L’ex difensore civico definisce “debole” e “bizzarra” la testimonianza del comitato di Sajjan

Visualizzazioni: 19
0 0
Tempo per leggere:2 Minuto, 55 Secondo

L’ex difensore civico militare canadese afferma che l’affermazione del ministro della Difesa Harjit Sajjan di voler evitare la politicizzazione di una potenziale indagine per cattiva condotta sessuale del massimo comandante militare del paese è sia “bizzarra” che “debole”.

Nella sua prima intervista televisiva da quando ha fornito una testimonianza bomba al comitato per la difesa della Camera dei Comuni all’inizio di questo mese, Gary Walbourne ha risposto ad alcune delle successive dichiarazioni di Sajjan su come ha gestito una denuncia informale per cattiva condotta che coinvolge Vance che Walbourne gli ha presentato nel 2018.

Walbourne ha detto a CBC News Network’s Potere e politica che non ha fiducia nella volontà del governo federale di riformare il sistema di controllo militare.

Tre anni fa, Walbourne presentò a Sajjan una denuncia anonima di cattiva condotta nei confronti del capo dello staff della difesa dell’epoca, il generale Jonathan Vance. Il ministro ha rifiutato di esaminare le prove e in seguito ha chiamato l’Ufficio del Consiglio privato, che ha giurisdizione sulle nomine del governatore in consiglio, per indagare.

Sajjan, in una testimonianza separata davanti al comitato di difesa, ha difeso le sue azioni, dicendo che non voleva politicizzare la potenziale indagine. Si è attenuto a quella linea nella testimonianza oggi davanti al comitato dei Comuni sullo status delle donne.

“Secondo me, è un po ‘debole”, ha detto Walbourne all’ospite Vassy Kapelos. “Era una preoccupazione sollevata da un membro delle forze armate canadesi. Era venuta da me in cerca di fiducia e sicurezza. Gliel’avevo data, al mio livello, e andai dal ministro alla ricerca della stessa cosa. Quindi, sai. , Trovo questa risposta un po ‘bizzarra. “

Guarda: il ministro della Difesa difende la gestione delle accuse di cattiva condotta contro i comandanti militari

Il ministro della Difesa Harjit Sajjan insiste sul fatto che non avrebbe potuto essere coinvolto nella revisione di una denuncia del 2018 contro il generale Jonathan Vance perché equivarrebbe a un’interferenza politica. “Secondo me, Vassy, ​​è un po ‘debole”, ha detto l’ex difensore civico militare Gary Walbourne. “Avrebbe potuto almeno parlarmi delle prove che avevo in mano.” 9:05

Nella sua testimonianza odierna, Sajjan ha detto di aver detto a Walbourne di andare alla polizia militare o al maresciallo preposto per denunciare le sue preoccupazioni. L’ex difensore civico oggi si è opposto a questa versione degli eventi.

“Avrebbe potuto almeno parlarmi delle prove che avevo in mano”, ha detto Walbourne a Kapelos. “Ma invece si è allontanato dal tavolo, ha detto di no. E contrariamente a quanto dice, non mi ha mai dato alcun consiglio e non mi ha mai più parlato”.

Sajjan ha ripetutamente insistito di non essere la persona che il difensore civico avrebbe dovuto chiedere consiglio.

“Coinvolgere un funzionario eletto – un politico – nella sequenza di un’indagine sarebbe stato sbagliato e pericoloso”, ha detto Sajjan ai parlamentari del comitato per la difesa all’inizio di questo mese.

“Politicizzare qualsiasi indagine minaccia un esito giusto per coloro che si fanno avanti. Data la sua posizione e la sua esperienza, il signor Walbourne avrebbe dovuto saperlo”.

L’ex difensore civico ha affermato di non credere che il governo federale sia disposto a prendere le misure necessarie per garantire che il processo di reclamo sia veramente indipendente.

“Se non lo facciamo bene, non voglio tornare tra sei mesi e avere di nuovo questa conversazione con te. Preferirei non farlo”, ha detto a Kapelos.

Puoi guardare gli episodi completi di Power & Politics su CBC Gem, il servizio di streaming della CBC.

#Lex #difensore #civico #definisce #debole #bizzarra #testimonianza #del #comitato #Sajjan

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *