NHL esprime preoccupazione per la situazione del protocollo COVID-19 di Canucks

Visualizzazioni: 6
0 0
Tempo per leggere:1 Minuto, 11 Secondo

Il vice commissario della NHL afferma che l’epidemia di COVID-19 di Vancouver Canucks è preoccupante, ma rimane fiducioso che la squadra sarà in grado di completare il suo programma.

In una e-mail alla Canadian Press, Bill Daly afferma che i numeri dei Canucks sono “preoccupanti dal punto di vista della salute e della sicurezza, non necessariamente dal punto di vista della programmazione”.

Daly dice che la lega crede che i Canucks torneranno e concluderanno il loro programma di 56 partite.

Daly dice anche che la lega non cambierà i suoi protocolli COVID all’indomani della situazione dei Canucks.

GUARDA | Canucks messi da parte da COVID-19:

I Vancouver Canucks hanno cancellato diversi giochi in arrivo dopo che un’epidemia di COVID-19 ha colpito almeno la metà del roster della squadra. 1:59

Martedì scorso è tornato il test positivo dell’attaccante Adam Gaudette, ma le prove sono continuate senza di lui e poi lo skate mattina di mercoledì scorso è andato avanti.

Sedici dei 22 giocatori del roster attivo dei Canucks erano nella lista del protocollo della NHL a partire da domenica.

Un giocatore nell’elenco del protocollo COVID-19 non è necessariamente risultato positivo, ma il campionato richiede che le persone con test positivi si autoisolino per 10 giorni e che i contatti stretti si autoisolino per due settimane.

A Vancouver sono state rinviate quattro partite a causa del virus.

#NHL #esprime #preoccupazione #situazione #del #protocollo #COVID19 #Canucks

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *