L’Ontario vede 2.169 nuovi casi di COVID-19 come i primi 400 ricoveri in terapia intensiva

Visualizzazioni: 13
0 0
Tempo per leggere:2 Minuto, 45 Secondo

Il premier Doug Ford terrà una conferenza stampa alle 13:00 a Brampton. L’ufficio di Ford dice che sarà raggiunto dal ministro della Salute Christine Elliott.

Potrai guardarlo dal vivo in questa storia.


L’Ontario ha riportato altri 2.169 casi di COVID-19 venerdì, poiché un’agenzia governativa che tiene traccia dei ricoveri ha affermato che i ricoveri in terapia intensiva sono saliti a 401 dopo settimane di un aumento irregolare ma costante.

Critical Care Services Ontario (CCSO) mette insieme un rapporto interno giornaliero su vari aspetti dell’assistenza agli ospedali e alle organizzazioni sanitarie. Secondo l’agenzia, i ricoveri di pazienti COVID-19 in terapia intensiva hanno raggiunto il picco di 420 a metà gennaio, durante la seconda ondata della malattia.

“Ogni giorno la situazione diventa più grave”, ha detto Anthony Dale, presidente dell’Ontario Hospital Association, in un tweet che evidenzia gli ultimi dati.

Si può notare che la cifra del CCSO per i ricoveri in terapia intensiva differisce notevolmente da quella numero segnalato dal Ministero della Salute, attualmente 332. Ciò è dovuto alle differenze nel modo in cui ogni corpo calcola il proprio conteggio.

Nel caso del ministero, i pazienti vengono rimossi dal conteggio dopo due settimane di cura in ospedale, indipendentemente dal fatto che continuino o meno ad occupare un letto. Questo è il motivo per cui i dati del CCSO sono considerati più accurati e vengono quindi utilizzati per la pianificazione dai funzionari dell’ospedale.

La dott.ssa Barbara Yaffe, responsabile medico della salute associato dell’Ontario, ha affermato ieri che le varianti del virus preoccupanti stanno aumentando il conteggio dei casi e i ricoveri negli ospedali e nelle cure critiche.

“I casi giornalieri aumentano, i ricoveri e i ricoveri in terapia intensiva”, ha detto Yaffe ai media. “Come [variants] assumono il ruolo di ceppi predominanti, la preoccupazione è che il tasso di infezione aumenterà “.

CBC News ha riferito questa mattina che il tavolo consultivo scientifico COVID-19 della provincia prevede di pubblicare una nuova analisi che ha rilevato che le varianti di preoccupazione raddoppiano il rischio che qualcuno venga ricoverato in terapia intensiva, rispetto ai ceppi dominanti che circolavano in precedenza durante la pandemia.

Le varianti aumentano anche il rischio di morire a causa della malattia, dice il tavolo della scienza. Il gruppo di esperti in malattie infettive consiglia il governo dell’Ontario sulla sua risposta alla pandemia.

I medici, in particolare quelli che lavorano nella Greater Toronto Area e nelle regioni circostanti, riferiscono che la distribuzione per età dei pazienti ricoverati negli ospedali continua a distorcere i giovani. Anche quei pazienti più giovani sembrano esserlo forme più gravi di COVID-19 rispetto a persone di età simile all’inizio della pandemia, dicono i medici.

La tendenza è in parte guidata anche dalle vaccinazioni in corso per i residenti più anziani della provincia.

Nel frattempo, i nuovi casi segnalati oggi includono 682 a Toronto, 397 nella regione di Peel, 254 nella regione di York, 129 a Ottawa, 123 a Durham e 122 a Hamilton.

Vengono quando i laboratori hanno completato 53.436 test per SARS-CoV-2, il virus che causa COVID-19, e hanno registrato una positività del test del 3,8%.

La media di sette giorni di casi giornalieri è salita a 1.855, segnando 11 giorni consecutivi di aumenti.

E c’è dell’altro.

#LOntario #vede #nuovi #casi #COVID19 #primi #ricoveri #terapia #intensiva

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *