Perché il Canada sospende l’uso del vaccino AstraZeneca nelle persone sotto i 55 anni

Visualizzazioni: 13
0 0
Tempo per leggere:6 Minuto, 3 Secondo

Il comitato consultivo canadese sui vaccini raccomanda di sospendere immediatamente l’uso del vaccino AstraZeneca-Oxford COVID-19 nei canadesi sotto i 55 anni, a seguito di segnalazioni di coaguli di sangue rari ma potenzialmente fatali in Europa che sembrano essere collegati allo sparo.

Il Comitato consultivo nazionale sull’immunizzazione (NACI) ha aggiornato le sue linee guida a province e territori contro l’uso del vaccino per i giovani canadesi lunedì per problemi di sicurezza.

Health Canada ha detto lunedì che sono state somministrate 300.000 dosi di vaccino AstraZeneca e che nessun caso di rari eventi avversi della coagulazione del sangue è stato segnalato in Canada, ma che era a conoscenza di ulteriori casi che sono stati recentemente segnalati in Europa.

Quebec e Terranova e Labrador hanno sospeso l’uso del vaccino per chiunque abbia meno di 55 anni, intanto Isola del Principe Edoardo ha inoltre interrotto l’uso dello sparo nei residenti di età compresa tra i 18 ei 29 anni che lavorano direttamente con il pubblico. Si prevede che seguiranno altre province e territori.

“Non si possono ignorare i coaguli di sangue che sono stati associati ad AstraZeneca a livello globale”, ha affermato il dottor Isaac Bogoch, medico specializzato in malattie infettive e membro della task force sul vaccino COVID-19 dell’Ontario.

“Non è del tutto chiaro quale sia la vera incidenza di questo, ma sembra essere un evento raro”.

La NACI lo aveva precedentemente raccomandato all’inizio di questo mese I canadesi over 65 non ricevono il colpo, nonostante emergenti prove da tutto il mondo che dimostrano la sua capacità di prevenire gravi COVID-19 negli anziani.

Ma quella guida è cambiata il 16 marzo dopo che più dati del mondo reale sull’efficacia del vaccino sono stati esaminati dalla NACI e CBC News ha rotto la storia rivelando documenti sui piani del governo federale per consentire ai 65 anni e più di riceverlo.

“Quello che dobbiamo avere è una fiducia continua nel nostro gruppo di esperti di revisione che sta esaminando questi vaccini e decidendo cosa sarà il migliore, il più sicuro e il più efficace per i canadesi”, ha detto Alyson Kelvin, assistente professore alla Dalhousie University e virologo presso il Canadian Centre for Vaccinology.

“Questo è un nuovo vaccino per un nuovo virus, è davvero importante che stiamo seguendo tutti i dati il ​​più da vicino possibile e mentre i vaccini sono in fase di lancio, li stiamo comprendendo di più e rivedendo quale dovrebbe essere la guida”.

Cosa ha portato alla decisione del Canada di sospendere AstraZeneca

La decisione di sospendere l’uso del vaccino nei canadesi sotto i 55 anni arriva dopo Agenzia europea per i medicinali (EMA) ha studiato 25 casi di rari coaguli di sangue su circa 20 milioni di colpi di AstraZeneca somministrati. Il 18 marzo ha concluso che i benefici del vaccino superano di gran lunga i suoi possibili rischi, anche se non è stato possibile escludere un collegamento definitivo.

Ma 18 dei casi in Europa riguardavano un tipo estremamente raro di coagulo di sangue chiamato trombosi del seno venoso cerebrale (CVST), dove le vene che drenano il sangue dal cervello sono ostruite e possono potenzialmente causare sanguinamento fatale.

L’EMA ha detto almeno il 18 marzo nove morti sono stati associati agli eventi avversi in Europa e l’agenzia sta continuando a indagare sulla situazione.

Il regolatore medico tedesco ha dichiarato lunedì all’Associated Press di aver ricevuto segnalazioni di 21 casi di rari coaguli di sangue in persone che avevano recentemente ricevuto il vaccino contro il coronavirus di AstraZeneca.

Il Paul Ehrlich Institute ha anche affermato che sono morte sette persone colpite dai coaguli di sangue. Ha aggiunto che dei 21 casi segnalati in Germania fino al 25 marzo, 12 riguardavano anche un livello anormalmente basso di piastrine nel sangue dei pazienti.

Diciannove dei 21 casi riguardavano donne di età compresa tra 20 e 63 anni, mentre due erano uomini di età compresa tra 36 e 57 anni. Durante il periodo coperto dai rapporti, in Germania sono state somministrate circa 2,27 milioni di prime dosi del vaccino AstraZeneca.

Il dottor Isaac Bogoch ha affermato che la scoperta di una potenziale connessione con il vaccino a coaguli di sangue, in particolare CVST, ha sollevato una “bandiera rossa” che “giustifica ulteriori esplorazioni”. (Cole Burston / The Canadian Press)

Bogoch ha detto che la scoperta di una potenziale connessione con il vaccino a coaguli di sangue, in particolare CVST, ha sollevato una “bandiera rossa” che “giustifica ulteriori esplorazioni”.

“La gente dovrebbe apprezzare che non tutti i coaguli di sangue sono creati allo stesso modo”, ha detto. “Questo è un metodo molto specifico e particolare di coagulazione del sangue che probabilmente ha un’associazione con il vaccino”.

Cosa devono sapere i canadesi sul vaccino AstraZeneca

Il ministero federale della sanità ha affermato che avrebbe emesso termini e condizioni aggiuntivi sull’autorizzazione dei vaccini sia da AstraZeneca che dall’Istituto indiano del siero, inclusa la richiesta ai produttori di condurre valutazioni del rischio in base all’età e al sesso.

Health Canada aveva in precedenza ha aggiornato l’etichetta del vaccino con informazioni sui rari eventi di coagulazione del sangue.

I funzionari sanitari canadesi hanno detto durante una conferenza stampa lunedì che la sindrome specifica è stata chiamata trombocitopenia immunitaria protrombotica indotta da vaccino (VIPIT) e che sono in contatto con funzionari europei al riguardo.

Hanno aggiunto che il Paul Ehrlich Institute avrebbe affermato che VIPIT ha un tasso di incidenza di circa uno su 100.000, con un tasso di mortalità di circa il 40%, sebbene siano necessarie ulteriori ricerche e che il rischio sia ridotto se trattato abbastanza presto.

L’Ontario COVID-19 Science Advisory Table ha pubblicato una guida su VIPIT e ha detto che i canadesi dovrebbero parlare con un operatore sanitario se hanno i seguenti sintomi tra quattro e 20 giorni dopo la vaccinazione:

  • Forte mal di testa che non scompare.
  • Crisi.
  • Difficoltà a muovere una parte del corpo.
  • Nuova visione sfocata che non va via.
  • Difficoltà a parlare.
  • Fiato corto.
  • Dolore al petto.
  • Forte dolore addominale.
  • Nuovo gonfiore grave, dolore o cambiamento di colore di un braccio o di una gamba.

La maggior parte degli incidenti in Europa si è verificata entro 14 giorni dalla ricezione del vaccino AstraZeneca e la maggior parte riguardava donne di età inferiore ai 55 anni. Vale la pena notare che il CVST è tipicamente più comune nelle donne, in particolare durante e dopo la gravidanza, durante il controllo delle nascite e la terapia ormonale sostitutiva.

Germania e Italia hanno ripreso le vaccinazioni con lo sparo il 19 marzo, ma La Francia ha scelto di vaccinare solo gli over 55 con esso dopo aver scoperto diversi casi di CVST. Danimarca e Norvegia hanno sospeso del tutto l’uso del vaccino per almeno tre settimane, intanto Svezia ha ripreso l’uso del vaccino negli over 65.

“La vera domanda qui è: quanto è comune e ci sono fattori di rischio identificabili per questo? In questo modo, potremmo probabilmente continuare a usare questo vaccino nelle persone con rischi molto, molto bassi di avere un coagulo di sangue e vaccinare selettivamente le persone che ne trarrebbe vantaggio “, ha detto Bogoch.

“Se c’è questo rischio, speriamo di avere dati migliori per supportare chi potremmo vaccinare in modo sicuro e selettivo con questo prodotto”.



#Perché #Canada #sospende #luso #del #vaccino #AstraZeneca #nelle #persone #sotto #anni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *