Prodotto con funghi, il micelio colpisce il mercato come sostituto verde della pelle e della plastica

Visualizzazioni: 5
0 0
Tempo per leggere:10 Minuto, 31 Secondo

La scorsa settimana, la stilista britannica Stella McCartney ha svelato un top bustier di “pelle” nera e pantaloni realizzati non con pelle di mucca, ma micelio, che è cresciuto da funghi.

Fino ad ora, se volevi una pelle che non fosse prodotta da animali, probabilmente ti sei dovuto accontentare della “pelle sintetica” di plastica, che ha una serie diversa di problemi ambientali.

Ma un certo numero di grandi marchi, tra cui Stella McCartney, Adidas, Lululemon ed Hermes, in collaborazione con le startup biotecnologiche Bolt Threads e MycoWorks, affermano che entro la fine dell’anno sarai in grado di acquistare più prodotti con pelle realizzata con un altro materiale a base biologica che è cresciuto riciclando i rifiuti.

Il micelio è già sul mercato sotto forma di imballaggi simili a polistirolo, borse “non in pelle”, pavimenti e pannelli acustici fonoassorbenti. È stato anche utilizzato sperimentalmente per costruire strutture più grandi come panchine, bare, compostaggio di servizi igienici e persino edifici.

Ma i produttori stanno ora mirando a scalare i prodotti e le applicazioni a base di micelio, che pubblicizzano come un sostituto più sostenibile per le plastiche derivate dal petrolio come il polistirolo e il vinile, la pelle prodotta con sostanze chimiche aggressive da mucche che bevono acqua e che eruttano metano e anche altri materiali a base biologica come cartone e legno.

In futuro, dicono che potrebbe anche essere utilizzato per realizzare materiali avanzati come la “carta” trasparente o costruire edifici che possono essere attivati ​​per biodegradarsi automaticamente alla fine della loro vita utile.

Cos’è il micelio?

Il micelio è prodotto dai funghi. Sebbene tu possa considerarli come piante, tecnicamente non lo sono e sono più strettamente legati agli animali. (Funghi e animali sono in diversi “regni” ma lo stesso “sovra-regno”, mentre le piante sono in un diverso sovra-regno.)

Potresti associare i funghi ai funghi, ma il micelio è una parte diversa del fungo: la sua rete di radici a crescita rapida, piuttosto che i frutti compatti che conosciamo come funghi.

Cosa rende il micelio più sostenibile dei materiali che sostituisce?

Coloro che usano il micelio pubblicizzano il suo basso impatto ambientale come il suo più grande vantaggio.

Dan Widmaier, CEO di Bolt Threads con sede in California, ha affermato che tra i marchi che collaborano con la sua azienda, il 70% del loro impatto ambientale deriva dai materiali utilizzati.

“In generale, quei materiali devono cambiare se saremo otto miliardi di noi e contiamo sul pianeta”, ha detto Widmaier.

Bolt Threads afferma che la sua pelle a base di micelio, Mylo, emette meno gas serra e utilizza meno acqua e risorse rispetto alla pelle animale.

Dan Widmaier, CEO di Bolt Threads, piega un foglio di Mylo. (Ashley Batz / Bolt Threads)

Alexander Bismarck, professore di chimica dei materiali, e Mitchell Jones, ricercatore post-dottorato presso l’Università Tecnica di Vienna, hanno ha studiato la sostenibilità dei sostituti della pelle derivati ​​da funghi.

Notano che in natura i funghi aiutano il suolo a catturare e immagazzinare il carbonio attraverso le loro relazioni simbiotiche con le piante, rendendo la loro crescita “effettivamente neutra dal punto di vista del carbonio”. Quando vengono coltivati ​​per produrre materiali a base di micelio, possono riciclare rifiuti come residui alimentari e agricoli senza il riscaldamento normalmente richiesto per i processi di produzione.

Questo è in contrasto con l’allevamento di bestiame, che è noto consumare e inquinare l’acqua, utilizzare molta terra e generare gas serra che contribuiscono al cambiamento climatico a un tasso più elevato rispetto alla maggior parte degli altri animali domestici. Con la pelle, vengono utilizzate anche molte sostanze chimiche potenzialmente dannose ed energia per conciare le pelli.

Bismarck ha detto che rispetto a tali materiali di origine animale – così come la plastica – i prodotti a base di micelio forniscono “una significativa riduzione della CO2 o dei gas serra”.

Il micelio è stato persino suggerito come sostituto di altri materiali a base biologica, come cartone, legno o bioplastiche. Jones ha detto che anche molti di questi hanno impatti ambientali negativi, come la necessità di abbattere alberi o una biodegradabilità limitata. “I funghi non hanno davvero questo svantaggio.”

L’imballaggio di micelio è stato commercializzato come sostituto verde del polistirolo. (Confezione di funghi)

Cosa puoi comprare ora che è fatto di micelio?

Negli ultimi dieci anni circa, le aziende biotecnologiche hanno lanciato un piccolo numero di prodotti a base di micelio come:

  • Confezione, progettato per sostituire il polistirolo, da Ecovative Design con sede a New York. Ora è prodotto da partner di produzione negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Europa e in Nuova Zelanda. Dell Technologies e IKEA sono tra coloro che si sono impegnati a utilizzarlo.

  • Bare realizzati dalla startup olandese Loop che non sono solo biodegradabili ma aiutano anche a biodegradare i corpi deposti all’interno.

  • Pavimenti e piastrelle acustiche, che sono venduti dalla società italiana di prodotti di interior design Mogu.

  • Pelle. MYCL, con sede a Bandung, Indonesia, ha collaborato con il marchio di abbigliamento locale BRODO, per il lancio scarpe da ginnastica, sandali, portafogli, etichette per bagagli e cinturini per orologi realizzati con la sua pelle a base di micelio Mylea l’anno scorso.

Due concorrenti statunitensi mirano a rendere la pelle a base di micelio più ampiamente disponibile quest’anno.

  • Filettature dei bulloni (che ha concesso in licenza la sua tecnologia iniziale da Ecovative) avrebbe dovuto consegnare il suo primo prodotto in Mylo, la borsa Driver, ai sostenitori di Kickstarter alla fine dell’anno scorso, ma la consegna è stata ritardata dopo che il lotto prodotto dal suo partner di produzione non soddisfaceva gli standard di qualità. Anche l’azienda annunciato in ottobre che collaborerà con Adidas, Kering, Lululemon e Stella McCartney per lanciare i prodotti Mylo nel 2021 (gli articoli svelati da Stella McCartney questa settimana non sono ancora disponibili per la vendita).

  • MycoWorks con sede a San Francisco annunciato all’inizio di questo mese che aveva collaborato con il marchio di lusso Hermes per realizzare una versione della borsa Victoria che sarà il primo prodotto utilizzando una pelle a base di micelio chiamata Sylvania.

Come viene prodotto e trasformato il micelio in nuovi materiali e prodotti?

Il primo passo è ovviamente quello di coltivarlo. Ciò può essere fatto in un liquido nutriente o su un letto di materiali solidi. Entrambi possono includere prodotti di scarto che vanno dalla melassa nera alla segatura della produzione di mobili.

Ciò che è adatto dipende dalle specie fungine, che possono essere trovate in diversi habitat in natura, ha detto Joe Dahmen, professore associato presso la University of British Columbia School of Architecture, che ha lavorato con materiali a base di micelio per diversi anni.

Ad esempio, i funghi ostrica, con cui lavora, crescono sugli alberi di legno duro ma non sulle conifere. Alcuni dei materiali utilizzati commercialmente includono fibre di cotone o canapa, i nuclei interni degli steli.

Il micelio viene coltivato in sacchi sul lato sinistro di questa serra prima di essere modellato in diverse forme. (AFJD)

I funghi hanno anche bisogno di acqua e sostanze nutritive e sono generalmente tenuti in ambienti a temperatura controllata e umidità per impedire loro di produrre funghi, un materiale completamente diverso che può anche generare spore potenzialmente irritanti. La fruttificazione si verifica in genere quando i funghi pensano che sia autunno, ha detto Dahmen.

I funghi sono in rapida crescita: ci vuole solo una settimana per far crescere il micelio per il confezionamento di funghi e due settimane per Mylo, dicono i loro produttori. Sono spesso coltivati ​​con alti livelli di CO2 per incoraggiarli a crescere verso l’esterno in cerca di ossigeno.

Una volta pronto, il micelio viene solitamente disidratato e lavorato con macchine e prodotti chimici per migliorare la densità, la resistenza, l’elasticità e la consistenza.

Tutto ciò significa che i materiali a base di micelio generalmente non sono micelio puro, ma un “composto”, ha osservato Bismarck. Contengono il materiale su cui è stato coltivato insieme a qualsiasi cosa aggiunta durante la lavorazione.

Widmaier ha detto che fa parte della “salsa segreta” di Mylo. “Cominciamo con il micelio, e poi facciamo di tutto, dall’assicurarci che non marcisca per assicurarci che sia finito in modo appropriato e abbia il colore giusto”.

Bolt Threads avrebbe dovuto consegnare il suo primo prodotto in Mylo, la borsa Driver, ai sostenitori di Kickstarter alla fine dell’anno scorso. Ma la consegna è stata ritardata dopo che il lotto prodotto dal suo partner di produzione non ha soddisfatto gli standard di qualità. (Filettature bulloni)

Il fungo è ancora vivo e può continuare a crescere all’interno dei prodotti?

Per la maggior parte dei prodotti commerciali (tranne che per le bare), il micelio viene trattato termicamente molto prima che raggiunga il cliente al fine di ucciderlo, mantenere la forma prevista del prodotto ed eliminare il rischio che possa formare funghi e allergeni come le spore.

I funghi ostrica crescono da mattoni modellati dal micelio. Sono stati usati per costruire un muro per un’installazione artistica creata da AFJD, lo studio di design di Joe Dahmen e sua moglie, Amber Frid-Jiminez. (AFJD)

Detto questo, alcuni designer, come Dahmen e sua moglie, Amber Frid-Jimenez, cattedra di ricerca canadese in Design e tecnologia presso la Emily Carr University of Art and Design, hanno sperimentato funghi viventi.

“Come architetti e designer, eravamo davvero interessati all’idea di un materiale che potesse aggregarsi e continuare a crescere una volta che avesse assunto la forma o la forma di qualunque cosa stessimo progettando”, ha detto Dahmen, che ha uno studio di design con Frid-Jimenez ha chiamato AFJD.

Una volta costruirono un muro al Museo di Vancouver che consisteva in singoli mattoni di micelio che furono lasciati vivi e alla fine fusi insieme.

“Quindi potresti immaginare un tipo di tecnologia di costruzione che può evolversi e continuare a crescere, sai – una sorta di magia, in un certo senso”, ha detto.

Nel 2016, hanno creato panchine realizzate in micelio che includevano uno spazio nel mezzo per i funghi alla frutta. Sono rimasti in uso nel campus per diversi mesi.

In genere, in normali condizioni interne o esterne, si seccano e diventano inerti. “Ma questo non significa che non possano risvegliarsi più tardi”, ha detto.

Questa panca di micelio creata da Dahmen e Frid-Jimenez era viva e aveva dei buchi nel mezzo per far crescere i funghi. (Krista Jahnke)

Ciò significa che potrebbe essere possibile progettare un edificio realizzato con materiali inerti a base di micelio che possono essere attivati ​​per decomporsi o auto-demolirsi alla fine della vita utile dell’edificio. “Nelle giuste condizioni, potrebbero risvegliarsi e iniziare a digerire i materiali e finire l’edificio”.

Per cos’altro potrebbe essere usato il micelio in futuro?

Sia Dahmen che Bismarck affermano che ha un grande potenziale come materiale da costruzione, ad esempio per sostituire l’isolamento in schiuma.

Le sue capacità isolanti hanno spinto Dahmen a utilizzare il micelio per creare un bagno di compostaggio biodegradabile per i campi profughi che intrappola il calore per accelerare la decomposizione da parte dei batteri amanti del calore. Dopo l’uso, può essere semplicemente interrato. Dahmen sta persino giocando con l’integrazione dei semi in esso, quindi “fondamentalmente stai convertendo gli escrementi in un’aiuola alla fine”.

Bismarck e Jones hanno sperimentato modi per creare materiali più avanzati dal micelio. Ad esempio, hanno scoperto che coltivandolo in un ambiente ricco di minerali, possono creare pannelli isolanti mineralizzati e resistenti al fuoco.

Il micelio può anche essere utilizzato per creare nuovi materiali avanzati, come questi fogli trasparenti e ultra resistenti. (Alexander Bismarck)

Mentre la maggior parte dei prodotti attuali di micelio sono compositi che includono fibre agricole o di legno, i ricercatori stanno anche cercando di creare “nanomateriali” con funghi puri selezionati per le loro fibre extrafini.

Questi possono essere trasformati in un frullatore con alcuni prodotti chimici in materiali interessanti come fogli trasparenti simili alla carta. La carta micelio può essere resa 10 volte più resistente della carta normale o progettata per filtrare virus o metalli pesanti dall’acqua.

Una delle applicazioni che stanno testando in questo momento sono le medicazioni per ferite a base di micelio, che possono aiutare a ridurre il sanguinamento, tenere lontani i batteri e accelerare la guarigione.

“È semplicemente incredibile quello che può fare un fungo”, ha detto Bismarck, aggiungendo che ci sono circa 5,1 milioni di tipi di funghi là fuori, molti con un potenziale non sfruttato. “È ancora un vasto spazio di biologia che può fare qualcosa per te.”



#Prodotto #con #funghi #micelio #colpisce #mercato #sostituto #verde #della #pelle #della #plastica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *