La Carolina del Sud rende la morte per fucilazione un’opzione per i condannati a morte

Visualizzazioni: 16
0 0
Tempo per leggere:3 Minuto, 52 Secondo

I senatori della Carolina del Sud martedì hanno aggiunto un plotone di esecuzione all’elenco delle alternative di esecuzione se lo stato non può mettere a morte i detenuti condannati per iniezione letale.

Il senato dello stato ha approvato il disegno di legge con un voto chiave 32-11 con diversi democratici che si sono uniti ai repubblicani nella proposta che consentirebbe alla Carolina del Sud di riavviare le esecuzioni dopo quasi 10 anni.

Lo stato non può mettere a morte nessuno in questo momento perché la sua fornitura di farmaci per iniezione letale è scaduta e non ha potuto più comprarne.

Attualmente, i detenuti nel braccio della morte possono scegliere tra la sedia elettrica e l’iniezione letale e, poiché i farmaci non sono disponibili, scelgono il metodo che non può essere utilizzato.

Il plotone di esecuzione è consentito in altri 3 stati

Il disegno di legge del senato mantiene l’iniezione letale come opzione se lo stato ha i farmaci, ma richiede ai funzionari della prigione di usare la sedia elettrica se non lo è. Un detenuto potrebbe scegliere un plotone di esecuzione, se preferisce.

La Camera sta valutando un disegno di legge simile senza l’opzione del plotone di esecuzione, ma potrebbe anche prendere in considerazione la versione del senato dopo che un voto procedurale dei senatori finalizza il disegno di legge alla fine di questa settimana.

La Carolina del Sud iniziò a usare la sedia elettrica nel 1912 dopo aver rilevato la pena di morte dalle contee, che di solito usavano l’impiccagione.

È solo uno dei nove stati che mantiene una sedia elettrica. Sarebbe diventato solo il quarto stato a consentire un plotone di esecuzione insieme a Utah, Oklahoma e Mississippi, secondo il Death Penalty Information Center.

Il governatore della Carolina del Sud Henry McMaster ha chiesto ai legislatori di dargli un modo per riavviare le esecuzioni poiché alcuni detenuti hanno esaurito i loro appelli ma le loro condanne a morte non possono essere eseguite.

Un repubblicano e un democratico, entrambi ex pubblici ministeri, hanno proposto di aggiungere il plotone di esecuzione.

Il direttore delle correzioni della Carolina del Sud Bryan Stirling, a sinistra, e il governatore Henry McMaster si trovano fuori dal braccio della morte dello stato nel novembre 2017, dopo aver annunciato che lo stato non aveva farmaci per iniezione letali necessari per eseguire le esecuzioni. (Meg Kinnard / The Associated Press)

Le esecuzioni dovrebbero essere “umane”, afferma il senatore

L’ex procuratore democratico ha affermato che è evidente in uno stato dominato dai repubblicani come la Carolina del Sud, dove i repubblicani hanno guadagnato seggi extra a novembre, che la pena di morte non può essere abolita come ha fatto la Virginia il mese scorso.

“La pena di morte rimarrà la legge qui per un po ‘. Se rimarrà, dovrebbe essere umana”, ha detto il senatore Dick Harpootlian. Ha detto che l’impiccagione è brutale e spesso porta alla decapitazione e in caso di folgorazione i condannati “vengono bruciati a morte”.

Dall’ultima esecuzione nel maggio 2011, il braccio della morte della Carolina del Sud è sceso da circa 60 reclusi a 37 al momento. Ciò è dovuto alle morti naturali e ai prigionieri che hanno vinto appelli e sono stati condannati all’ergastolo senza condizionale. I pubblici ministeri hanno mandato solo tre nuovi detenuti nel braccio della morte negli ultimi dieci anni.

L’ex procuratore repubblicano, il senatore Greg Hembree, ha detto che martedì non era il momento di discutere se la pena di morte fosse giusta o sbagliata.

Ma diversi democratici hanno affermato che l’aspetto morale di mettere a morte qualcuno non può essere rimosso dalle discussioni sul metodo.

Hanno anche chiesto ai senatori come potrebbero giustificare un dibattito sul mettere a morte le persone questa settimana quando il mese scorso hanno approvato un disegno di legge che proibisce la maggior parte degli aborti nella Carolina del Sud, che ora è bloccato in tribunale.

Il senatore democratico Kevin Johnson ha allevato George Stinney, la persona più giovane giustiziata negli Stati Uniti nel XX secolo.

Stinney aveva 14 anni quando fu mandato sulla sedia elettrica dopo un giorno di processo nel 1944 per aver ucciso due ragazze bianche. Un giudice ha respinto la condanna dell’adolescente nero nel 2014. Storie di giornali hanno riferito che i testimoni hanno detto che le cinghie per tenerlo sulla sedia elettrica non si adattavano al suo piccolo telaio.

Johnson passa davanti a un memoriale a Stinney ogni volta che viene alla Columbia da Manning.

“Pensi che sia stato un male abortire un bambino? Pensa quanto è peggio uccidere una persona che, quando tutto è stato detto e fatto, è innocente”, ha detto Johnson.

#Carolina #del #Sud #rende #morte #fucilazione #unopzione #condannati #morte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *