Stato ha dichiarato fallimento

I funzionari dell’ERCOT hanno affermato che l’intera rete – che è isolata in modo univoco dal resto degli Stati Uniti – era sull’orlo del collasso nelle prime ore del 15 febbraio quando le centrali elettriche si sono congelate al freddo e la domanda record di elettricità per riscaldare le case sopraffatto il sistema.

Almeno sei membri del consiglio di amministrazione dell’ERCOT si sono dimessi in seguito alle interruzioni di corrente.

Sempre lunedì, Brazos Electric Power ha annunciato che stava richiedendo la protezione dal fallimento del Capitolo 11, citando la tempesta punitiva.

La più grande e antica cooperativa elettrica dello stato ha affermato di aver ricevuto dall’ERCOT fatture eccessivamente alte per i costi collaterali e presunti del servizio elettrico durante la tempesta e di non essere disposta a trasferire tali costi ai propri membri o clienti.

#principale #regolatore #dei #servizi #pubblici #Texas #dimette #blackout #durante #tempesta #invernale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *