No Fun NHL? Le restrizioni aiutano i giocatori ad apprezzare di più l’hockey

Visualizzazioni: 27
0 0
Tempo per leggere:3 Minuto, 21 Secondo

Invece di uscire a cena con la fidanzata dopo essere tornato a casa dagli allenamenti, Brandon Carlo porta i suoi cani a fare lunghe passeggiate per uscire di casa e godersi un po ‘di aria fresca.

“È bello che io possa ancora fare quelle cose”, ha detto il difensore di Boston.

I giocatori di NHL e le loro famiglie sono limitati nelle cose che possono fare in questa stagione dai protocolli del coronavirus progettati per tenerli al sicuro e giocare in pista, e quelle regole vanno oltre gli altri campionati. Non ci sono ristoranti approvati dalla NHL da frequentare sulla strada come nell’NBA, ei giocatori sono limitati alla loro casa o all’hotel della squadra e alla pista tranne che per le emergenze, quindi non c’è molto da fare al di fuori del gioco dell’hockey.

“L’hockey è la nostra vita, di sicuro”, ha detto Kevin Hayes di Philadelphia. “È quello per cui veniamo pagati. È il modo in cui ci guadagniamo da vivere. Ma ora che in realtà non puoi fare nient’altro, ti fa sicuramente apprezzare di più.”

Non è mai stato così facile per i giocatori dire che lo stanno facendo per amore del gioco, soprattutto dato che il 20% dei loro stipendi è tenuto in garanzia e il 10% differito agli anni futuri a causa di perdite di entrate pandemiche. A febbraio sono già stati aggiornati protocolli rigidi per “raccomandare fortemente che i membri della famiglia limitino le loro attività discrezionali fuori casa” e incoraggiare cose come la spesa e la consegna di cibo per ridurre il contatto pubblico.

Limitare un po ‘di libertà personale, dicono i giocatori, è un prezzo utile da pagare per arrivare a guadagnare uno stipendio a sei o sette cifre.

‘Molto meglio della vita da bolla’

“E ‘dura, un po’, ma siamo così fortunati ad essere in grado di entrare in pista e fare ciò che amiamo fare e lavorare”, ha detto il capitano di Edmonton e capocannoniere della lega Connor McDavid. “Non ce lo dimentichiamo.”

È ancora un’esistenza innaturale, limitata alla pista e all’hotel sulla strada e incoraggiata a non uscire di casa per il resto del tempo. Tuttavia, come ha sottolineato Tyler Johnson, attaccante del Tampa Bay vincitore della Stanley Cup, “Questo è molto meglio della vita da bolla” necessaria per completare i playoff del 2020.

GUARDA | 9 folli serie NHL in 90 secondi:

Questa stagione ha visto sia i giocatori che le squadre tirare fuori serie impressionanti, ma come ci mostra Rob Pizzo questa non è una novità. 1:57

Ora, è più un atto di bilanciamento per i giocatori, che sanno cosa si stanno perdendo e hanno gli occhi puntati sul premio in questa stagione.

“Ti mancano decisamente i momenti, soprattutto con i nuovi ragazzi, di poter uscire a cena, bere un paio di drink e interagire anche con i loro coniugi”, ha detto Carlo. “Questo è decisamente mancato ed è stato un duro aggiustamento, ma per la maggior parte dell’anno, mi sento come se fossimo abbastanza legati all’hockey e vogliamo solo riposarci quando possiamo. In quei giorni liberi, diventa decisamente più lungo. “

Il capitano di Calgary Mark Giordano ha dichiarato: “Cercare di trovare modi per spezzare la giornata è la sfida numero 1” di questa stagione. Nicklas Backstrom di Washington ha detto che le attività variano per passare il tempo da solo nelle camere d’albergo: “Ci sono videogiochi, film, cose del genere. Devi solo adattarti, penso, per ora”.

Regola ma non lamentarti. McDavid e Giordano hanno detto che non ci sarà nulla di tutto ciò, dato il caos che il virus ha causato alla vita e al lavoro in tutto il mondo. E l’attenzione sull’hockey non è poi così male con così tanti giochi racchiusi in un programma condensato.

“Siamo così impegnati con le partite a giorni alterni, quindi molte volte stiamo solo cercando di prepararci per quello successivo e di far riposare e recuperare il tuo corpo”, ha detto Johnson. “Anche se potessimo fare qualcosa, non so quanto lo saremmo davvero.”

#Fun #NHL #restrizioni #aiutano #giocatori #apprezzare #più #lhockey

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *