In centinaia a Montreal denunciano il razzismo anti-asiatico con marcia, veglia

Visualizzazioni: 20
0 0
Tempo per leggere:4 Minuto, 10 Secondo

Centinaia di persone hanno marciato insieme domenica a Montreal per denunciare il razzismo sistemico e i crimini d’odio contro gli asiatici dopo che otto persone, tra cui sei donne asiatiche, erano state ucciso in una serie di sparatorie ad Atlanta all’inizio di questa settimana.

Montreal City Coun. Cathy Wong, parlando a Cabot Square prima dell’inizio della marcia, ha detto che gli episodi di discriminazione contro gli asiatici nella città si sono verificati durante la pandemia COVID-19.

“E la cosa difficile è che non ci sentiamo al sicuro per le strade; non ci sentiamo al sicuro quando andiamo a fare la spesa; non ci sentiamo al sicuro negli spazi pubblici”, ha detto Wong.

La polizia di Montreal afferma di aver registrato 22 crimini contro gli asiatici tra marzo e dicembre dello scorso anno – 19 in più rispetto all’anno precedente.

La marcia si è spostata da Cabot Square al Sun Yat-Sen Park, dove si è svolta una veglia per commemorare le vittime degli attacchi ad Atlanta.

Erica Zhang, a sinistra, ha detto di aver cercato di evitare di uscire durante la pandemia perché teme incontri razzisti. Zhang ha partecipato alla marcia con la sua amica Imane Karkachi. (Matt D’Amours / CBC)

Erica Zhang, che ha partecipato alla marcia, ha detto di essersi sentita male quando ha sentito la notizia da Atlanta questa settimana. “Solo triste, molto triste e davvero arrabbiato. Non avevo le parole per esprimere come mi sentivo”, ha detto.

Zhang ha detto che ha evitato di uscire durante la pandemia per paura di essere presa di mira da comportamenti razzisti.

Thy-Anh Nguyen e sua cugina, Chi Vu, sono venuti alla marcia per mostrare il loro sostegno alle donne asiatiche e alle comunità locali, ma anche ai loro anziani, che secondo loro sono particolarmente vulnerabili alla discriminazione.

“Con tutti i crimini d’odio in corso in questo momento, penso sempre ai miei genitori”, ha detto Nguyen.

Wong, la prima persona di discendenza cinese eletta al consiglio comunale, ha detto che il raduno di domenica è stato anche un “grande momento di solidarietà” per le comunità locali.

“È una delle prime volte che la comunità cinese e asiatica si riunisce a Montreal, protestando e parlando di razzismo”, ha detto. “E penso che questo sia un passo positivo verso il riconoscimento di questo problema a Montreal”.

Chi Vu, a sinistra, e suo cugino Thy-Anh Nguyen sono venuti alla marcia per mostrare il loro sostegno alle comunità asiatiche di Montreal, ma anche ai loro anziani. (Simon Nakonechny / CBC)

“Ostacoli da superare” nell’affrontare il razzismo anti-asiatico

Lo ha detto la Montrealer Anne Beaulieu, una degli organizzatori della marcia CBC Montreal’s Lo spuntar del giorno sentiva di dover agire per denunciare gli attacchi di Atlanta.

Il suo gruppo Facebook, Groupe D’entraide contre le racisme envers les asiatiques au Québec, ha organizzato la marcia insieme ai cinesi progressisti del Quebec e al gruppo di difesa dei lavoratori del sesso Stella per onorare le vittime della sparatoria e per denunciare gli atti di razzismo in corso contro le comunità asiatiche.

May Chiu, un membro dei cinesi progressisti del Quebec, ha detto che voleva che la marcia fornisse uno spazio sicuro alle persone per denunciare problemi di razzismo.

“Penso che sia una sfida parlare di razzismo, comprendere il razzismo, le diverse forme di razzismo”, ha detto Chiu. “E quando parli di razzismo specificamente anti-asiatico, ancora una volta abbiamo altri ostacoli da superare. La gente non sa come identificarlo”.

Chiu ha detto che molte persone pensano ancora che il razzismo possa essere solo un atto fisico, ma ha detto che lei e molti altri devono affrontare quotidianamente attacchi verbali razzisti e microaggressioni.

Chiu, un avvocato di Montreal che si impegna a difendere i diritti umani degli altri, ha detto che a volte si sente come se i propri diritti venissero calpestati.

“Vado in tribunale quasi ogni settimana e quasi ogni settimana mi viene chiesto se sono un avvocato, se appartengo al tribunale”, ha detto Chiu Lo spuntar del giorno.

Beaulieu ha detto che ha anche affrontato incidenti razzisti, ma le cose sono peggiorate ancora da quando è iniziata la pandemia. Ha suggerito che le statistiche della polizia di Montreal potrebbero non comprendere completamente il numero effettivo di crimini che hanno avuto luogo.

“Il solo fatto di agire e sporgere denuncia alla polizia non è necessariamente accessibile a tutti e alle comunità asiatiche”, ha detto Beaulieu.

“Non c’è necessariamente questa fiducia con la polizia, è anche difficile esprimere il tuo punto e dimostrare che hai appena sperimentato microaggressioni o attacchi verbali ed è anche difficile dover sempre spiegare e rivivere le tue esperienze – questo può essere traumatico”.

ASCOLTA | Una marcia contro il razzismo anti-asiatico:

Lo spuntar del giorno Montreal13:16Una marcia contro il razzismo anti-asiatico

Le comunità asiatiche di Montreal stanno ancora vacillando questa mattina dopo una serie di sparatorie nei centri massaggi di Atlanta martedì. Otto persone sono state uccise negli attacchi, sei di loro erano donne di origine asiatica. 13:16

#centinaia #Montreal #denunciano #razzismo #antiasiatico #con #marcia #veglia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *