La decisione sugli spettatori olimpici d’oltremare sarà presa entro la fine di marzo

Visualizzazioni: 25
0 0
Tempo per leggere:4 Minuto, 3 Secondo

Il nuovo presidente del comitato organizzatore olimpico di Tokyo si è fermato prima di dire che non ci sarebbero stati fan stranieri ai giochi di quest’anno, ma di certo ne ha accennato mercoledì dopo i colloqui online con il presidente del CIO Thomas Bach e altri.

Il quotidiano giapponese Mainichi ha riferito mercoledì che era già stata presa la decisione di escludere i tifosi stranieri. Citava solo fonti anonime “coinvolte nelle discussioni”.

“Se la situazione è difficile e sarebbe il [Japanese] consumatori preoccupati, questa è una situazione che dobbiamo evitare che accada “, ha detto il presidente del comitato organizzatore Seiko Hashimoto.

Il rapporto del giornale è arrivato poco prima dell’incontro di Hashimoto con Bach. Ha detto che una decisione sui fan stranieri arriverà entro la fine del mese e ne vuole una entro il 25 marzo, quando la staffetta della torcia inizierà dal nord-est del Giappone.

L’apertura delle Olimpiadi è prevista per il 23 luglio.

“Nella situazione attuale è impossibile attirare spettatori stranieri”, ha detto il quotidiano Mainichi, citando un anonimo funzionario del governo.

GUARDA | I funzionari olimpici pubblicano il primo playbook COVID-19:

I funzionari olimpici hanno svelato il primo di una serie di “playbook” su come manterranno al sicuro i prossimi Giochi di Tokyo durante la pandemia. La guida stabilisce come le persone possono viaggiare, dove possono andare e anche come possono tifare. 1:57

Ad Hashimoto è stato chiesto dopo l’incontro come il Giappone potrebbe anche considerare di far entrare migliaia di fan stranieri, visto quanto sia impopolare l’idea a casa dove fino all’80% vuole che le Olimpiadi vengano annullate o rinviate di nuovo. Il Giappone ha attribuito circa 8.000 morti al COVID-19, ma lo ha controllato molto meglio della maggior parte dei paesi.

Hashimoto ha confermato che il tema dei fan era una parte fondamentale dei colloqui “a cinque” con Bach, il presidente del Comitato Paralimpico Internazionale Andrew Parsons, il governatore di Tokyo Yuriko Koike e il ministro olimpico Tamayo Marukawa.

Il CIO spera di vaccinare il maggior numero possibile di olimpionici

Bach ha accennato alle scelte difficili da fare nei commenti prima che l’incontro fosse chiuso ai giornalisti.

“Ci concentreremo sull’essenziale”, ha detto Bach. “Ciò significa principalmente le competizioni. Questo deve essere l’obiettivo chiaro. A questo proposito potremmo dover impostare l’una o l’altra priorità”.

L’esclusione dei tifosi stranieri è stata quasi una conclusione scontata con le partite che si sono svolte durante una pandemia. Il pubblico giapponese si è apertamente opposto ai giochi e un punto critico è stato il rischio presentato dai visitatori che entrano nel paese. L’altro sono stati i costi vertiginosi.

I giochi coinvolgeranno 11.000 atleti olimpici e successivamente 4.400 paralimpici e decine di migliaia di allenatori, giudici, sponsor, media e VIP. Bach ha detto di essere incoraggiato dal numero di comitati olimpici nazionali che stavano facendo vaccinare gli atleti. Il CIO ha detto che incoraggia le vaccinazioni ma non le richiederà.

Bach ha detto che la sua speranza era “di avere quanti più partecipanti possibile vaccinati a Tokyo”.

“Là posso informarvi che un numero considerevole di comitati olimpici nazionali si è già assicurato questa vaccinazione pre-Tokyo”, ha detto Bach.

Il piano generale è isolare gli atleti nel villaggio olimpico lungo la baia di Tokyo; metterli in una bolla quando arrivano e fino a quando non lasciano il Giappone.

Hashimoto ha detto che una decisione sulla capacità della sede sarà presa entro la fine di aprile. Ha detto che “l’opzione zero fan” non è stata discussa.

I Giochi di Tokyo saranno le Olimpiadi più costose mai registrate

“Dobbiamo esaminare la situazione generale prima di decidere su eventuali tassi percentuali”, ha detto. “Crediamo che non saremo accettati a meno che i cittadini non si sentano sicuri che verranno prese sufficienti contromisure”.

Avere meno fan sarà costoso. Il comitato organizzatore ha previsto un reddito di 800 milioni di dollari USA dalla vendita dei biglietti. Tale deficit dovrà essere compensato dalle entità del governo giapponese.

Queste sono le Olimpiadi più costose mai registrate. Il costo ufficiale è di 15,4 miliardi di dollari, anche se due audit governativi suggeriscono che potrebbe essere quasi il doppio. Tutti tranne 6,7 miliardi di dollari sono soldi pubblici.

I Giochi di Tokyo sono stati perseguitati da problemi. Uno scandalo di corruzione legato alla candidatura nel 2013 ha costretto due anni fa le dimissioni del presidente del Comitato Olimpico giapponese Tsunekazu Takeda. Ha negato qualsiasi illecito.

Il mese scorso, l’ex presidente del comitato organizzatore Yoshiro Mori è stato costretto a dimettersi dopo aver fatto commenti sessisti sulle donne. In sostanza, ha detto che parlano troppo.

Mori è stato sostituito da Hashimoto, che martedì ha messo in guardia contro i problemi imprevedibili che lo attendono.

“La sfida più grande sono le contromisure contro COVID-19”, ha detto. “Nessuno può prevedere come sarà la situazione questa estate”.

#decisione #sugli #spettatori #olimpici #doltremare #sarà #presa #entro #fine #marzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *