Nessun dettaglio: il ministro dell’Energia dell’Alberta annuncia la data per l’inizio delle consultazioni sul carbone

Visualizzazioni: 16
0 0
Tempo per leggere:3 Minuto, 24 Secondo

Alberta afferma che le consultazioni pubbliche sui suoi piani per espandere l’estrazione del carbone inizieranno il 29 marzo, ma non c’è ancora una decisione su come andranno avanti.

“Ho incaricato i miei funzionari di dipartimento di portare avanti un piano di consultazione completo che è di Albertans e per Albertans”, ha detto martedì il ministro dell’Energia Sonya Savage in un comunicato.

“I dettagli del processo saranno annunciati prima dell’inizio delle consultazioni”.

“Un processo rapido e sporco”

Un critico ha affermato che qualsiasi feedback raccolto dallo stesso dipartimento che ha incoraggiato l’espansione del settore probabilmente non andrà abbastanza lontano.

“Alberta Energy ha perso molta fiducia nei suoi rapporti con la questione del carbone”, ha affermato Katie Morrison della Canadian Parks and Wilderness Society.

“Sembra un po ‘come un processo rapido e sporco per tornare all’attività con cui hanno iniziato.”

Una moderna politica del carbone proteggerà le aree amate dagli Albertani, consentendo allo stesso tempo uno sviluppo responsabile delle risorse nei luoghi appropriati.– Ministro Sonya Savage, dichiarazione

La scorsa primavera, il governo conservatore unito ha revocato una politica che aveva protetto le Montagne Rocciose e le loro pendici orientali dalle miniere di carbone a cielo aperto sin dal 1976. La decisione è stata presa il venerdì prima di un lungo fine settimana senza preavviso o intervento pubblico.

L’opposizione si sviluppò e si diffuse fino a includere i sindaci delle piccole città, le First Nations, personaggi dello spettacolo popolare e un ampio spettro di Albertani.

Più di 100.000 firme sono state raccolte su petizioni contro l’estrazione del carbone in uno dei paesaggi più amati ed ecologicamente importanti della provincia.

All’inizio di questo mese, Savage ha ripristinato la politica e ha promesso che ci sarebbe stato un contributo pubblico all’estrazione del carbone. Non verranno più venduti contratti di locazione sui terreni più vulnerabili, ha detto.

Sei società detengono ancora i permessi di esplorazione che consentono centinaia di nuovi siti di perforazione e chilometri di strade nuove e ristrutturate su terreni precedentemente incontaminati. E la promessa di Savage di bloccare le miniere di rimozione delle cime delle montagne – che rimuovono un picco per esporre il carbone – non influisce sulla proposta di fare esattamente questo vicino al Passo Crowsnest.

Quel piano di Benga Mining Ltd., una filiale di una società australiana, è attualmente all’esame di un’audizione ambientale.

Né il ripristino della politica del carbone garantisce che le Montagne Rocciose non vedranno miniere a cielo aperto o a cielo aperto.

Nessun divieto assoluto di estrazione di superficie

Savage ha solo affermato che le miniere su paesaggi sensibili “non devono comportare la rimozione delle cime delle montagne”. Nella sua direttiva al regolatore energetico della provincia, ha affermato che l’estrazione di superficie non è vietata, ma “normalmente non sarebbe considerata”.

Martedì, Savage ha dichiarato: “Con il contributo degli Albertani, una moderna politica del carbone proteggerà le aree che gli Albertani amano, consentendo allo stesso tempo uno sviluppo responsabile delle risorse nei luoghi appropriati”.

Morrison ha detto che il governo avrebbe dovuto chiedere prima agli Albertani di cosa volevano parlare riguardo alle pendici orientali.

“La gente ha detto di volere una nuova visione per questa regione”, ha detto. “Questo deve andare oltre una politica del carbone”.

Il critico ambientale del NDP Marlin Schmidt ha detto che il suo partito è favorevole al divieto di tutte le miniere di carbone nelle aree più sensibili.

L’estrazione mineraria in altre aree potrebbe essere considerata nel contesto dei piani di utilizzo del suolo e degli effetti cumulativi sulla terra e sull’acqua, ha affermato.

“Su questa proposta ci consulteremmo con gli Albertani e adempiremo al dovere costituzionale di consultare tutte le comunità indigene interessate”.

Altri osservatori hanno sottolineato che sarà importante sapere quale peso verrà dato alle consultazioni del governo.

Nigel Bankes, professore di diritto delle risorse presso l’Università di Calgary, ha affermato che le consultazioni sull’uso del suolo come quelle che rientrano nei piani regionali hanno forza di legge dietro di loro. Savage non ha dato tali garanzie martedì.

Nel comunicato stampa mancava anche qualsiasi accenno alla consultazione delle Prime Nazioni.

#Nessun #dettaglio #ministro #dellEnergia #dellAlberta #annuncia #data #linizio #delle #consultazioni #sul #carbone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *