‘Robot arbitri’ in arrivo nella lega minore, ma ancora un po ‘lontano dalle major

Visualizzazioni: 3
0 0
Tempo per leggere:5 Minuto, 2 Secondo

Se un giocatore di lega minore dice che un arbitro si sta comportando come un robot quest’anno, potrebbe avere ragione.

Arbitri informatici per palloni e strike stanno arrivando in una lega minore di basso livello, ma sono un po ‘lontani dai grandi campionati.

La Major League Baseball prevede di utilizzare la tecnologia Automated Ball-Strike (ABS) in otto dei nove campi da baseball della Low-A Southeast League, che inizierà a giocare il 4 maggio in tutta la Florida mentre il baseball della lega minore riprende dopo una pausa di un anno causata dalla pandemia di coronavirus .

La Major League Baseball Umpires Association ha concordato nel suo contratto di lavoro iniziato nel 2020 di cooperare e assistere se il commissario Rob Manfred decide di utilizzare il sistema a livello di major league. MLB intende includere l’argomento nelle trattative quest’anno per sostituire l’accordo con l’associazione dei calciatori che scade il 1 dicembre.

“È difficile ostacolare se, quando o come potrebbe essere impiegato a livello di major league, perché è una differenza piuttosto sostanziale dal modo in cui il gioco viene chiamato oggi”, ha detto mercoledì Chris Marinak, chief operations and strategy officer della MLB. una presentazione online sull’innovazione 2021 e il coinvolgimento dei fan.

MLB tiene traccia dell’accuratezza delle chiamate di ball strike da parte dei suoi arbitri di base ma non rilascia le cifre. L’arbitro Angel Hernandez, in una causa intentata contro la Major League Baseball, ha affermato che la sua precisione sulle chiamate di palla è aumentata dal 92,19% nel 2012 al 96,88% nel 2016.

La Atlantic League indipendente è diventata la prima lega professionistica americana a consentire a un computer di chiamare palloni e colpire all’All-Star Game nel luglio 2019 e ha sperimentato l’ABS durante la seconda metà di quella stagione. È stato anche utilizzato nell’Arizona Fall League per i migliori potenziali clienti quell’anno, attirando lamentele sulle sue chiamate di rompere le palle.

“L’obiettivo qui è davvero quello di concentrarsi sulla dimostrazione dell’affidabilità del sistema e iniziare a ricevere più feedback dagli atleti da più giocatori, allenatori e arbitri”, ha detto Marinak. “La tecnologia è davvero in buone condizioni.”

Gli esperimenti della lega minore quest’anno includono anche i timer del pitch su La tripla, la doppia e la basso (15 secondi con le basi vuote, 20 secondi con i corridori), un limite di due tentativi di pickoff per apparizione di targa al la basso con un automatico esitare per un tentativo fallito su un terzo, un lanciatore requisito deve scendere dalla gomma prima di pickoff in A alto, un interno requisito in doppia A ha entrambi i piedi sulla terra del campo e un’opzione per richiedere due interni su ciascun lato del secondo base; e basi da 18 pollici invece di 15 pollici a Triple-A.

Giocatori misurati per la zona di attacco prima della partita

Marinak ha detto che i giocatori soggetti all’ABS verranno misurati prima della loro prima partita, e la parte superiore della zona di strike sarà il 56% della loro altezza e la parte inferiore del 28%. La zona dello strike sarà misurata bidimensionalmente nella parte anteriore del piatto di casa.

“Abbiamo una quantità significativa di precisione in questo nuovo sistema, penso leggermente più o meno 0,1 pollici”, ha detto. “La tecnologia è davvero maturata ed è arrivata al punto in cui è pronta per andare. Il ritardo in termini di passaggio successivo in termini di tentativo di implementare il sistema automatizzato di colpi di palla sta davvero facendo capire ai giocatori come funziona e provare a ottenere feedback sulla forma e il design della zona e altri tipi di funzionalità dietro le quinte su come il sistema è strutturato e comunicato con i giocatori.

“Questo è il nostro obiettivo principale ora, è cercare di ampliare il pubblico di giocatori che hanno utilizzato lo strumento e cercare di ottenere un feedback su come gestiamo determinate circostanze che probabilmente non vengono in mente su base giornaliera”.

Preoccupazioni di Curveball

Una preoccupazione è come chiamare un lancio che attraversa la zona dello strike e rimbalza sul piatto, come una palla curva acuta o una palla che si rompe sul mento che cade nella zona.

Il libro delle regole dice che la zona dello strike è quadrata, l’area sopra il piatto di casa che va dal punto medio tra le spalle del battitore e la parte superiore dei suoi pantaloni dell’uniforme fino all’incavo sotto la rotula. Marinak ha ammesso che “la zona non è chiamata in questo modo”.

“C’è una lunga storia nel gioco in cui le persone capiscono solo con i loro occhi e le loro sensazioni che cos’è uno sciopero e cosa non lo è”, ha detto. “E penso che abbiamo molto lavoro da fare per decidere qual è la zona con questo sistema automatizzato? È più una zona di forma ovale, che è più coerente con quella che viene chiamata oggi? È una zona quadrata? una zona tridimensionale? Come si sposta la zona da battitore a battitore? È letteralmente la zona disegnata ad ogni singolo lancio, come è scritto nel libro, o è una zona fissa basata sulla tua altezza come battitore, non importa quanto ti accovacci o ti alzi in piedi? “

La MLB prevede di utilizzare l’ABS anche in questa stagione nella Atlantic League, che ora è una lega partner, e forse durante l’Arizona Fall League.

“Quindi ci sono molte di quelle domande che devono essere risolte prima che possa essere ampiamente utilizzato a qualsiasi livello di major league. Ed è questo il nostro obiettivo per quest’anno”, ha detto Marinak. “E penso solo che in questo momento sia difficile ostacolare come andrà a finire quel processo, quanto tempo ci vorrà, quale sarà il feedback dei giocatori, quale sarà il feedback degli arbitri e come lo tradurremmo in una sequenza temporale per portarlo a livello di major league. E poi c’è anche la questione se ci piace il modo in cui si comporta o meno o si comporta. E penso che dobbiamo avere un’idea migliore di ciò, poiché bene.”

#Robot #arbitri #arrivo #nella #lega #minore #ancora #lontano #dalle #major

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *