L’Ontario non esclude un altro ritardo per le vacanze primaverili scolastiche poiché i casi di COVID-19 aumentano

Visualizzazioni: 8
0 0
Tempo per leggere:4 Minuto, 19 Secondo

Il premier Doug Ford sospende la possibilità che la pausa di marzo per le scuole dell’Ontario, già ritardata, possa essere rinviata ancora una volta mentre la provincia affronta la sua terza ondata di COVID-19.

Nel frattempo, alcuni sindacati che rappresentano insegnanti e operatori scolastici stanno proponendo un approccio diverso alle prossime vacanze scolastiche: passare a lezioni solo online dopo Pasqua fino almeno alla fine di aprile, ma mantenendo il piano esistente per March Break.

L’incertezza arriva con le scuole dell’Ontario che segnalano un numero settimanale record di nuove infezioni da COVID-19.

Nel frattempo, l’andamento provinciale dei casi giornalieri è superiore a quello dalla fine di gennaio e il direttore del gruppo consultivo scientifico della provincia è descrivere la pandemia come “fuori controllo”.

Il governo ha annunciato a febbraio che le vacanze primaverili annuali per i due milioni di studenti dell’Ontario – precedentemente fissate per la settimana del 15 marzo – sarebbero state rinviate alla settimana del 12 aprile. La giustificazione all’epoca: avere due milioni di studenti in vacanza aumenterebbe il rischio di diffusione del virus

Data questa logica, il governo si trova ora di fronte a domande sul destino della pausa scolastica riprogrammata. I casi COVID-19 sono in forte aumento e dovrebbe essere di gran lunga peggiore a metà aprile rispetto a metà marzo.

Durante una conferenza stampa a Niagara Falls lunedì, il premier Doug Ford ha suggerito che March Break potrebbe essere nuovamente rinviato. (TV pool)

Posticipare la pausa non è il piano attuale, ha detto lunedì il ministro dell’Istruzione Stephen Lecce.

“Stiamo continuando a lavorare con l’ufficiale medico capo della salute per assicurarci che la pausa di aprile sia sicura, che gli studenti ei loro genitori continuino a seguire le regole, come hanno fatto in modo schiacciante”, ha detto Lecce al Queen’s Park in risposta a un domanda da CBC News.

Tuttavia, Ford sembrava molto meno certo del Lecce quando gli è stato chiesto se la pausa procederà come previsto.

“Ad essere sincero, non voglio prevedere due settimane fuori”, ha detto Ford lunedì durante una conferenza stampa a Niagara Falls. “Non posso darti una risposta diretta in questo momento.”

Ford ha detto che il governo comunicherà ai genitori il piano entro la fine di questa settimana.

La sfida di mantenere le scuole sicure

I sindacati dell’istruzione respingono l’idea di un altro rinvio alla rottura. Tuttavia, alcuni stanno sollevando preoccupazioni sui rischi se i bambini tornano in classe immediatamente dopo le vacanze incombenti.

“Chiediamo un passaggio all’apprendimento online per i quattro giorni successivi al [Easter] week-end lungo, e almeno per la prima settimana dopo le vacanze di primavera, al fine di mantenere le scuole il più sicure possibile “, ha detto a lettera congiunta dai capitoli di Toronto delle federazioni degli insegnanti elementari e secondari al Toronto District School Board (TDSB) e Toronto Public Health.

Il passaggio all’apprendimento remoto dopo una vacanza non è senza precedenti. Dopo le due settimane di pausa natalizia, quando la seconda ondata di COVID-19 stava raggiungendo il picco, tutte le scuole della provincia erano su un modello di solo apprendimento remoto fino a quando almeno l’11 gennaio, e le scuole nelle regioni più colpite della provincia non lo fecero completamente curriculum vitae lezioni di persona fino a metà febbraio.

Lunedì il TDSB, il più grande consiglio scolastico dell’Ontario, ha ricordato a presidi e vice presidi della possibilità che le aule, le scuole o l’intero sistema possano essere rapidamente trasferiti all’apprendimento a distanza.

Taryn Diamond, genitore di uno studente della scuola materna del Toronto District School Board, dice che gli insegnanti meritano la pausa scolastica di una settimana. (Doug Husby / CBC)

“Non abbiamo ricevuto alcuna indicazione che le scuole chiuderanno, tuttavia, vogliamo assicurarci di essere pronti ad attuare qualsiasi decisione in modo fluido ed efficiente per poter continuare a sostenere i nostri studenti”, afferma la lettera, fornita a CBC News da TDSB funzionari.

Casi in aumento

Lunedì, la tendenza media di sette giorni dell’Ontario di nuovi casi quotidiani di COVID-19 ha raggiunto il livello più alto dal 28 gennaio.

Il numero di nuovi casi di COVID-19 nelle scuole dell’Ontario per la scorsa settimana è stato il più alto dall’inizio della pandemia. Le scuole hanno segnalato 1.222 casi tra il personale e gli studenti per la settimana del 22 marzo. Il massimo precedente è stato di 999, la settimana del 14 dicembre, poco prima della chiusura delle scuole per la pausa invernale.

Per i genitori al di fuori di una scuola nel West End di Toronto, l’incertezza intorno alla pausa di aprile è solo l’ultimo evento di un anno tumultuoso.

“Mio figlio è così, così felice di essere a scuola, ma sarebbe così bello per gli insegnanti prendersi una pausa. È stato un anno scolastico per loro”, ha detto Taryn Diamond, che ha un bambino alla scuola materna.

Catherine Barker, anche lei genitrice di una studentessa dell’asilo, ha espresso esasperazione per la gestione del sistema scolastico da parte del governo durante la pandemia.

“Hanno fatto un lavoro così terribile che non sarei sorpreso se ci fossero cose più terribili che stanno facendo, aggiungendo più confusione e più frustrazione per scuole e genitori”, ha detto Barker.

#LOntario #esclude #altro #ritardo #vacanze #primaverili #scolastiche #poiché #casi #COVID19 #aumentano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *