Trudeau dice che non ha bisogno di un mandato per il bilancio pandemico perché ne ha già uno

Visualizzazioni: 16
0 0
Tempo per leggere:2 Minuto, 47 Secondo

Il primo ministro Justin Trudeau dice che non ha bisogno di indire un’elezione per ottenere un mandato dai canadesi per attuare il prossimo bilancio federale perché ne ha già uno.

Trudeau ha fatto le osservazioni in un’intervista a Peter Mansbridge, l’ex conduttore di The National che ora ospita Il ponte podcast, che può essere ascoltato anche su Sirius XM.

Ieri, il ministro delle finanze Chrystia Freeland ha annunciato che il 19 aprile verrà consegnato il primo bilancio federale in più di due anni.

Il budget dovrebbe fornire una contabilità completa di tutta la spesa pubblica durante la pandemia, che ha portato il deficit per l’anno fiscale a quasi $ 400 miliardi.

Si prevede inoltre di delineare il piano dei liberali di spendere tra $ 70 e $ 100 miliardi nei prossimi anni in stimoli per aiutare l’economia a riprendersi.

Al primo ministro è stato chiesto se pensava di dover andare dai canadesi per un nuovo mandato per eseguire il bilancio. Trudeau ha sottolineato che non gli è stato dato il mandato di rinegoziare il NAFTA dopo essere stato eletto per la prima volta nel 2015.

“Siamo stati eletti nel 2019 con il mandato di continuare a lavorare sulla riconciliazione, continuare a lavorare sui vulnerabili, continuare a lavorare sull’economia e questa pandemia si è verificata”, ha detto. “E sì, abbiamo dovuto fare ogni genere di cose di cui non si era parlato in quella campagna elettorale, ma sono anche cose che sono fedeli alla leadership, ai valori e al quadro che ho presentato.

“Penso che le persone possano praticamente capire che di fronte a questa crisi, conoscono i valori che avremo. Ma sì, ci saranno dibattiti politici davvero importanti su come sarà la ripresa”.

Le varianti aumentano l’incertezza sulla tempistica della pandemia

Trudeau ha anche detto di capire che, a più di un anno dall’inizio della pandemia, i canadesi sono ansiosi di sapere se saranno in grado di celebrare il Canada Day con gli amici.

Ha detto che c’è una possibilità che i limiti alle riunioni possano essere revocati a quel punto, se le scorte di vaccino continuano ad arrivare e se le varianti del virus COVID-19 non causano il ripetersi della pandemia.

“Penso che stiamo iniziando a emergere dall’oscurità”, ha detto a Mansbridge. “Ma è quasi come uno di quei brutti film in cui man mano che ti avvicini alla fine, c’è un ultimo pericolo e sono queste varianti che stanno diventando davvero difficili, pesanti e molto più trasmissibili. Quindi dobbiamo resistere, anche se noi siete tutti esausti. ”

La fornitura di vaccini in Canada dipende dalle catene di approvvigionamento globali. Molte delle spedizioni di vaccini del Canada provengono dall’Unione Europea, il che minaccia di imporre restrizioni all’esportazione di vaccini che potrebbero interessare il Canada.

L’ufficio del ministro delle piccole imprese Mary Ng ha detto martedì sera a CBC News che la fornitura di vaccini in Canada dovrebbe essere sicura.

“Le controparti del ministro Ng le hanno assicurato che queste misure non influenzeranno le spedizioni di vaccini in Canada, e il nostro governo è stato in costante contatto con le nostre controparti nell’UE e nei suoi stati membri a tutti i livelli di governo”, afferma il comunicato.

L’intervista completa con Trudeau su Il ponte va in onda il canale 167 di Sirius XM mercoledì alle 13:00 ET di mercoledì.

#Trudeau #dice #che #bisogno #mandato #bilancio #pandemico #perché #già #uno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *