Le accuse di omicidio colposo sono cadute contro l’uomo che è stato legato con la zip e tenuto sotto tiro nella propria casa

Visualizzazioni: 10
0 0
Tempo per leggere:6 Minuto, 55 Secondo

La Corona ha ritirato le accuse di omicidio colposo contro un uomo di 59 anni di Collingwood, Ontario, che ha sparato e ucciso due uomini mascherati che lo hanno legato e tenuto sotto tiro in una caotica invasione domestica.

“E ‘stato terrificante”, ha detto Cameron Gardiner, parlando pubblicamente per la prima volta dall’invasione domestica. I dettagli del caso erano stati precedentemente soggetti a un divieto di pubblicazione.

Erano le prime ore del mattino del 22 gennaio 2019 e lui e la sua ragazza stavano guardando un film nella loro casa di città a Collingwood, a circa 150 chilometri a nord di Toronto.

“E la prossima cosa che so, la porta viene sfondata”, ha detto Gardiner in un’intervista a CBC News.

Tre uomini mascherati si fecero strada nella sua casa. Uno indossava una maschera da clown, l’altro un passamontagna e il terzo aveva una sciarpa tirata fino agli occhi. Uno degli uomini era armato con un fucile a canne mozze.

“La mia ragazza ha cercato di correre verso le scale, ma l’hanno placcata e l’hanno rimessa sul divano. E [they] … ci legò entrambi con la cerniera e legò il mio cane alla mia gamba con un’altra cerniera “, ha detto.

Gli uomini si sono alternati a sorvegliare la coppia mentre perquisivano la casa. Hanno portato una cassaforte al piano di sotto in soggiorno e Gardiner ha detto che hanno iniziato a picchiarlo chiedendogli il codice, ma Gardiner non ce l’aveva perché la cassaforte non gli apparteneva.

“Non puoi dare qualcosa che non sai. E la mia ragazza urlava e piangeva. Era terrorizzata, e lo ero anch’io”, ha detto.

Telecamere di sorveglianza in casa

All’insaputa degli invasori domestici, c’erano telecamere di sorveglianza in casa collegate a un’app sul telefono del figlio di Gardiner. Il figlio di Gardiner non viveva con lui, ma era lì regolarmente e, secondo i documenti del tribunale, era noto per vendere marijuana da una camera da letto al terzo piano.

Quando ha visto cosa stava succedendo, si è diretto da casa sua alla casa di suo padre.

Il Gardiner più giovane, che all’epoca aveva 19 anni, arrivò proprio mentre suo padre riusciva a sfilarsi le cravatte. Secondo i documenti del tribunale, mentre il figlio di Gardiner lottava con uno degli intrusi fuori dalla porta sul retro, il fucile è caduto. Suo padre l’ha afferrato e un altro intruso ha cercato di strapparglielo. La pistola ha sparato e Dean Copkov, che stava combattendo con il figlio, è stato colpito.

L’anziano Gardiner e l’intruso con la maschera da clown continuarono a lottare per la pistola. È stato tormentato nella lotta, che ha messo un altro carico nella camera, e secondo Gardiner, è stato allora che ha sparato e ucciso Donavan Bass, l’uomo con la maschera. Nei documenti del tribunale, Gardiner dice che l’uomo è poi barcollato fuori di casa.

Alla fine, due uomini giacciono morti nella neve nel cortile sul retro dopo essere stati colpiti al petto.

Copkov, 52 anni, è stato uno stuntman di lunga data il cui curriculum includeva RoboCop, il Cattivo ospite franchising, L’incredibile Hulk e la serie canadese Ragazza perduta. Copkov stava per essere condannato con l’accusa di droga a Montreal prima di morire, secondo i documenti del tribunale.

Dean Copkov, 52 anni, stuntman di lunga data, è stato uno degli intrusi a casa di Gardiner che è stato colpito e ucciso. Stava per essere condannato per droga a Montreal prima di morire nel 2019. (Cortesia IMDb)

Bass, 42 anni, è descritto nel suo necrologio come un “figlio amato” e “padre amorevole”.

Le famiglie di Copkov e Bass non hanno risposto immediatamente a una richiesta di commento da CBC News.

Il terzo uomo è saltato fuori da una finestra del secondo piano ed è scappato. I registri del tribunale rivelano anche che il figlio di Gardiner ha lasciato la scena con la cassaforte e una borsa prima dell’arrivo della polizia.

Gardiner difende le sue azioni e sottolinea che anche sua figlia di otto anni stava dormendo nella porta accanto.

“Suppongo che mi uccideranno”, ha detto. “Cosa dovresti pensare che stiano per … è un cosa? Un’invasione educata in casa con una pistola? Non posso correre rischi con niente di tutto ciò nella mia vita. Sono i miei figli. Io”. Non sto correndo rischi. ” Egli ha detto.

Gli investigatori della polizia vengono mostrati fuori dalla casa di Gardiner a Collingwood, Ontario, dopo l’invasione domestica e la sparatoria nel gennaio 2019 che ha ucciso due uomini. (Jason Whyte / CBC)

Gardiner è rimasto sorpreso quando gli agenti di polizia provinciale dell’Ontario lo hanno preso in custodia.

“Ho detto loro che il terzo ragazzo stava correndo. Se ti sbrighi, puoi prenderli. Hanno deciso di venire prima all’appartamento”, ha detto.

Poco dopo, Gardiner fu caricato su un’auto della polizia.

“Ero davvero scioccato. Tipo, ho appena passato l’inferno”, ha detto.

Crown inizialmente perseguì le accuse di omicidio

La Corona aveva inizialmente perseguito accuse di omicidio di secondo grado contro Gardiner, ma nel novembre 2020, dopo un’indagine preliminare, un giudice ha deciso che le prove – che ha notato nella sua decisione erano in gran parte circostanziali – meritavano invece accuse di omicidio colposo.

Nella sua decisione di novembre, il giudice della Corte dell’Ontario AM Nichols ha affermato che mentre c’erano alcune prove che Gardiner aveva il controllo dell’arma quando sono stati sparati i colpi, nessun testimone ha effettivamente visto le sparatorie effettive e ha descritto le prove come “oscure”.

Martedì pomeriggio a Barrie, Ontario, la Corona, Bhavna Bhangu, ha ritirato tutte le accuse contro Gardiner durante un’udienza in video tribunale, affermando che dopo un’attenta revisione, ha stabilito che non vi era alcuna ragionevole prospettiva di condanna.

Agendo Sgt. Martin Hachey del distaccamento OPP a Collingwood ha detto di non poter commentare il motivo per cui le accuse sono state ritirate.

“Posso dirvi che certamente il nostro lavoro come ufficiali è quello di indagare su un evento e, naturalmente, presentare le accuse di conseguenza sulla base delle indagini e delle prove raccolte”, ha detto.

“Non so esattamente cosa sia successo in questo caso o cosa abbia portato a quella particolare decisione, ma da parte nostra … questo è il lavoro che [had] da fare ed è quello che abbiamo fatto in questo caso “, ha detto.

In una dichiarazione, il Ministero del Procuratore generale ha dichiarato: “La Corona ha il dovere di valutare la forza di un caso … e dopo un’attenta considerazione, la Corona ha stabilito che un ritiro di queste accuse era appropriato.

Cercando di proteggere la famiglia

Gli avvocati penalisti di Toronto Robb MacDonald ed Elliott Willschick, che rappresentavano Gardiner, si sono detti contenti che le accuse siano state ritirate.

“Penso che sia un’indicazione che alla fine della giornata, l’avvocato della Corona, l’ufficio del procuratore della Corona, finalmente vede questo caso per quello che è. Ed era un uomo che difendeva se stesso, la sua casa ei suoi cari”, ha detto MacDonald .

L’avvocato penalista di Toronto Robb MacDonald, uno degli avvocati di Gardiner, afferma che il caso riguardava “un uomo che difendeva se stesso, la sua casa ei suoi cari”. (Andy Hincenbergs / CBC)

Ma Willschick ha detto che teme che le persone possano vedere cosa è andato il suo cliente ed esitano a proteggersi in situazioni simili.

“Potrebbe avere un effetto agghiacciante sulle persone. Non vuoi che le persone pensino quando qualcuno sta affrontando un’invasione domestica e una pistola gli punta una pistola e devono pensare, beh, se lo faccio, spenderò un pochi mesi di prigione? Verrò punito penalmente? ” Egli ha detto.

“È una situazione dinamica. Hai qualcuno che è sotto shock, la cui adrenalina sta pompando. E quindi essenzialmente hai qualcuno che ha fatto la cosa giusta. Stava cercando di proteggere la sua famiglia.”

GUARDA | L’uomo dell’Ontario descrive quando 3 intrusi sono entrati nella sua casa nel 2019:

Cameron Gardiner di Collingwood, Ontario, e il suo partner sono stati tenuti sotto tiro e legati mentre tre intrusi hanno invaso la sua casa nel 2019. 0:35

Quanto a Gardiner, ha detto che mentre è sollevato dalle accuse sono state ritirate, l’incidente lo ha lasciato traumatizzato.

“Sono sempre preoccupato per la porta. Guardare sempre la porta o vedere qualcun altro sta per entrare. Ma è solo qualcosa che non dimentichi”, ha detto.

“Devo cercare di perdonarmi e andare avanti con la mia vita.”

#accuse #omicidio #colposo #sono #cadute #contro #luomo #che #stato #legato #con #zip #tenuto #sotto #tiro #nella #propria #casa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *