In che modo le videochiamate da casa stanno aiutando a incrementare le vendite d’arte

Visualizzazioni: 39
0 0
Tempo per leggere:6 Minuto, 52 Secondo

La videoconferenza è diventata così comune durante la pandemia che “Zoom” viene utilizzato come verbo. Zoomiamo amici e colleghi e scrutano all’interno delle nostre camere da letto, scantinati e condomini, esaminando le nostre librerie e l’arredamento.

Molti di noi si preoccupano di quello che c’è, di quello che dice di noi e vogliono un cambiamento.

“Le persone stanno finalmente guardando cosa c’è dietro di loro mentre fissano il loro schermo”, ha detto Andrea Rinaldo, co-proprietario della Butter Art Gallery di Collingwood, Ontario. “E a loro non piace quello che vedono.”

Ciò ha provocato una sorta di rinascita per la galleria e per gli artisti locali che rappresenta, in quello che è diventato l’anno migliore per le vendite della sua esistenza.

“Quello che abbiamo introdotto è l’idea di Zoom Art”, ha detto Rinaldo.

“Qualcosa che potrebbe anche offrire alle persone con cui sono in chiamata [some] piacere per gli occhi “, ha aggiunto il suo socio in affari Suzanne Steeves.” Qualcosa da guardare oltre ai libri. “

Le vendite d’arte stanno esplodendo in questa galleria di Collingwood, Ontario, di proprietà di Andrea Rinaldo, a destra, e Suzanne Steeves, con i clienti che vogliono “qualcosa di diverso dai libri” per lo sfondo delle loro chiamate Zoom. (David Common / CBC)

Le vendite sono salite alle stelle nella galleria poiché i clienti hanno cercato di ravvivare il loro background. Da pezzi più piccoli per $ 45, a opere d’arte più grandi che vengono vendute per ben cinque cifre, la galleria mira ad essere accessibile a tutti gli acquirenti, anche a quelli che vogliono solo sfogliare le opzioni su social media.

Crescita esponenziale nella videoconferenza

L’uso della videoconferenza si è gonfiato durante i primi mesi della pandemia, con Google Meet, Microsoft Teams, Go To Meeting e una serie di altri servizi che hanno mostrato un’enorme crescita sia nel numero di utenti che nella quantità di utilizzo.

Zoom ha concluso il 2019 con 10 milioni di partecipanti a riunioni giornaliere, ad esempio. Quando la pandemia è stata dichiarata a marzo, è salita a 200 milioni. Ad aprile, gli utenti giornalieri sono aumentati a 300 milioni e hanno continuato a crescere.

Allo stesso tempo, le persone hanno iniziato a concentrarsi sugli sfondi delle loro chiamate. I feed dei social media hanno pubblicato alcuni dei migliori (e dei peggiori) e le persone hanno espresso giudizi RoomRater su Twitter e altri forum.

“Invece del power suit, ora è il power art”, ha detto Steeves alla galleria.

Andrea Rinaldo ha detto che l’esperienza di andare in galleria è cambiata per alcuni. ‘Se non vedono qualcosa sul muro qui a cui stare di fronte, ne solleviamo uno … e si mettono davanti a quel pezzo in modo che possano fare quel confronto e vedere quale pezzo dietro di loro li fa sembrare i migliori. ‘ (David Common / CBC)

Lavorare da casa ha cambiato radicalmente l’esperienza della galleria per alcuni. La gente veniva a vedere l’arte, ora vi si schiera con le spalle.

Per coloro che entrano nella galleria, “se non vedono qualcosa sul muro qui a cui stare di fronte, ne alziamo solo uno … e stanno davanti a quel pezzo”, ha detto Rinaldo. “Così possono fare quel confronto e vedere quale pezzo dietro di loro li fa sembrare i migliori”.

E durante i blocchi, vengono offerti tour Zoom o FaceTime delle opzioni disponibili.

Ci sono anche alcune considerazioni aggiuntive quando si sceglie l’arte per un muro presente nelle chiamate Zoom, ha affermato Rinaldo.

“È troppo distraente per le persone che ti stanno guardando? Presteranno attenzione a quello che stai dicendo o si concentreranno sull’arte?”

In qualità di direttrice delle vendite e dei servizi di gruppo per il vicino Blue Mountain Resort, Helen Stukator voleva qualcosa di audace per aumentare le presentazioni online e le interazioni con i clienti.

“Sono molto abituato a stare faccia a faccia con i miei clienti, intrattenerli, cenare e cenare e avere quelle opportunità per costruire davvero una relazione. E se è solo un muro noioso o un muro bianco dietro di me, non lo fa ‘ t avere lo stesso effetto. “

Stukator è andata con un dipinto dell’artista dell’Ontario Grace Afonso, e ha detto di essere felice della risposta.

“Alla gente piace molto. Non puoi non vederlo”, ha detto. “È un inizio di conversazione ed è personale.”

Helen Stukator, vista in una videochiamata con il suo nuovo sfondo dipinto da Grace Afonso. (David Common / CBC)

Ampliamento del pubblico

Anche gli artisti sono sorpresi dall’attenzione in più.

“È divertente ed eccitante per me”, ha detto Afonso, con sede ad Hamilton, sbalordita dall’improvvisa esposizione della sua arte a molte più persone. “Sta portando un po ‘di allegria a tutti gli altri e sta portando allegria anche a me per dipingerlo.

“Si spera che stiano ottenendo un po ‘di pace e felicità guardandolo, perché le chiamate Zoom possono essere piuttosto stressanti”, ha detto.

L’artista sa molto di stress lei stessa, lavorando come infermiera a tempo pieno all’ospedale per bambini malati di Toronto. Lavora su casi di crisi e psicosi nell’unità per i disturbi alimentari dell’ospedale, che ha visto un aumento sostanziale dei pazienti durante la pandemia.

Quindi, di nuovo nel suo studio d’arte nei giorni liberi, è “un’opportunità per rinfrescarti … torna in quel posto dove sei tranquillo, gioioso e calmo”.

Grace Afonso ha detto che il suo reddito dalla pittura è almeno triplicato dallo scorso marzo, con molti clienti che acquistano pezzi più grandi e più costosi per lo sfondo delle loro videochiamate. (Ousama Farag / CBC)

L’artista è anche entusiasta del fatto che la sua arte venga vista da più di semplici visitatori a casa di qualcuno. Ora vengono mostrati a un pubblico molto più ampio attraverso le videochiamate di coloro che hanno acquistato le sue opere.

Non è quello che si aspettava dalla pandemia.

“Ho pensato che con COVID, tutto per l’arte si sarebbe in qualche modo spento e sarebbe stato solo un momento tranquillo per noi artisti in studio solo per dipingere”, ha detto, “non mi aspettavo che tutti fossero così interessati a ciò che noi ” lo stai facendo adesso. “

Afonso ha dipinto circa 75 opere durante l’anno della pandemia – simile a un anno normale – ma quest’anno sono state tutte vendute rapidamente. La differenza più grande è la dimensione. Ai tempi di COVID, c’è stata richiesta di pezzi più grandi, il che equivale per l’artista a un prezzo di vendita più alto. Ha detto che il suo reddito dalla pittura è almeno triplicato dallo scorso marzo.

Nel frattempo, un anno eccezionale non è stato quello che il partner fondatore di Butter Art Gallery si aspettava quando la pandemia ha colpito per la prima volta.

“Eravamo molto preoccupati”, ha detto Steeves. “Stavamo discutendo per quanto tempo rimaniamo chiusi e non facciamo soldi. Ma sorprendentemente, abbiamo fatto soldi”.

La comproprietaria della Butter Gallery Suzanne Steeves era preoccupata di quanto l’azienda sarebbe stata colpita dalla pandemia, ma il 2020 si sarebbe rivelato il suo anno migliore. (David Common / CBC)

La collezione di arte contemporanea della galleria ha anche attirato l’attenzione di una crescente comunità basata su Internet, che sfoglia la collezione in continua evoluzione online.

“Abbiamo avuto una conversazione con una coppia”, ha detto Rinaldo. “Essi [told us they] hanno preso i loro bicchieri di vino, hanno montato il loro grande schermo e hanno sfogliato il nostro repertorio d’arte. Ed è quello che hanno fatto per tutta la serata “.

La coppia chiamò il giorno successivo e si organizzò per raccogliere due pezzi dal marciapiede.

Il successo è arrivato ad artisti in tutto l’Ontario e il Quebec, con la crescente domanda che ha creato una selezione in costante rotazione di pezzi disponibili nella galleria.

“Penso solo che sia davvero importante sostenere le arti locali”, ha detto Stukator, con il suo nuovo dipinto ben visibile sul muro di fronte al suo laptop. “Mantiene viva la comunità. Mostra apprezzamento e rende bella la nostra comunità”.

GUARDA | Il National’s caratteristica nelle videochiamate che stimolano le vendite di arte:

Una piccola galleria d’arte a Collingwood, Ontario, ha visto un boom delle vendite durante la pandemia ed è almeno in parte dovuto alle persone che acquistano “Zoom art” per rendere le videochiamate un po ‘più brillanti. 4:22


Guarda gli episodi completi di The National su CBC Gem, il servizio di streaming della CBC.



#che #modo #videochiamate #casa #stanno #aiutando #incrementare #vendite #darte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *