Le ultime notizie sull’epidemia di coronavirus per il 9 marzo

Visualizzazioni: 14
0 0
Tempo per leggere:8 Minuto, 29 Secondo

La presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi è seguita da assistenti e personale del Congresso martedì a Washington, DC.La Camera dovrebbe presto approvare un pacchetto di aiuti per il coronavirus modificato dal Senato da 1,9 trilioni di dollari. (J. Scott Applewhite / The Associated Press)

Il governo federale annuncia una task force per aiutare a offrire soluzioni agli effetti della “cessione”

Il governo federale ha annunciato una nuova giuria di esperti di donne per consigliare il ministro delle finanze Chrystia Freeland sulle misure che dovrà adottare nel suo prossimo bilancio per aprire la strada a una ripresa economica.

La Task Force sulle donne nell’economia consiglierà anche il governo federale sulle azioni per affrontare gli squilibri di genere esacerbati dal COVID-19. Sarà copresieduto da Freeland e dal ministro delle finanze associato Mona Fortier.

Una serie di rapporti, di cui due nei giorni scorsi in Canada dalla Royal Bank e dal Labour Market Information Council, hanno messo in luce il più pesante tributo economico della pandemia, in generale, per le donne. L’LMIC ha affermato che l’occupazione delle donne in occupazioni a basso reddito è del 14% inferiore ai livelli pre-crisi, mentre le loro controparti nei lavori ad alto reddito si sono completamente riprese.

“Questa crisi ha creato una cessione e ha minacciato di frenare il duro progresso sociale ed economico di tutte le donne”, ha detto il primo ministro Justin Trudeau, che in una dichiarazione ha anche dato la priorità all’assistenza all’infanzia a prezzi accessibili e di qualità per i canadesi.

Elizabeth Dhuey, professore associato di economia presso l’Università di Toronto, ha affermato che i programmi di formazione dovrebbero essere aggiornati in modo che le donne a basso salario dei servizi di vendita al dettaglio o di ristorazione possano applicare le loro competenze a settori emergenti o in crescita con una formazione extra.

“Non solo buttare soldi a caso a tutti questi giocatori normali che stanno facendo la stessa cosa di prima, ma cercare di capire chi sta effettivamente guardando i dati, usando i dati e fornendo la programmazione”, ha detto Dhuey, che è anche presidente del Comitato delle donne economiste della Canadian Economic Association.

A partire dal La nazionale

I campeggi e i cottage sono molto richiesti poiché i canadesi si preparano per una seconda estate pandemica tenendoli più vicini a casa. Il sito web di registrazione del campeggio della Columbia Britannica è stato travolto quando è stato aperto lunedì. 2:01

IN LETTERA

Vive in attesa, i potenziali immigrati esprimono frustrazione per i ritardi della pandemia

I promettenti immigrati in Canada dicono di aver lasciato il lavoro, venduto le loro case e messo in attesa le loro vite, solo per essere paralizzati dai ritardi nell’elaborazione e dalla mancanza di comunicazioni da parte di Immigration, Refugees and Citizenship Canada (IRCC).

Decine di persone che hanno chiesto la residenza permanente nell’ambito del programma federale canadese per lavoratori qualificati hanno inviato un’e-mail a CBC News condividendo le loro difficoltà a causa dei ritardi della pandemia. Il sito web dell’IRCC stima sei mesi per elaborare una domanda di residenza permanente per lavoratori qualificati federali, ma le notizie di CBC hanno atteso più a lungo.

Il nigeriano Gerard Okonkwo ha presentato domanda di residenza permanente nell’ottobre 2019.

“Ogni volta che ho contattato IRCC per telefono o via e-mail, mi hanno sempre detto che la mia domanda è in coda per la revisione finale”, ha detto.

L’assistente di ricerca ha detto di aver rinunciato a posti di lavoro e borse di studio in attesa del trasferimento dei suoi sogni a Ottawa. Vuole fare più istruzione e lavorare nel suo campo di interesse – silvicoltura e cambiamento climatico – ed è già in contatto con alcuni professori canadesi.

“Non sono l’unico”, ha detto. “Molte persone sono depresse a causa della mancanza di chiarezza”.

In una risposta via e-mail, l’IRCC ha affermato che sta attualmente dando la priorità ai candidati che sono idonei a viaggiare in Canada in base alle sue attuali restrizioni, come quelli che hanno ottenuto la conferma della residenza permanente entro il 18 marzo 2020, coloro che sono un familiare diretto di un Canadesi, o sono sponsorizzati.

Il dipartimento ha detto che sta estendendo le scadenze e nessuna domanda verrà rifiutata a causa di ritardi pandemici.

Tuttavia, un portavoce ha affermato di non essere in grado di fornire “scadenze specifiche”, il che significa che la frustrazione per i richiedenti probabilmente continuerà per un po ‘di tempo.

Leggi di più sulla situazione

I canadesi non dovrebbero cercare vaccini con tassi di efficacia più elevati, dicono gli esperti

Gli esperti medici sembrano essere unanimi nella loro valutazione che i canadesi dovrebbero prendere il primo vaccino a loro disposizione e non prendere una decisione basata su altri criteri, dato che presto saranno disponibili quattro vaccini in tutto il paese.

Questo tipo di atteggiamento finirebbe per allungare il tempo necessario per tenere sotto controllo la pandemia, ha affermato il dottor Peter Juni, direttore scientifico del COVID-19 Science Advisory Table dell’Ontario.

“Se le persone iniziano a farlo, in realtà impediscono ai canadesi di tornare lentamente alla normalità”, ha detto.

Ogni vaccino ha un tasso di efficacia diverso, è vero. Sia Pfizer-BioNtech che Moderna sono stati determinati da Health Canada per avere tassi di efficacia di circa il 95%. AstraZeneca-Oxford ha un tasso di efficacia del 62%, mentre Johnson & Johnson ha un tasso di efficacia del 66,9%.

Il dottor Zain Chagla, un medico di malattie infettive presso il St. Joseph’s Healthcare di Hamilton, Ontario, ha detto che i dibattiti sull’efficacia faranno parte della sfida di far vaccinare le persone.

“Penso che ci sia ovviamente qualcosa che dobbiamo affrontare qui”, ha detto.

È stato ben segnalato che le prove che coinvolgono i vari vaccini non erano identiche, comprendevano diversi volontari in un certo numero di paesi e non si sono verificate tutte esattamente nello stesso momento. Di conseguenza, le varianti di coronavirus più trasmissibili non erano ampiamente circolanti, o non erano affatto, per i primi vaccini Pfizer e Moderna approvati.

Aspettare un vaccino preferito è troppo rischioso, secondo Chagla.

“Non vuoi essere quella persona con la protezione dello zero per cento che entra in COVID-19 quando potresti essere qualcuno con almeno il 60-70 per cento di protezione, se non superiore”, ha detto.

Leggi di più su ciò che dicono gli esperti

Alberta attenua ulteriori restrizioni COVID-19

L’Alberta valuterà la possibilità di passare alla Fase 3 del suo piano di riapertura al più presto il 22 marzo, afferma il ministro provinciale della Sanità Tyler Shandro.

La provincia prima vuole vedere quale impatto, se del caso, modifiche appena annunciate avere sui tassi di caso dell’Alberta. I negozi al dettaglio e i centri commerciali potranno aumentare la loro capacità al 25% del codice antincendio e le squadre e le attività sportive giovanili potranno riprendere con un massimo di 10 partecipanti, tra le altre modifiche che ora entrano in vigore nella Fase 2 del Piano.

“È il momento giusto per continuare ad andare avanti in sicurezza, e allo stesso tempo ci sono ragioni per noi per rimanere cauti. Non stiamo vedendo la stessa forte pendenza nei casi che abbiamo visto a dicembre. I casi si sono stabilizzati”, ha detto Shandro su Lunedi. “E dobbiamo ancora considerare attentamente come ottenere il giusto equilibrio. Ma credo che questo passaggio, il resto del passaggio 2 di oggi, sia sicuro”.

La dottoressa Deena Hinshaw, direttore medico della salute dell’Alberta, ha attribuito al pubblico il merito di aver contribuito a ridurre i numeri nelle ultime settimane.

“Vorrei riconoscere gli sforzi compiuti da molti Albertani per ridurre il numero di casi e i ricoveri, portandoci in un luogo in cui è possibile aprire più attività”, ha detto.

Lunedì Alberta ha segnalato altri sei decessi per COVID-19 e 278 nuovi casi, con 254 pazienti in cura per la malattia negli ospedali, di cui 36 in letti di terapia intensiva.

Ulteriori informazioni sulla pandemia in Alberta

Tieniti informato con gli ultimi dati COVID-19.

E INFINE…

Isolate dalla pandemia, le giovani mamme del Quebec si appoggiano a vicenda online

Jessica Labonté afferma di apprezzare le attività organizzate da Options. (Chloë Ranaldi / CBC) (Notizie CBC)

Le linee guida di salute pubblica durante la pandemia hanno reso difficile per le giovani madri che, in tempi normali, avrebbero potuto rivolgersi ai propri cari e agli amici per avere una mano.

Options Pregnancy Center, con sede a Châteauguay, Que., Offre supporto gratuito a giovani donne, uomini e famiglie mentre affrontano gravidanze non pianificate.

Sue McVeigh DiBiaso di Options afferma che il gruppo ha cambiato marcia a causa della pandemia, offrendo più servizi gratuiti online attraverso presentazioni di Facebook, riunioni Zoom e chat di gruppo.

“Abbiamo davvero offerto a queste ragazze l’opportunità di condividere le loro giornate l’una con l’altra”, dice McVeigh DiBiaso. “Potrebbe essere, ‘Ehi, è successo con il mio piccolo, non so cosa fare.’ E così le ragazze saranno tutte in grado di intervenire e radunarsi insieme “.

Jessica Labonté, che ha due figli, è una delle giovani mamme che utilizzano il servizio. Labonté, 22 anni, dice che l’inverno è stato duro e le manca lasciare il suo appartamento per visitare la casa dei suoi genitori.

“Vivo in un appartamento e non abbiamo proprio un cortile. Quindi a casa di mia madre c’è un enorme cortile recintato e più spazio”

Labonté dice di aver apprezzato le attività organizzate da Options, che ha persino portato borse piene di regali e attività da fare con i suoi figli. Essere virtuali non è esattamente come stare con le persone, ha detto, ma è stato bello condividere suggerimenti, consigli e storie con altre giovani madri.

“Siamo ancora in grado di aiutarci a vicenda”, dice Labonté. “Ma non possiamo davvero aspettare che le cose si riapriscano”.

Maggiori informazioni sul programma

Scopri di più su COVID-19

Per una copertura completa di come la tua provincia o territorio sta rispondendo a COVID-19, visita il tuo sito CBC News locale.

Per ricevere questa newsletter ogni giorno come email, iscriviti qui.

Vedi il risposte alle domande COVID-19 chiesto dai telespettatori e dai lettori di CBC.

Stai ancora cercando ulteriori informazioni sulla pandemia? Contattaci a [email protected] se hai qualche domanda.

#ultime #notizie #sullepidemia #coronavirus #marzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *