Il Texas pone fine al mandato delle maschere pandemiche, nonostante gli avvertimenti degli esperti medici

Visualizzazioni: 16
0 0
Tempo per leggere:4 Minuto, 25 Secondo

Il Texas sta revocando il suo mandato di maschera, ha detto martedì il governatore Greg Abbott, rendendolo il più grande stato degli Stati Uniti a porre fine a un ordine inteso a prevenire la diffusione del COVID-19 – che ha ucciso più di 42.000 texani.

Il governatore repubblicano ha affrontato aspre critiche dal suo partito sul mandato, che è stato imposto otto mesi fa in mezzo ad altre restrizioni COVID-19. È stato applicato solo con leggerezza, anche durante i peggiori focolai della pandemia.

Il Texas eliminerà anche i limiti al numero di commensali che le aziende possono servire all’interno, ha detto Abbott, che ha fatto l’annuncio in un ristorante a Lubbock. Ha detto che le nuove regole entreranno in vigore il 10 marzo.

“La rimozione dei mandati in tutto lo stato non pone fine alla responsabilità personale”, ha detto Abbott, parlando da una sala da pranzo affollata dove molti di coloro che lo circondavano non indossavano maschere.

“È solo che ora i mandati statali non sono più necessari”, ha detto.

Il fatto che le cose stiano andando nella giusta direzione non significa che siamo riusciti a sradicare il rischio– Dott.ssa Lauren Ancel Meyers, Università del Texas

La decisione arriva quando i governatori di tutti gli Stati Uniti stanno allentando le restrizioni sul coronavirus, nonostante gli avvertimenti degli esperti sanitari che la pandemia è tutt’altro che finita.

Come il resto del paese, il Texas ha visto precipitare il numero di casi e morti. I ricoveri sono ai livelli più bassi da ottobre e la media mobile di sette giorni di test positivi è scesa a circa 7.600 casi, in calo da oltre 10.000 a metà febbraio.

Solo la California e New York hanno riportato più morti per COVID-19 del Texas.

“Il fatto che le cose stiano andando nella giusta direzione non significa che siamo riusciti a sradicare il rischio”, ha detto la dottoressa Lauren Ancel Meyers, professore di biologia integrativa e direttore del COVID-19 Modeling Consortium dell’Università del Texas.

Studenti mascherati lavorano al computer presso la Tibbals Elementary School di Murphy, Texas, giovedì 3 dicembre 2020. T (LM Otero / The Associated Press)

L’applicazione è sempre irregolare, nella migliore delle ipotesi

Ha detto che il recente gelo invernale mortale in Texas che ha lasciato milioni di persone senza elettricità – costringendo le famiglie a rifugiarsi a stretto contatto con altri che avevano ancora calore – potrebbe amplificare la trasmissione del virus nelle settimane a venire, anche se è troppo presto per dirlo. Le maschere, ha detto, sono una delle strategie più efficaci per frenare la diffusione.

Il capo della contea di Houston, il giudice della contea di Harris Lina Hidalgo, ha definito l’annuncio “un pio desiderio” e ha detto che i picchi nei ricoveri hanno seguito i precedenti rollback delle regole COVID-19.

“Nel peggiore dei casi, è un tentativo cinico di distrarre i texani dai fallimenti del controllo statale sulla nostra rete elettrica”, ha detto Hidalgo, un democratico.

All’inizio della pandemia, Abbott ha privato i funzionari locali del loro potere di attuare restrizioni COVID-19 più severe, ma ora afferma che le contee possono imporre “strategie di mitigazione” se i ricoveri per virus superano il 15% di tutta la capacità ospedaliera nella loro regione.

Tuttavia, ha vietato ai funzionari locali di imporre sanzioni per non aver indossato una copertura per il viso.

Abbott ha imposto il mandato della maschera in tutto lo stato a luglio durante una mortale ondata estiva. Nella migliore delle ipotesi, l’esecuzione è stata irregolare e alcuni sceriffi si sono rifiutati di sorvegliare le restrizioni. E mentre la pandemia si trascinava, Abbott ha escluso un ritorno alle rigide regole COVID-19, sostenendo che i blocchi non funzionano.

Un segno di maschera obbligatoria viene visualizzato all’ingresso di un’attività commerciale martedì 2 marzo 2021 a Dallas. (LM Otero / The Associated Press)

Patata bollente politica

Politicamente, le restrizioni hanno aumentato le tensioni tra Abbott e il suo stesso partito, con il capo del Partito Repubblicano del Texas a un certo punto a guidare una protesta fuori dalla villa del governatore. Nel frattempo, i sindaci delle più grandi città del Texas hanno sostenuto che Abbott non stava facendo abbastanza.

La maggior parte del paese ha vissuto sotto il mandato della maschera durante la pandemia, con almeno 37 stati che richiedono in una certa misura coperture per il viso. Ma quegli ordini stanno cadendo sempre più nel dimenticatoio: anche il Nord Dakota, il Montana e l’Iowa hanno revocato gli ordini di maschere nelle ultime settimane.

Prima dell’abrogazione in Texas, i legislatori democratici hanno esortato Abbott a riconsiderare la questione.

“Il Texas sperimenterà più casi, più ricoveri e più morti”, ha detto lunedì ad Abbott in una lettera il deputato Richard Pena Raymond, un democratico della città di confine di Laredo.

Laredo, la cui popolazione è prevalentemente latina, ha subito alcuni dei peggiori focolai della pandemia, esaurendo i letti nelle unità di terapia intensiva ospedaliera fino a gennaio. Il polo del commercio internazionale è stato tra le città più aggressive del Texas nel tentativo di arginare la diffusione del virus, adottando misure che hanno incluso il coprifuoco.

“Eletti dal popolo, il tuo obbligo più fondamentale è la loro salute e sicurezza”, ha detto Raymond. “Per favore, non abrogare il tuo dovere.”

#Texas #pone #fine #mandato #delle #maschere #pandemiche #nonostante #gli #avvertimenti #degli #esperti #medici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *