Perché dobbiamo ripensare al rischio COVID-19 mentre il tempo si riscalda

Visualizzazioni: 19
0 0
Tempo per leggere:8 Minuto, 21 Secondo

Questo è un estratto da Second Opinion, una raccolta settimanale di notizie sulla salute e la scienza medica inviate per e-mail abbonati ogni sabato mattina. Se non ti sei ancora iscritto, puoi farlo facendo clic Qui.


È passato quasi un anno “Resta a casa. Non fare nulla. Salva vite.” E le persone sono stanche.

La stanchezza pandemica si è trasformata in irrequietezza pandemica poiché il tempo mostra segni di miglioramento e i vaccini vengono gradualmente diffusi in tutto il paese.

La speranza è all’orizzonte, ma se la primavera scorsa è un predittore di ciò che ci aspetta, possiamo aspettarci di vedere i canadesi affluire all’aperto in cerca di modi sicuri per riunirsi con l’aumento delle temperature.

E con una buona ragione.

Dopo un’ondata di casi dopo le vacanze, il Canada ha visto a calo significativo dei livelli di COVID-19 in tutto il paese a seguito di blocchi nelle regioni colpite, anche con temperature rigide che spingono le persone al chiuso e diffusione di varianti più contagiose.

Man mano che sempre più persone vengono vaccinate, i casi (si spera) continuano a diminuire e la società riapre lentamente, potrebbe essere il momento di spostare i nostri messaggi lontano dalle rigide linee guida di salute pubblica valide per tutti.

Non c’è dubbio che le persone vorranno riunirsi di più man mano che il tempo migliora, e gli esperti dicono che dovremmo passare da un approccio di astinenza a uno di riduzione del danno. (Evan Mitsui / CBC)

Consenti piccoli rischi per contrastare la fatica

Gli esperti dicono che i funzionari devono iniziare a cambiare i loro messaggi e stabilire parametri realistici per socializzare in sicurezza nei prossimi mesi o rischiano di perdere la stanza o, peggio, spingere le persone a comportamenti più pericolosi.

Il dottor Zain Chagla, un medico di malattie infettive presso il St. Joseph’s Healthcare di Hamilton, Ontario, afferma che le linee guida devono cambiare in Canada per educare le persone su come vedere i propri amici e familiari in sicurezza.

“Ora che la trasmissione è interrotta, dobbiamo iniziare a fare alcune discussioni sui compromessi”, ha detto.

“Riesci davvero a pensare realisticamente che le persone possano aspettare a casa senza alcuna interazione al di fuori della loro famiglia per altri tre mesi? O puoi almeno iniziare a dare la priorità e costruire cose a basso rischio, in modo da dare alle persone un senso di normalità? ”

Dice Chagla recenti reazioni negative alle attività all’aperto come lo slittino e le piste di pattinaggio rispecchiano le preoccupazioni all’inizio della pandemia, quando raduni all’aperto in luoghi come i parchi erano considerati pericolosi anche senza prove di trasmissione.

In Ontario, le prenotazioni per i parchi provinciali sono aumentate in previsione di mesi più caldi, quasi raddoppiati nelle prime settimane di quest’anno. Anche gli affitti di cottage sono molto richiesti, con prenotazioni a livelli mai visti prima.

Trovare modi pratici per alleviare l’affaticamento pandemico e consentire un certo livello di interazione sicura nelle prossime settimane e mesi sarà essenziale per mantenere il Canada su una traiettoria discendente con i livelli di COVID-19. (Evan Mitsui / CBC)

Non c’è dubbio che le persone vorranno riunirsi di più man mano che il tempo migliora, e gli esperti dicono che dovremmo passare da un approccio di astinenza a uno di riduzione del danno.

“Se offrissi alle persone l’opportunità di fare le cose in modo appropriato all’esterno, quanti casi salveresti dall’attività indoor?” disse Chagla.

“Se permetti loro di correre quel piccolo rischio, stai impedendo alle persone che si affaticheranno e dirai: ‘Bene, ho solo intenzione di avere la mia famiglia, siamo stati bene, ci siamo isolati per settimane, me lo merito, “e poi trasmettere COVID in questo modo”.

Fuori è meglio che dentro

Trovare modi pratici per alleviare l’affaticamento pandemico e consentire un certo livello di interazione sicura nelle prossime settimane e mesi sarà essenziale per mantenere il Canada su una traiettoria discendente con i livelli di COVID-19.

“Le persone sono stanche dei sacrifici che hanno fatto, e per la loro salute mentale e fisica vogliono vedere altre persone e vogliono socializzare”, ha detto Linsey Marr, un esperto di trasmissione aerea di virus presso Virginia Tech.

“Farlo all’aperto è un rischio molto basso se eviti la conversazione faccia a faccia con le persone, mantieni le distanze ed eviti la folla”.

Il professor Linsey Marr dice che andare a fare una passeggiata fianco a fianco, prendere una lezione di ginnastica o anche bere una birra con gli amici sono tutti relativamente sicuri all’aperto quando vengono mantenuti più di due metri di spazio. (Ben Nelms / CBC)

Marr dice che andare a fare una passeggiata fianco a fianco, prendere una lezione di ginnastica o anche bere una birra con gli amici sono tutti relativamente sicuri all’aperto quando vengono mantenuti più di due metri di spazio.

Una nuova ricerca dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie mostra il rischio delle attività indoor quando non vengono prese le dovute precauzioni.

Alle Hawaii, 21 casi sono stati collegati a un istruttore di fitness durante una lezione in cui erano in atto misure di distanza fisica, ma le maschere non erano indossate e il flusso d’aria non era prioritario.

Una situazione simile si è verificata a Chicago, dove 55 persone sono state infettate da COVID-19 dopo aver frequentato lezioni di ginnastica indoor nonostante le distanze fisiche e l’uso di maschere.

L’elemento mancante in entrambi questi focolai era la ventilazione.

“Dovremmo aprire gli spazi del parco, dovremmo incoraggiare le attività all’aperto in cui le persone possono riunirsi e riunirsi in sicurezza e conversare e parlare e stare semplicemente con le persone”, ha detto Bromage

“Riconoscendo che vi è un piccolo rischio ad esso associato, ma è meglio dell’alternativa”.

“Diventa creativo” con i messaggi sulla salute pubblica

Timothy Caulfield, una cattedra canadese di ricerca in diritto e politica sanitaria presso l’Università di Alberta a Edmonton, ha detto che i funzionari della sanità pubblica stanno camminando sul filo del rasoio nel comunicare le linee guida della salute pubblica nei prossimi mesi.

“Dobbiamo capire i modi in cui possiamo permettere alle persone di vivere la loro vita, assicurandoci comunque di ridurre il rischio”, ha detto. “E penso che dobbiamo coinvolgere le persone come parte della soluzione”.

Un recente articolo di ricerca pubblicato su SAGE ha intervistato diverse centinaia di cittadini italiani e francesi sotto stretta sorveglianza e ha scoperto che c’era molta meno adesione alle linee guida di salute pubblica quando la preoccupazione delle persone per COVID-19 era in calo, insieme alla loro fiducia nei funzionari.

GUARDA | Affrontare lo stress in questa parte della pandemia:

La distanza fisica può salvare vite umane e proteggere la salute delle persone in caso di pandemia, ma ha i suoi impatti sulla salute. Con l’isolamento e l’apprensione arrivano l’insonnia e lo stress. E l’avvento di nuove varianti di virus e il lento progresso delle vaccinazioni stanno peggiorando le cose. 2:01

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha rilasciato delle linee guida per combattere la stanchezza pandemica, focalizzata sulla comprensione delle persone, permettendo loro di vivere la loro vita riducendo i rischi, impegnandosi con loro per trovare una soluzione e riconoscere l’impatto della pandemia sulle loro vite.

Caulfield afferma che i funzionari devono far evolvere i loro messaggi con la ricerca scientifica emergente ed evitare di essere esclusi dal pubblico stabilendo linee guida realistiche per interagire in sicurezza.

“Dobbiamo riconoscere che stiamo davvero arrivando a un punto in cui ci sarà un profondo compiacimento”, ha detto.

“C’è una profonda stanchezza, e non solo stanchezza per il blocco. Penso che ci sia stanchezza per i messaggi – le persone sono stufi di sentire queste cose. Quindi penso che dobbiamo essere creativi”.

Le varianti aumentano il rischio di non conformità

Erin Bromage, professore di biologia e immunologa presso l’Università del Massachusetts Dartmouth che studia le malattie infettive, ha affermato di essere preoccupato che la trasmissione possa presto salire alle stelle a causa dell’aumento delle interazioni con il clima caldo a causa della diffusione delle varianti.

“Stiamo andando a marzo molto presto, e marzo è quando la pandemia è decollata davvero lo scorso anno”, ha detto. “Sto trattenendo il respiro, sperando solo che non sia una ripetizione del 2020 vista la mobilità mutevole che deriva dal tempo”.

I livelli di COVID-19 hanno è aumentato di circa il cinque per cento a livello globale nell’ultima settimana, dopo una significativa flessione dall’inizio dell’anno, con i recenti rialzi parti del Canada e gli Stati Uniti riguardo ai funzionari.

“Quello che viene dopo è davvero incerto. Torniamo indietro di nuovo? Restiamo a questo livello?” disse Bromage. “Nessuno lo sa veramente.”

Chagla dice che dobbiamo dare alle persone più attività a basso rischio da svolgere insieme nel prossimo futuro, o rischiare che le persone nascondano le loro interazioni tra loro a porte chiuse.

“Una chiamata Zoom rispetto a vedere un amico molto intimo con una maschera nel parco è leggermente più rischioso”, ha detto. “Ma penso che usarlo per alleviare la fatica sia probabilmente molto meglio delle implicazioni di tenere le persone a casa”.

GUARDA: L’impatto dello stress, a un anno dall’inizio della pandemia COVID-19:

Un medico e uno psichiatra parlano dell’impatto che lo stress sta avendo sulla salute mentale e fisica un anno dopo la pandemia COVID-19 e quali potrebbero essere gli effetti a lungo termine. 6:10

Caulfield afferma che i funzionari devono rivalutare i messaggi di salute pubblica e spiegare chiaramente alle persone cosa è sicuro e cosa non lo è.

“Voglio vedere consigli su cosa possono fare fuori adesso e su come possono godersi il tempo”, ha detto. “Diamo una svolta positiva a questo, facendo loro sapere che ci sono passi che possono essere presi”.

Con l’emergere di varianti, Chagla afferma che il rischio che le persone abbassino la guardia ora è incredibilmente alto.

“Devi portare le persone dalla tua parte per i prossimi mesi”, ha detto Chagla. “E realisticamente offrire loro cose, piuttosto che portargli via, sarà il modo per farlo”.


Per leggere l’intera newsletter di Second Opinion ogni sabato mattina, iscriviti entro cliccando qui.



#Perché #dobbiamo #ripensare #rischio #COVID19 #mentre #tempo #riscalda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *