Le sparatorie in Georgia sono stati crimini d’odio, dicono alcuni americani asiatici

Visualizzazioni: 6
0 0
Tempo per leggere:3 Minuto, 33 Secondo

I membri della comunità asiatica americana descrivono le micidiali sparatorie di martedì in Georgia come crimini d’odio che li hanno lasciati spaventati e “sotto shock” in un anno in cui la violenza anti-asiatica è aumentata su entrambi i lati del confine.

Martedì sera, il ventunenne Robert Aaron Long è entrato in tre sale massaggi nella zona di Atlanta e ha ucciso otto persone, molte delle quali donne asiatiche. Il sospetto è stato accusato di otto capi di omicidio e uno di aggressione.

Il rappresentante dello stato della Georgia Bee Nguyen e altri sostenitori stanno sollecitando le autorità a perseguire Long in base alla legge statale sui crimini ispirati dall’odio, che impone ulteriori sanzioni per i crimini motivati ​​dalla razza, dalla religione, dal sesso, dall’origine nazionale o dalle disabilità fisiche e mentali della vittima.

“Abbiamo le prove che le tre aziende che ha preso di mira erano aziende di proprietà asiatica che hanno dipendenti asiatici e, di conseguenza, sei delle otto persone che sono morte erano donne asiatiche”, ha detto Nguyen Canada stasera host Ginella Massa.

“Non c’è modo di aggirare questi fatti.”

Guarda: Perché è importante etichettare gli attacchi in Georgia come un crimine d’odio:

Christopher Chan del Georgia Chapter dell’Asian American Fund afferma che alcuni membri della comunità asiatica americana affermano che gli attacchi nell’area di Atlanta sono stati “di matrice razziale” e il sospetto dovrebbe essere perseguito ai sensi della legge statale sui crimini d’odio. 0:39

Sei delle otto vittime sono state identificate come asiatiche e sette erano donne.

“Le persone sono preoccupate e pregano per le loro famiglie e per se stesse. Hanno il cuore spezzato e devastato da questo atto”, ha detto Nguyen.

Il virus è stato identificato per la prima volta in Cina e l’ex presidente Donald Tump e altri hanno usato la retorica anti-cinese per descriverlo.

Nguyen ha detto che nell’ultimo anno gli asiatici americani hanno assistito a un’impennata della violenza contro di loro, che secondo lei è iniziata quando Trump ha usato per la prima volta la frase “virus cinese” per descrivere COVID-19.

“Questo … ha messo un bersaglio sulle spalle degli asiatici in America”, ha detto.

Guarda: Storia del razzismo contro gli asiatici in America:

Il rappresentante dello stato della Georgia Bee Nguyen afferma che la comunità asiatica americana è stata sempre più presa di mira durante la pandemia di coronavirus. Ma gli Stati Uniti hanno una storia di razzismo contro la comunità, a cominciare dai lavoratori delle ferrovie cinesi. 0:52

Christopher Chan, presidente consultivo del Georgia Chapter dell’Asian American Fund, afferma che gli asiatici americani hanno vissuto un anno difficile da quando Trump ha politicizzato le origini del virus e ha usato termini razzisti per descrivere COVID-19.

“Le parole hanno un significato e quando descrivi il virus in termini come ha fatto l’ultima amministrazione, ne subirai le conseguenze”, ha detto Chan. “E gli americani asiatici stanno subendo queste conseguenze”.

Nguyen ha detto che anche se gli attacchi nell’area di Atlanta non erano motivati ​​dal punto di vista razziale, l’uomo armato dovrebbe comunque essere accusato di un crimine d’odio perché ha preso di mira specificamente le donne.

“In Georgia, la nostra legge sui crimini ispirati dall’odio protegge anche il genere, così le donne sono protette sotto quella statua”, ha detto. “[But] Credo che fosse motivato razzialmente e che dovrebbe essere perseguito come un crimine d’odio “.

Le sparatorie ad Atlanta sono state le ultime di numerosi attacchi contro gli asiatici americani nell’ultimo anno.

A San Francisco, un uomo thailandese di 84 anni è stato ucciso a gennaio dopo che un giovane lo aveva spinto a terra mentre era in una passeggiata mattutina. La testa dell’anziano ha colpito il pavimento ed è morto due giorni dopo in ospedale. I pubblici ministeri hanno accusato un 19enne di omicidio e abusi sugli anziani.

Nell’ultimo anno, la violenza anti-asiatica è aumentata anche a nord del confine.

I dati diffusi dalla polizia di Vancouver a febbraio hanno mostrato un aumento dei crimini d’odio anti-asiatici lo scorso anno. I dati hanno mostrato che i crimini d’odio anti-asiatici sono aumentati da una dozzina nel 2019 a 142 incidenti nel 2020, un aumento del 717%, mentre gli episodi di odio generale sono raddoppiati.

#sparatorie #Georgia #sono #stati #crimini #dodio #dicono #alcuni #americani #asiatici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *