La nave cargo bloccata nel Canale di Suez è stata parzialmente liberata

Visualizzazioni: 14
0 0
Tempo per leggere:2 Minuto, 39 Secondo

Lunedì gli ingegneri hanno “parzialmente rimontato” la colossale nave portacontainer che rimane incuneata attraverso il Canale di Suez, ha detto una società di servizi del canale, senza fornire ulteriori dettagli su quando la nave sarebbe stata liberata.

Per quasi una settimana, il gigantesco Ever Given che trasporta merci dall’Asia all’Europa ha bloccato il traffico marittimo attraverso l’arteria vitale, trattenendo 9 miliardi di dollari ogni giorno nel commercio globale e mettendo in tensione le catene di approvvigionamento già gravate dalla pandemia di coronavirus. Oltre 300 navi, che trasportano di tutto, dal petrolio greggio al bestiame, stanno aspettando di passare attraverso il canale, mentre altre dozzine stanno prendendo la rotta alternativa intorno al Capo di Buona Speranza all’estremità meridionale dell’Africa, aggiungendo circa due settimane ai viaggi e minacciando ritardi nelle consegne.

La parziale liberazione della nave è avvenuta dopo intensi sforzi per spingere e tirare la nave con 10 rimorchiatori quando la luna piena ha portato la marea primaverile, alzando il livello dell’acqua del canale e sperando in una svolta. Tuttavia, era chiaro che le sfide rimanevano, poiché i dati satellitari di MarineTraffic.com mostravano la nave nella stessa posizione, circondata da uno squadrone di rimorchiatori con la sua prua bulbosa conficcata nella riva orientale del canale.

Un pilota di punta dell’autorità del canale, parlando in condizione di anonimato, ha confermato che la nave era stata parzialmente rimessa a galla e ha detto che i lavoratori stavano ancora lottando per rimuovere la prua.

Il tenente generale Osama Rabei, capo dell’Autorità del Canale di Suez, ha detto che i lavoratori hanno continuato a “tirare le manovre” per rimettere a galla la nave lunedì presto.

Durante la notte, diverse draghe hanno lavorato duramente per aspirare 27.000 metri cubi di sabbia e fango attorno alla nave. Un altro potente rimorchiatore, Carlo Magno, stava correndo sul posto per unirsi agli sforzi.

Per quasi una settimana, il gigantesco Ever Given che trasporta merci dall’Asia all’Europa ha bloccato il traffico marittimo attraverso l’arteria vitale, trattenendo 9 miliardi di dollari ogni giorno nel commercio globale (Mahmoud Khaled / AFP / Getty Images)

Sebbene la nave sia vulnerabile ai danni nella sua posizione attuale, Shoei Kisen Kaisha Ltd., la società proprietaria della Ever Given, lunedì ha respinto le preoccupazioni, dicendo che il motore della nave era funzionante e che avrebbe potuto proseguire il suo viaggio normalmente una volta liberato.

Gli operatori navali non hanno fornito una tempistica per la riapertura del canale cruciale, che trasporta oltre il 10% del commercio globale, compreso il 7% del petrolio mondiale. La chiusura senza precedenti potrebbe influenzare le spedizioni di petrolio e gas in Europa dal Medio Oriente.

Le autorità del canale hanno cercato disperatamente di liberare la nave facendo affidamento solo su rimorchiatori e draghe, anche se gli analisti hanno avvertito che una nave lunga 400 metri potrebbe essere troppo pesante per un’operazione del genere. Mentre la finestra per una svolta si restringe con l’alta marea che si allontana questa settimana, sono cresciuti i timori che le autorità sarebbero state costrette ad alleggerire la nave rimuovendo i 20.000 container della nave – un’operazione complessa, che richiede attrezzature specializzate non trovate in Egitto, che potrebbe richiedere giorni o settimane.

#nave #cargo #bloccata #nel #Canale #Suez #stata #parzialmente #liberata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *