Massiccia nave cisterna bloccata nel Canale di Suez, bloccando la rotta di navigazione più trafficata del mondo

Visualizzazioni: 14
0 0
Tempo per leggere:5 Minuto, 4 Secondo

Una nave portacontainer delle dimensioni di un grattacielo incuneata attraverso il Canale di Suez in Egitto e che blocca tutto il traffico nel corso d’acqua vitale è stata parzialmente rimessa a galla, un segnale incoraggiante per le dozzine di navi in ​​retromarcia in attesa del loro turno per passare.

La MV Ever Given, una nave battente bandiera di Panama che trasporta merci tra l’Asia e l’Europa, si è arenata martedì nello stretto canale artificiale che divide l’Africa continentale dalla penisola del Sinai. Le immagini mostravano che la prua della nave toccava il muro orientale, mentre la sua poppa sembrava conficcata contro il muro occidentale.

Mercoledì i rimorchiatori si sono sforzati per cercare di eliminare l’ostruzione mentre le navi che speravano di entrare nel corso d’acqua hanno iniziato ad allinearsi nel Mediterraneo e nel Mar Rosso. I funzionari hanno detto mercoledì che la nave è stata “parzialmente rimessa a galla” ma fino a mercoledì mattina in Nord America, stava ancora bloccando la strada.

Non è chiaro quando riaprirà la rotta, attraverso la quale scorre circa il 10 per cento del commercio mondiale e che è particolarmente cruciale per il trasporto del petrolio. Un funzionario ha avvertito che potrebbero volerci almeno due giorni.

“Il Canale di Suez non risparmierà alcuno sforzo per garantire il ripristino della navigazione e per servire il movimento del commercio globale”, ha promesso il tenente generale Ossama Rabei, capo dell’autorità del canale di Suez.

Bernhard Schulte Shipmanagement, che gestisce l’Ever Given, ha detto che tutti i 20 membri dell’equipaggio erano al sicuro e che non c’erano state “segnalazioni di feriti o inquinamento”.

I venti forti una possibile causa

Non è stato immediatamente chiaro cosa abbia causato l’incuneamento del Ever Given martedì mattina. GAC, una società di spedizione e logistica globale, ha affermato che la nave ha subito un blackout, senza elaborare.

Bernhard Schulte, tuttavia, negò che la nave avesse mai perso potenza.

Evergreen Marine Corp., un’importante compagnia di navigazione con sede a Taiwan che gestisce la nave, ha dichiarato in una dichiarazione che la Ever Given era stata sopraffatta da forti venti mentre entrava nel canale dal Mar Rosso, ma nessuno dei suoi container era affondato.

Un funzionario egiziano, che ha parlato con l’Associated Press in condizione di anonimato perché non era autorizzato a informare i giornalisti, ha accusato allo stesso modo un forte vento. I meteorologi egiziani hanno detto che i venti forti e una tempesta di sabbia hanno afflitto l’area martedì, con raffiche di vento fino a 50 chilometri all’ora.

Tuttavia, non era chiaro come il vento da solo sarebbe stato in grado di spingere una nave a pieno carico del peso di circa 200.000 tonnellate. In genere, i piloti egiziani prendono in consegna le navi che passano attraverso il canale, ma non è stato immediatamente chiaro se ciò fosse accaduto con l’Ever Given.

Un’immagine pubblicata su Instagram da un utente su un’altra nave da carico in attesa sembrava mostrare l’Ever Given incuneato attraverso il canale, come mostrato nelle immagini e nei dati satellitari. Sembrava che un retroescavatore stesse scavando nel banco di sabbia sotto la sua prua nel tentativo di liberarlo.

La nave si è arenata a circa sei chilometri a nord dell’imboccatura meridionale del canale, vicino alla città di Suez, un’area del canale a una sola corsia.

Ciò potrebbe avere un grande effetto a catena sul trasporto marittimo globale che si sposta tra il Mar Mediterraneo e il Mar Rosso, ha avvertito Salvatore R. Mercogliano, ex marinaio mercantile e professore associato di storia alla Campbell University della Carolina del Nord.

“Ogni giorno, in media 50 navi attraversano quel canale, quindi la chiusura del canale significa che nessuna nave transita da nord a sud”, ha detto Mercogliano all’AP. “Ogni giorno il canale è chiuso … le navi portacontainer e le petroliere non trasportano cibo, carburante e manufatti in Europa e le merci non vengono esportate dall’Europa all’Estremo Oriente”.

La nave sembra aver perso potenza, sterzo

Secondo il fornitore di servizi di canale Leth Agencies, circa 30 navi stavano già aspettando al Great Bitter Lake dell’Egitto a metà del canale, mentre circa 40 giacevano al minimo nel Mediterraneo vicino a Port Said e altre 30 a Suez nel Mar Rosso.

Si temeva che le navi inattive nel Mar Rosso potessero essere bersagli dopo una serie di attacchi contro la navigazione nel Medio Oriente tra le tensioni tra Iran e Stati Uniti

“Tutte le navi dovrebbero prendere in considerazione l’adozione di una posizione di maggiore vigilanza se costrette a rimanere statiche nel Mar Rosso o nel Golfo di Aden”, ha avvertito la società di intelligence marina privata Dryad Global.

La chiusura potrebbe anche influenzare le spedizioni di petrolio e gas in Europa dal Medio Oriente. Il prezzo del greggio Brent benchmark internazionale è balzato di quasi il 2,9% a 62,52 $ al barile mercoledì. Il benchmark petrolifero nordamericano, West Texas Intermediate, ha guadagnato circa $ 1,50 scambiando poco meno di $ 60 al barile.

La Ever Given, costruita nel 2018 con una lunghezza di quasi 400 metri e una larghezza di 59 metri, è tra le navi da carico più grandi del mondo. Può trasportare circa 20.000 container alla volta. In precedenza era stato nei porti della Cina prima di dirigersi verso Rotterdam nei Paesi Bassi.

Questa immagine satellitare di Reuters mostra l’Ever Green, cerchiato vicino alla parte superiore dello schermo, e la crescente collezione di navi che si accumulano nel Mar Rosso, in attesa che la nave si sblocchi per poter attraversare il Mediterraneo. (Reuters)

Lo spiaggiamento martedì segna solo l’ultimo a colpire i marinai in mezzo alla pandemia. Centinaia di migliaia sono rimasti bloccati a bordo delle navi a causa delle restrizioni COVID-19. Nel frattempo, le richieste sulla navigazione sono aumentate, aumentando la pressione sui marinai stanchi, ha detto Mercogliano.

“È a causa del ritmo vertiginoso della spedizione globale in questo momento e la spedizione ha un programma molto serrato”, ha detto. “Aggiungete ad esso che i marinai non sono stati in grado di salire e scendere dalle navi a causa delle restrizioni COVID”.

#Massiccia #nave #cisterna #bloccata #nel #Canale #Suez #bloccando #rotta #navigazione #più #trafficata #del #mondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *