La mamma giura di combattere per la figlia morta suicida nell’unità psichiatrica dell’ospedale NB

Visualizzazioni: 6
0 0
Tempo per leggere:11 Minuto, 22 Secondo

Hillary Hooper era così disperata nel trovare aiuto per la sua depressione lo scorso settembre che ha preso la pistola del suo ragazzo nel cuore della notte, è andata al liceo locale, si è tagliata entrambi i polsi e ha chiamato i servizi di emergenza.

La ventisettenne residente a St. George, NB, ha detto che aveva una pistola e voleva uccidersi. Ha implorato aiuto.

Lasciando la pistola all’interno del veicolo, è rimasta fuori, in attesa che arrivasse l’RCMP. Il sangue le colava lungo gli avambracci mentre alzava le mani in aria di fronte agli ufficiali che rispondevano con le pistole spianate.

“Non ha minacciato di ferire nessuno. Ha solo detto, ‘Ho bisogno di aiuto'”, ha detto sua madre, Patty Borthwick, dell’incidente, avvenuto il 16 settembre. “Questo è quello che ha dovuto fare per ottenere aiuto. … Ecco quanto è disperata la situazione in questa provincia “.

Alla fine Hooper è stata portata al Saint John Regional Hospital, dove ha trascorso un paio di giorni nell’unità psichiatrica prima di essere rilasciata.

Hooper aveva 27 anni quando è morta. (Inserito da Patty Borthwick)

“Trattali e condiscili”, disse Borthwick a sua figlia che amava dire.

I polsi di Hooper non erano nemmeno completamente guariti prima che tentasse di ferirsi di nuovo il 4 ottobre. Il sangue le inzuppò le bende mentre l’RCMP cercava di trattenerla nella sua casa di St. George dopo che lei aveva minacciato di tagliarsi con un coltello. Quella volta è stata rimandata all’unità psichiatrica per circa una settimana, ha detto Borthwick.

Hooper è stato dimesso con un appuntamento con uno psichiatra in sei mesi. Ma Borthwick ha detto che un’infermiera gentile ha riconosciuto che sua figlia aveva bisogno di aiuto prima di allora e si è incaricata di fissare un appuntamento con un consulente per la salute mentale.

Quell’appuntamento era il 13 novembre a Saint John. Durante la sessione, il consulente ha detto a Hooper di tornare a casa, allevare polli e piantare un giardino: sarebbe stato un bene per la sua salute mentale.

Hooper ha chiamato sua madre subito dopo l’appuntamento, singhiozzando. Sentiva che a nessuno importava se fosse vissuta o morta. Borthwick crede che sia stato allora che sua figlia ha rinunciato al sistema.

Hooper con sua madre, Patty Borthwick, sulla barca dei Borthwicks. (Inserito da Patty Borthwick)

Borthwick ha detto che Hooper è passata direttamente dal suo appuntamento all’ospedale di Saint John. Nel parcheggio, ha ingoiato un mucchio di pillole ed è entrata al pronto soccorso con un biglietto che diceva di lasciarla morire e di donare i suoi organi.

Una volta stabilizzate le sue condizioni fisiche, è stata trasferita al 4D North, l’ala psichiatrica sicura dell’ospedale. Borthwick pensava che sua figlia sarebbe stata al sicuro lì.

“Era al sicuro. Si è presa cura di lei. Non c’è modo che possa farsi del male lì”, ha detto Borthwick che si è assicurata in quel momento. “Non ci sono pillole, coltelli, pistole e porte chiuse.”

Diciannove giorni dopo, Hooper si è impiccata nella sua stanza.

È stata messa in supporto vitale, ma il danno è stato troppo grande. Il 9 dicembre alle 10:52, Hooper è stato disconnesso dalle macchine. È morta 10 minuti dopo.

GUARDA | NB la madre vuole risposte sulla morte di sua figlia al Saint John Regional Hospital:

Hillary Hooper, 27 anni, è morta suicida a dicembre mentre era un paziente nell’unità psichiatrica protetta del Saint John Regional Hospital. 5:25

14 mercoledì

Borthwick vuole sapere come sarebbe potuto accadere. Come potrebbe una persona con una storia di tentato suicidio riuscire ad avere successo mentre si trovava in un’unità psichiatrica?

L’unità è sicura, con i visitatori che devono essere ronzati dentro. Le porte non si chiudono – nemmeno i bagni pubblici, dice Borthwick – e le porte delle stanze dei pazienti sono dotate di finestre, in modo che il personale possa facilmente controllare il benessere del quelli dentro.

“Perché nessuno si prendeva cura dei pazienti? Come poteva essere successo?”

L’Horizon Health Network ha detto che tutti i suicidi ricoverati sono “soggetti a una revisione interna in conformità con le Sezioni 3 e 4 del Provincial Legge sulla qualità della salute e sulla sicurezza dei pazienti“, ha affermato Jean Daigle, vicepresidente della comunità di Horizon Health Network.

“Gli standard clinici di Horizon affermano che pazienti e clienti vengono valutati e monitorati per il rischio di suicidio, riconoscendo la natura dinamica del suicidio”, ha detto lunedì via e-mail. “Questo processo non ha lo scopo di predire il suicidio, ma di riconoscere la necessità di un intervento quando un paziente è in uno stato di rischio elevato”.

Hooper nella sua foto di laurea, Classe 2011 alla Fundy High School. (Inserito da Patty Borthwick)

Borthwick ha detto che le ci è voluto fino ad ora per essere abbastanza forte da lottare per le risposte – un lasso di tempo che misura di mercoledì, da quando Hooper si è impiccata un mercoledì ed è morta un mercoledì dopo.

Sono passati 14 mercoledì senza sua figlia.

Ci sono voluti 11 mercoledì per essere abbastanza forti da scrivere una lettera al ministro della Salute Dorothy Shephard, in cerca di risposte. Finora, ha ricevuto solo una risposta per confermare la ricezione della lettera.

In una risposta alla CBC, il direttore delle comunicazioni del ministero, Bruce Macfarlane, ha detto che Shephard “risponderà a tempo debito”.

Il budget 2021-22 del New Brunswick, presentato martedì, propone di spendere altri $ 7 milioni per la salute mentale, portando il totale a $ 12,5 milioni.

Motivato da altri casi

Borthwick ha detto che è stata necessaria la lettura della morte della sedicenne Lexi Daken per motivarla a scrivere la lettera a Shephard. Ha detto che sua figlia è stata delusa dal sistema nello stesso modo in cui lo è stata Lexi.

La ragazza di Maugerville, NB, è stata portata al pronto soccorso di Fredericton il 18 febbraio ed è rimasta seduta per otto ore senza mai ricevere alcun aiuto per la salute mentale.

Daken, uno studente di 10 ° grado alla Leo Hayes High School, aveva tentato il suicidio lo scorso autunno e stava soffrendo di depressione. Il suo consulente scolastico ha riconosciuto che aveva bisogno di aiuto e l’ha portata in ospedale e si è seduta con lei per tutto il tempo prima che se ne andassero senza aiuto – solo un rinvio.

Nessuno ha mai chiamato la famiglia per il rinvio e Lexi è morta suicida meno di una settimana dopo.

Borthwick con Hooper e Blue lo scorso autunno nei campi di mirtilli di Charlotte County, NB (Inserito da Patty Borthwick)

“So che il nostro sistema è sovraccarico”, ha detto Borthwick, “ma quando qualcuno è abbastanza coraggioso da entrare e dire: ‘Sto pensando di porre fine alla mia vita in questo momento’, dando loro una carta per la prossima settimana, domani o la prossima la giornata non va bene.

“Se sono abbastanza coraggiosi da entrare da quelle porte dell’ospedale e farti sapere che soffrono di malattie mentali, mettili in un letto”.

Borthwick ha anche detto di prendersi cura di loro “finché non sono fuori dalla sporgenza. Perché quando sono sulla sporgenza, li rimandi a casa – ovviamente salteranno”.

Ha detto che non avrebbe mai affermato che sua figlia non avesse ricevuto cure per la salute mentale. Il suo problema è con la qualità delle cure. Borthwick ha detto che se Hooper avesse ricevuto il tipo di trattamento di cui aveva bisogno, non avrebbe ripetutamente tentato di porre fine alla sua vita.

Lettera al ministro della Salute

Borthwick ha scritto la lettera a Shephard il giorno dopo la morte di Lexi Daken. Nella lettera, che Borthwick ha condiviso con CBC, ha detto che il sistema ha deluso sua figlia.

“Era in una struttura chiusa, protetta, sorvegliata. Non mi era permesso entrare. Non mi era permesso proteggerla. Il tuo sistema la ‘proteggeva’”, ha scritto Borthwick.

“Non puoi riportare indietro mia figlia. Non puoi riportare indietro nessun paziente suicida. Quello che puoi fare è prestare maggiore attenzione a coloro che soffrono di problemi di salute mentale. So che di recente hai ‘parlato il discorso’ di un nuovo piano quinquennale per la salute mentale Mi dispiace, so che sarà tutto un enorme spreco di tempo e di discorsi.

Hooper con suo fratello, Dakin Hooper e la mamma a casa dei Borthwicks sul Lago Utopia. (Inserito da Patty Borthwick)

“Per una volta, perché i partiti politici non smettono di” parlare il discorso “e” camminano per strada “. Ti invito, onorevole Shephard, a camminare nei miei panni per alcuni giorni. Segui il cammino di una madre che ha dovuto seppellire la figlia di 27 anni perché il sistema l’ha delusa. Di volta in volta. “

Borthwick ha anche invitato Shephard a consultare “i genitori di bambini morti per suicidio”. Ha detto che possono aiutare a rivelare dove il sistema ha fallito.

“Possiamo dirti cosa è necessario in modo che nessun altro genitore seppellisca il proprio figlio prima di loro.”

Borthwick ha detto al ministro che non si aspettava di ricevere una risposta. “Mi aspetterei la stessa risposta e lo stesso servizio che mia figlia Hillary ha ricevuto dal tuo Dipartimento della Salute. Niente. Zilch. Zero.”

“Divertente, divertente, divertente”

Hillary Virginia Ruth Hooper è nata il 27 aprile 1993. Ha un fratello maggiore, Dakin Hooper, che ora ha 29 anni. Ha trascorso i suoi primi anni a Beaver Harbor prima di trasferirsi a Lake Utopia nel 2008.

I suoi genitori si separarono quando lei era giovane.

Borthwick ha detto che i problemi di salute mentale di sua figlia sono emersi per la prima volta come un disturbo alimentare nel grado 10. Mentre questo alla fine è passato, la depressione avrebbe continuato a tormentarla.

Hooper amava i girasoli e ne coltivava uno. (Inserito da Patty Borthwick)

Non aveva dipendenze, non aveva problemi di soldi. Aveva una relazione stabile e aveva un cane che adorava. “Era solo triste”, ha detto Borthwick.

Dopo il liceo, Hooper ha lavorato in Alberta come operatore di attrezzature pesanti per alcuni anni prima di tornare a casa nella contea di Charlotte.

Mentre quelli più vicini a lei sapevano dell’oscurità che spesso l’avrebbe avvolta, nessuno avrebbe immaginato che fosse perseguitata dalla depressione.

“Tutti ti direbbero – [she was] dolce, divertente, divertente, divertente. Pazzo. La vita della festa “, ha detto Borthwick.” Era così divertente che non lo penseresti mai. … Non avresti mai nessuno che non dicesse che non era la ragazza più felice e divertente in circolazione. “

Quando le cose andavano male, però, andavano davvero male. Per giorni alla volta, Hooper difficilmente riuscì a trascinarsi fuori dal letto.

Hooper era un operatore di attrezzature pesanti con un “malvagio senso dell’umorismo” e un vocabolario che avrebbe fatto arrossire un marinaio, secondo sua madre. Questo è valso a Hooper il soprannome di “Ricky”, un riferimento ai Trailer Park Boys, durante il suo corso di formazione. (Inserito da Patty Borthwick)

Ha cercato di ottenere un aiuto professionale, ma niente sembrava funzionare. Ha visto psichiatri, ha provato farmaci, ma non è riuscita a scrollarsi di dosso la depressione.

Un breve segno di speranza

Verso la fine dello scorso novembre, mentre nella 4D Nord, le cose sembravano migliorare, ha detto Borthwick.

Hooper aveva un nuovo psichiatra, che le piaceva. Ha cambiato il suo farmaco e i risultati sembravano darle speranza.

Borthwick ha detto che lo psichiatra ha persino definito Hooper la sua “storia di successo”. Ha detto alla famiglia che i pazienti suicidi raramente parlano del futuro, perché pensano di non averne uno. Ma Hooper parlava del futuro in modo positivo.

Nelle ore e nei minuti prima che si impiccasse, Hooper e il suo ragazzo stavano progettando di abbattere il loro albero di Natale insieme quando è uscita.

Borthwick ha parlato con sua figlia al telefono fino alle 21:03 del 2 dicembre e le ha mandato un messaggio dopo. Le cose sembravano positive, fino all’ultimo messaggio con il suo ragazzo alle 10:34.

“Ecco perché è così difficile accettare quando abbiamo ricevuto la chiamata”, ha detto Borthwick. “Perché è stata la cosa più felice che ha suonato da tanto tempo, non solo a me, allo psichiatra, al suo ragazzo, e poi all’improvviso qualcuno la trova impiccata in un ospedale. Semplicemente non capisco. Non lo capisco. capito. “

La mamma di Hillary Hooper dice che era così divertente, solo le persone più vicine a lei avevano la minima idea del dolore che provava. (Inserito da Patty Borthwick)

Dai rapporti che ha ricevuto dalle infermiere, Hooper deve aver messo giù il telefono intorno alle 10:34 e si è messa a lavorare per porre fine alla sua vita. È stata scoperta circa mezz’ora dopo.

Borthwick è stato chiamato poco prima di mezzanotte.

Dopo alcuni giorni di supporto vitale, Borthwick ha detto che è diventato chiaro che sua figlia non si sarebbe ripresa.

Arrivederci baccello di vaniglia

Dopo la decisione di rimuovere il supporto vitale, le infermiere chiesero a Borthwick quale fosse il profumo preferito di Hooper.

Quando Borthwick è arrivata il 9 dicembre per salutarla, si è commossa fino alle lacrime per gli sforzi delle infermiere. Avevano intrecciato i lunghi capelli biondi di Hooper e le avevano strofinato sulla pelle una crema per il corpo al profumo di vaniglia.

A Borthwick è stato permesso di strisciare sul letto d’ospedale e di coccolarsi con sua figlia prima che le macchine venissero scollegate. Dieci minuti dopo, se n’era andata.

Non ci sono stati funerali.

Borthwick ha detto che COVID-19 non detterà l’ultimo addio di sua figlia. La famiglia ha in programma di aspettare tutto il tempo necessario per celebrare adeguatamente Hooper “e il suo malvagio senso dell’umorismo”.

SE HAI BISOGNO D’AIUTO:

Hotline CHIMO: 1-800-667-5005 / http://www.chimohelpline.ca

Telefono aiuto bambini: 1-800-668-6868

Canada Suicide Prevention Service: 1-833-456-4566

#mamma #giura #combattere #figlia #morta #suicida #nellunità #psichiatrica #dellospedale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *