L’uomo di Calgary ha ucciso la madre, il patrigno una settimana dopo aver ucciso la fidanzata, ha detto il giudice in segno di supplica

Visualizzazioni: 17
0 0
Tempo per leggere:4 Minuto, 9 Secondo

Una settimana dopo che Dustin Duthie ha tagliato la gola della sua ragazza e poi le ha nascosto il corpo nel letto come se stesse dormendo, ha pugnalato a morte sua madre e il patrigno mentre la polizia stava progettando di interrogare l’assassino sulla scomparsa del suo partner.

Questi sono alcuni dei dettagli contenuti in una dichiarazione concordata dei fatti depositata martedì presso la Corte dell’Alberta di Queen’s Bench come parte della dichiarazione di colpevolezza di Duthie, arrivata inaspettatamente pochi giorni prima che il processo con giuria si svolgesse.

Duthie, 27 anni, si è dichiarato colpevole di due capi di omicidio di secondo grado per la morte della sua ragazza, Taylor Toller, e della madre, Shawn Boshuck, e un conteggio di omicidio di primo grado per l’uccisione pianificata del suo patrigno, Alan Pennylegion.

Toller, 25 anni, è stata uccisa nel suo appartamento nel quartiere sud-est di Calgary di Applewood Park il 25 luglio 2018.

Boschuk e Pennylegion furono assassinati una settimana dopo, il 31 luglio, nella loro casa nel nord-ovest di Calgary. Duthie viveva nel loro seminterrato.

La violenza domestica “può capitare a chiunque”

La famiglia di Toller ha rilasciato una dichiarazione martedì, esprimendo il proprio dolore e condannando la violenza domestica.

“Abbiamo amato molto Taylor”, ha detto la famiglia. “L’opportunità di vederla crescere e prosperare è stata presa dalla sua famiglia, e abbiamo il cuore spezzato.

“La violenza domestica è insidiosa e può capitare a chiunque. Se hai un amico o una persona cara a rischio, sappi che possono essere necessari molti tentativi per andarsene e il momento più pericoloso può essere dopo che la decisione è stata presa”.

Secondo la dichiarazione dei fatti concordata, il giorno prima che Boschuk e suo marito fossero uccisi, ha inviato un messaggio alla nonna di Toller esprimendo preoccupazione per come avrebbe reagito suo figlio alla polizia che lo aveva contattato per la scomparsa della giovane donna.

Duthie ha pugnalato sua madre sei volte dalla porta sul retro della sua casa e poi l’ha trascinata attraverso la stanza e l’ha coperta con un telo di plastica.

La polizia ha stabilito che Pennylegion si era alzata dal letto per trovare Duthie che puliva il sangue in cucina. Fu allora che fu attaccato.

Duthie ha ammesso di aver ucciso la sua ragazza da cinque anni, Taylor Toller, 25 anni, sua madre, Shawn Boshuck, e il suo patrigno, Alan Pennylegion. (Da sinistra: pagina Facebook di Taylor Toller / pagina Facebook di Shawn Boshuck / in dotazione)

Duthie ha pugnalato Pennylegion ripetutamente e lo ha trascinato nel bagno del piano principale con il suo cane, Odie, che ha anche ucciso.

Nel corso degli anni, Duthie aveva minacciato di violenza contro il suo patrigno, e i due avevano una relazione tesa, afferma la dichiarazione dei fatti.

Duthie ha chiamato i servizi di emergenza solo prima delle 11 di mattina del 31 luglio e ha confessato gli omicidi.

È stato allora che la polizia ha scoperto i tre corpi nelle due case. Toller è stata trovata nel suo letto.

Duthie e Toller stavano insieme da cinque anni.

Toller piange ore prima della morte: video

Il video di sicurezza dal condominio di Toller, raccolto come parte delle indagini, mostra Toller e Duthie insieme il giorno prima e la mattina della sua morte.

La coppia è stata vista andare e venire dall’appartamento di Toller all’Applewood Park, a volte tenendosi per mano.

Poco dopo mezzanotte, Duthie ha puntato un coltello su Toller e ha portato via il suo cellulare. Le immagini fisse catturate dal video mostrano Toller che piange.

Tra mezzanotte e le 4 del mattino, i due sono stati visti entrare e uscire dal condominio quattro volte.

Alle 5:14 del mattino del 26 luglio, Duthie lasciò l’appartamento da solo, portando una borsa nera e tirando un “letto in una scatola”. Chiuse la porta dietro di sé.

Alla fine la polizia ha trovato un asciugamano macchiato di sangue nel “letto in una scatola” nel bagagliaio dell’auto di Duthie.

Toller è stata uccisa ore dopo che questa immagine fissa la mostrava piangere nel corridoio del suo appartamento dopo che Duthie le aveva puntato un coltello. (Mostra di corte)

L’ultima comunicazione di Boschuk con qualcuno è stata un messaggio di testo inviato a un amico alle 05:53 del 31 luglio.

Duthie ha ucciso sua madre e Pennylegion tra le 6:00 e le 10:40, quando si è fermato a comprare alcolici vicino all’appartamento di Toller.

Alle 10:50, Duthie ha chiamato i servizi di emergenza e ha confessato tutti e tre gli omicidi. Quando è arrivata la polizia, è diventato chiaro che Duthie stava contemplando il “suicidio da parte della polizia”.

È stato arrestato circa 30 minuti dopo l’arrivo degli agenti.

Nella cartella nera di Duthie, la polizia ha sequestrato un coltello da sei pollici con nastro da hockey bianco sul manico. Era coperto del sangue di Pennylegion.

Una data per la condanna sarà fissata venerdì.

#Luomo #Calgary #ucciso #madre #patrigno #una #settimana #dopo #aver #ucciso #fidanzata #detto #giudice #segno #supplica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *