Speranze olimpiche nel limbo mentre COVID-19 affonda gli eventi di qualificazione di Tokyo

Visualizzazioni: 14
0 0
Tempo per leggere:1 Minuto, 39 Secondo

Mancano quattro mesi all’inizio delle Olimpiadi riprogrammate a Tokyo, ma la cancellazione degli eventi di qualificazione in varie discipline a causa delle restrizioni COVID-19 sta ancora una volta interrompendo la corsa ai Giochi.

Con una scadenza del 29 giugno fissata dal Comitato Olimpico Internazionale (CIO) per concludere la qualificazione, il 25% dei posti per le quote degli atleti deve ancora essere riempito, con un altro 14% da decidere in base alle classifiche.

La Ginnastica Artistica All-Around World Cup di maggio a Tokyo è stata annullata questa settimana in seguito alla cancellazione degli eventi di Stoccarda e Birmingham, costringendo le autorità a considerare i campionati del mondo 2019 come un mezzo per premiare le iscrizioni ai Giochi di Tokyo.

Nel frattempo, anche le qualificazioni olimpiche panamericane di canoa sprint di aprile a Curitiba, in Brasile, sono state annullate con 14 posti che saranno determinati dalla Federazione internazionale di canoa, che sono in trattativa con il CIO sulle fasi successive.

Le qualificazioni europee di boxe, iniziate a Londra l’anno scorso prima che la pandemia interrompesse lo sport, si terranno ora a Parigi a giugno, ma la qualificazione finale mondiale di boxe olimpica è stata annullata, con sgomento di molti pugili.

Il CIO – che ha sospeso l’International Boxing Association nel 2019 – ora ha il compito di assegnare oltre 50 posti in diverse regioni sulla base dei risultati dal 2017.

I triatleti stanno anche aspettando con ansia che gli eventi di qualificazione ricominciano a maggio, con il comitato esecutivo del World Triathlon che prenderà una decisione finale il 18 marzo.

Nelle ultime settimane, il CIO ha ribadito con fermezza la sua posizione sull’impegno a garantire che i Giochi di Tokyo vadano avanti, con la possibilità di posticipare l’evento una seconda volta fuori dal tavolo.

Tuttavia, molti atleti che devono ancora battere il biglietto per Tokyo aspetteranno con il fiato sospeso fino a quando le federazioni internazionali non renderanno le cose chiare.

#Speranze #olimpiche #nel #limbo #mentre #COVID19 #affonda #gli #eventi #qualificazione #Tokyo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *